0 9 minuti 2 anni

CINA  /  DIPLOMAZIA
I referendum delle regioni ucraine portano il conflitto in una nuova fase; L’UE ingoierà frutti amari se continua a legarsi agli Stati Uniti

Pubblicato: 23 settembre 2022 22:36

Il 23 settembre 2022 si svolge a Luhansk, in Ucraina, un raduno automobilistico per un referendum locale per l'adesione alla Federazione Russa.  I referendum di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia dureranno fino al 27 settembre. Foto: IC

Il 23 settembre 2022 si svolge a Luhansk, in Ucraina, un raduno automobilistico per un referendum locale per l’adesione alla Federazione Russa. I referendum di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia dureranno fino al 27 settembre. Foto: IC

Il referendum di quattro regioni ucraine sull’adesione alla Russia è iniziato venerdì tra la forte opposizione di Stati Uniti ed Europa e la promessa di ulteriori sanzioni contro la Russia, mentre gli osservatori cinesi hanno affermato che il conflitto Russia-Ucraina entrerà in una nuova fase, poiché la Russia potrebbe massimizzare l’uso del carta del gas naturale ed è probabile che l’Europa assapori gli amari risultati di un legame stretto con gli Stati Uniti. 

Secondo TASS, la prima giornata dei referendum si è svolta con calma, la prontezza al combattimento è stata rafforzata per i referendum e tutti i seggi elettorali sono presidiati. 

Il processo per l’adesione del Donbass e di altri “territori liberati” alla Russia procederà rapidamente nel caso in cui i loro residenti votino a favore della mossa, ha detto ai giornalisti venerdì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, secondo TASS. 

In un discorso video di mercoledì mattina, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la Russia sosterrà la decisione presa durante i referendum.

Due regioni orientali ucraine che hanno dichiarato “indipendenza”, Donetsk e Luhansk, così come le oblast di Kherson e Zaporizhzhia occupate dalla Russia, hanno annunciato martedì che terranno referendum da venerdì al 27 settembre per unirsi alla Russia.

Quasi subito dopo la diffusione della notizia del referendum, gli Stati Uniti ei loro alleati si sono precipitati a condannare la mossa e hanno dichiarato che non riconosceranno i risultati. Giovedì, i ministri degli Esteri del G7 hanno nuovamente condannato la Russia in una riunione e hanno promesso di introdurre ulteriori sanzioni. 

Secondo il Dipartimento di Stato americano, i ministri degli Esteri del G7 hanno condannato fermamente i “fasi referendum sul territorio ucraino sovrano”, che è temporaneamente sotto il controllo russo. Hanno aggiunto che qualsiasi annessione del territorio ucraino sarebbe una grave violazione della sovranità dell’Ucraina e della Carta delle Nazioni Unite e hanno invitato tutti gli stati a condannare inequivocabilmente qualsiasi referendum ea non riconoscere i risultati. Il G7 perseguirà anche ulteriori sanzioni mirate e si impegna a sostenere pressioni economiche e politiche sulla Russia. 

I referendum nelle quattro regioni sull’adesione alla Russia rispettano le norme internazionali e la Carta delle Nazioni Unite, ha detto venerdì ai giornalisti la portavoce del Consiglio della Federazione Russa Valentina Matviyenko, ha riferito TASS. 

Secondo lei, i paesi occidentali “si sono affrettati a dire” ancor prima dell’inizio dei referendum che non avrebbero riconosciuto il loro esito. “Ma questo non sorprende più nessuno. È così che l’Europa e gli Stati Uniti hanno confermato il loro cinismo e hanno dimostrato di non essere interessati all’opinione dei cittadini di queste regioni”, ha affermato Matvienko.

Cui Heng, assistente ricercatore presso il Center for Russian Studies presso la East China Normal University, ha dichiarato venerdì al Global Times che con il referendum le tensioni nel conflitto Russia-Ucraina potrebbero intensificarsi in un modo che potrebbe svilupparsi da un conflitto per procura tra Russia e Ucraina a un vero e proprio conflitto tra Russia e Occidente, ma l’intensità del conflitto sarà inferiore. 

Cui ha detto che è più probabile che la Russia e l’Occidente si impegnino in una guerra di parole per il prossimo passo, e apparentemente gli Stati Uniti e l’Occidente hanno politicizzato e strumentalizzato l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che è diventata uno strumento per un paese per affrontare un altro invece di una piattaforma per risolvere le controversie. 

“Questo sta minando e scuotendo l’ordine internazionale del secondo dopoguerra, minando l’autorità dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, l’autorità delle Nazioni Unite”, ha affermato Cui.

Foto: Per gentile concessione del Ministero degli Affari Esteri

Foto: Per gentile concessione del Ministero degli Affari Esteri

Un giorno prima dell’inizio dei referendum, il consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi ha tenuto un incontro con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba e ha espresso chiaramente la posizione della Cina sulla crisi ucraina. 

Wang ha affermato che il presidente cinese Xi Jinping ha sottolineato che la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i paesi devono essere rispettate, gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite devono essere pienamente rispettati, le legittime preoccupazioni per la sicurezza di tutti i paesi devono essere prese sul serio e tutti gli sforzi che sono favorevoli alla soluzione pacifica della crisi devono essere sostenuti. Questa è l’esposizione più autorevole della Cina sulla questione ucraina, ed è anche il principio fondamentale della Cina nel considerare e gestire questo problema, ha detto Wang.

I referendum del Donbas e di altre regioni per l’adesione alla Russia rappresentano un cambiamento qualitativo nella crisi ucraina. Se queste regioni alla fine si uniranno alla Russia, qualsiasi azione futura o attacco contro di loro potrebbe indurre la Russia a utilizzare ogni possibile mezzo militare e politico basato sulla sua costituzione e leggi, ha detto al Global Times un esperto di Pechino che ha chiesto l’anonimato.

L’operazione militare russa non ha cambiato l’atteggiamento degli Stati Uniti e dell’UE nei confronti della Russia, e deve fare un ulteriore passo avanti per vedere la loro ulteriore risposta, il che significa che non ha voluto escludere i negoziati, ma ha spinto gli Stati Uniti e l’UE a considerare la preoccupazioni, ha affermato l’esperto, osservando che né la Russia né l’Europa possono permettersi di scendere a compromessi. 

Nuova fase 

L’esperto anonimo ha affermato che la crisi ucraina potrebbe entrare in una nuova fase, con la Russia che si prepara in due direzioni: massimizzare l’uso della carta degli accordi sul gas naturale poiché molti paesi europei entreranno presto nell’inverno più rigido, ed espandere le operazioni di truppe meccanizzate e preparandosi a migliorare la sua scala di combattimento. 

La direzione in cui va la situazione attuale dipende da ciò che l’UE sceglie di fare: se insiste nel legarsi strettamente agli Stati Uniti, ingoierà un risultato amaro; se non sceglie gli Stati Uniti, potrebbe intrattenere negoziati con la Russia; la terza scelta è rimanere bloccati in una situazione di stallo, ha detto l’esperto. 

I leader europei non hanno l’indipendenza strategica e il coraggio di rompere la situazione di stallo e sono esausti psicologicamente, economicamente e militarmente, poiché il loro unico strumento di sanzioni non è riuscito a sconfiggere la Russia, ha affermato l’esperto anonimo. 

L’imposizione di sanzioni ha danneggiato i paesi europei più della Russia e molti di loro hanno dovuto pagare prezzi più alti per il gas naturale tramite spedizioni in transito in paesi terzi, hanno affermato gli analisti, osservando che non tutti i paesi dell’UE saranno in grado di sopportare la carenza di energia a lungo termine. 

Le sanzioni energetiche dell’UE contro la Russia non hanno sconfitto il Paese, ma hanno invece scosso l’unità del blocco stesso. 

Secondo AP, il leader del caucus del partito di governo ungherese, Mate Kocsis, ha dichiarato giovedì in una conferenza stampa: “Le sanzioni stanno causando danni. Stanno distruggendo l’economia europea. Dobbiamo convincere i decisori europei, i membri dell’élite, che non dovrebbe mantenere le sanzioni energetiche perché ne usciranno grossi problemi”. 

Sorgente: I referendum delle regioni ucraine portano il conflitto in una nuova fase; L’UE ingoierà frutti amari se continua a legarsi agli USA – Global Times