Israele: 670 gravemente malati? I numeri sono molto più alti – Canale 7

Israele: 670 gravemente malati? I numeri sono molto più alti – Canale 7

8 Settembre 2021 0 Di marco zinno
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

L’organizzazione Yad Sarah è in gravi difficoltà a causa della carenza di generatori di ossigeno consegnati ai pazienti Corona ricoverati in ospedale. Il direttore generale dell’organizzazione, Moishe Cohen, parla del disagio e chiarisce: Il numero di pazienti gravi è molto più grande, mentre il ministero della Salute parla di 670 pazienti, sono più di 2.000 i ricoverati in più da Yad Sarah.

“Abbiamo un serio problema di privazione di ossigeno in Israele. Nelle precedenti ondate c’era grande angoscia, ma abbiamo raccolto ingenti donazioni e trasportato 5.000 generatori di ossigeno in Israele che sono stati trasferiti ai pazienti ricoverati a casa su raccomandazione di un medico”, afferma Cohen. ” Di solito il medico avverte di non andare in ospedale e a volte l’ospedale dice loro di essere ricoverati a casa per non essere soli e con tutti i pazienti”.

 

Ignorando di fronte alle avversità. Moishe Cohen

 

Oggi, afferma Cohen, circa 2.300 generatori di ossigeno sono distribuiti in tutto Israele tra i pazienti dichiarati corona. Il resto dei generatori è rimasto in alcuni pazienti che ne avevano bisogno anche dopo il recupero, alcuni ora stanno subendo una procedura di riutilizzo e alcuni sono caduti in disuso a causa della delicatezza del dispositivo.

“La situazione dei generatori è molto grave”, afferma Cohen. “Questa mattina non abbiamo più i generatori e stiamo spostando i generatori da un ramo all’altro, al momento siamo dispersi nell’area di Gerusalemme. Ci stiamo spostando dalla periferia dove anche lì la situazione non è buona, ma la pressione è minore. “

Cohen afferma che la condotta del sistema sanitario è “buona condotta. Gli ospedali stanno facendo un buon lavoro. Il problema è il Ministero della Salute che deve vedere come può essere ulteriormente alleviato. Abbiamo tre obiettivi nei ricoveri domiciliari. Il primo l’obiettivo è salvare vite umane. Sappiamo tutti chi resta a casa. Il suo obiettivo è recuperare molto più di chi è ricoverato. Il secondo obiettivo è alleviare lo stress degli ospedali. Oggi le persone ricoverate vengono già inviate dagli ospedali di Gerusalemme al centro-nord Il terzo obiettivo è risparmiare denaro per il Paese.

“Non ho problemi con i soldi trasferiti alle HMO”, dice, ma nota subito che “a partire da giovedì sera, 78 persone sono ricoverate a casa dalle HMO. D’altra parte, 2300 sono ricoverate in ospedale da Yad Sara. Noi chiesto allo Stato metà della somma, 9 milioni di NIS e raccoglieremo donazioni “Nove milioni di shekel e così salveremo il popolo di Israele. Purtroppo, visto che gridiamo forte, nessuno del Ministero della Salute ha risposto. Gli amministratori dell’ospedale hanno si è anche avvicinato a loro e ha spiegato che non stiamo solo gridando, il più grande fornitore di ossigeno in Israele è Yad Sarah”.

Dice Cohen: “Naftali Bennett è venuto a Yad Sara 4-5 mesi fa, gli abbiamo mostrato la questione del ricovero domiciliare. Ha detto allora che non poteva essere che lo Stato di Israele non prendesse la start-up medica di Yad Sarah e la adottasse. Oggi gli dico di abbracciare le cose che hai detto tu stesso. Hai compreso i benefici e i risparmi per lo Stato di Israele. Cosa aspetti? Nell’ultima settimana sono morte più di centocinquanta persone. Queste sono tre autobus pieni che sono morti da Corona.”

Quando gli chiediamo se ha una spiegazione tra di sé per lo stato ignorando le sue richieste di aiuto, Moishe Cohen risponde: “Non ne ho idea. Il ministro della salute doveva venire da noi una settimana fa. Per vari motivi non è potuto venire, ma gli alti funzionari sono venuti da noi, abbiamo fatto loro l’offerta e abbiamo chiesto loro di tornare da noi, ma finora lo stiamo ignorando”.

Alla luce di questi dati presentati da Cohen ci chiediamo come siano i numeri di 2300 utilizzatori di generatori di ossigeno a causa della grave malattia corona, con i dati del Ministero della Salute su circa 670 pazienti gravemente malati. “C’è una morbilità latente delle persone che non si denunciano”, afferma Cohen, chiarendo che il dato pubblicato dal Ministero della Salute si basa su uno standard europeo della definizione di ‘malato grave’, ma in pratica, quando si esamina il numero reale , “gravemente malato accompagnato da Yad Sarah “Lo Stato di Israele ha adottato lo standard europeo, ma non c’è dubbio che c’è un’altra enorme quantità di persone che consumano ossigeno e sono sotto la supervisione di un medico. Il ministero della Salute lo sa “, dice, chiedendo un consolidamento dei dati da tutte 

Sorgente: 670 gravemente malato? I numeri sono molto più alti – Canale 7

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot