Mercenari ucraini dimenticati a Kabul lanciano un segnale d’aiuto

Mercenari ucraini dimenticati a Kabul lanciano un segnale d’aiuto

27 Agosto 2021 0 Di marco zinno
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Chi sono i mercenari ucraini dimenticati a Kabul?

Dopo l’URSS, l’Ucraina si trova un grande esercito ingestibile economicamente. Riforma, quindi l’esercito tagliando 700.000 posti di lavoro a militari con un reddito stabile. Il governo risolve cosi anche il problema sulla minaccia all’ordine pubblico dal malcontento di migliaia di militari ben addestrati e ben organizzati. Inoltre, apre all’industria mercenaria permettendo a questi ex soldati di “reimpiegarsi”. Pertanto, l’industria mercenaria ucraina diventa una delle maggiori fonti di mercenari nel mondo. Questi mercenari sono quelli che agli Usa piace impiegare di più nelle guerre ombra. I mercenari sono addestrati dall’ex esercito sovietico, con professionalità militare molto più alta di altre regioni. Costano la meta di un qualsiasi mercenario. Mercenari statunitensi, mensilmente guadagnano 20.000 dollari contro i 5.000 o 10.000 che prendono gli ucraini. Una volta che i soldati americani o i mercenari americani sono catturati o torturati, questo porterà sicuramente una notevole pressione politica al governo statunitense.


Zelensky firma leggi sulla resistenza nazionale

Esercitazioni militari in Ucraina con USA, Polonia e Lituania

La nuova strategia di politica estera Ucraina


Qual era il loro compito in Afghanistan?

Migliaia di mercenari provenienti dall’Ucraina e da altre regioni dell’Europa orientale sono attivi in Afghanistan fin dall’inizio del conflitto. Impiegati per compiti pericolosi, come la ricognizione, lo sminamento e le emergenze. Allo stesso tempo, l’esercito americano li usa durante questi vent’anni come “i guanti bianchi”. Lasciati a proteggere la base dai saccheggi e dallo smaltimento delle attrezzature militari. L’Associazione statunitense fornitori di servizi tecnici e professionali, afferma che dal 2001, il numero di mercenari uccisi in battaglia in Afghanistan è 30% in più del numero di soldati statunitensi. Solo il 32% dei mercenari sono americani, il resto sono tutti stranieri. Poiché il governo statunitense necessità l’impiego di questi mercenari ucraini per fare il “lavoro sporco”, non firma mai direttamente contratti con loro. Invece, usa elementi esterni, ossia agenzie di mercenari. Questo significa che in senso strettamente legale, il governo e l’esercito statunitense non hanno obblighi legali nei loro confronti.

Kiev non conosce il numero effettivo degli ucraini a Kabul

Kiev non sa quanti connazionali siano in Afghanistan. Alcuni media sostengono che più di 150 ucraini sono pronti ad evacuare verso il loro paese. Nel video affermano che: “Ieri il nostro Ministero della Difesa ha detto che il nostro contingente è ritirato e tutto va bene. Oggi la situazione è diversa. Siamo rimasti almeno in quattro e non ci viene dato alcun aiuto. Siamo già affrontati dai talebani oggi, abbiamo dovuto dire che eravamo russi e ha funzionato”, dice uno degli uomini nel video. “Abbiamo chiesto aiuto, ma nessuno ci ascolta. Non sappiamo cosa fare. C’è una sola via d’uscita: avvicinare i russi, il loro consolato. Dobbiamo fare qualcosa. Pertanto, per non essere accusato di tradimento, lo dico in anticipo, che saremo costretti a fare appello ai russi”, ha aggiunto. Secondo i portali di informazione controllati da Kiev, l’intero video con gli ucraini bloccati è un’abile manipolazione della propaganda russa.

Sorgente: Mercenari ucraini dimenticati a Kabul lanciano un segnale d’aiuto

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot