PALESTINA. Palestinesi ancora in piazza: “Abbas vattene” | Nena News

PALESTINA. Palestinesi ancora in piazza: “Abbas vattene” | Nena News

6 Luglio 2021 0 Di marco zinno

Roma, 5 luglio 2021, Nena News – Non si placano le tensioni nella Cisgiordania Occupata dove sabato pomeriggio centinaia di palestinesi hanno nuovamente protestato contro l’Autorità nazionale Palestinese (Anp) per l’uccisione lo scorso 24 giugno dell’attivista Nizar Banat. I manifestanti hanno marciato nelle strade di Ramallah al grido “Vattene Abbas” in riferimento al presidente palestinese da 16 anni al potere.

Banat – noto critico di Abbas e dell’Autorità palestinese e che era già finito in prigione in passato per le sue posizioni – era stato dichiarato morto qualche ora dopo la sua detenzione per mano delle forze di sicurezza palestinesi nei pressi di Hebron. Banat era anche un candidato della lista elettorale “Libertà e Dignità” per le elezioni parlamentari palestinesi che si sarebbero dovute tenere il 22 maggio scorso ma che l’Anp ha poi procrastinato.

La sua uccisione per mano degli agenti dell’Autorità palestinese – ente nato con gli “Accordi di pace di Oslo” nel 1993 e che controlla a malapena il 40% della Cisgiordania occupata da Israele – ha provocato molta rabbia nei Territori occupati dimostrando nuovamente la dura repressione operata dalle autorità palestinesi nei confronti di chi dissente. I manifestanti scesi in strada in questi giorni sono stati duramente presi di mira dalle forze di sicurezze nonché dai simpatizzanti del partito di governo Fatah. Ad essere state oggetto delle “attenzioni” delle forze dell’Anp sono state anche le giornaliste che seguono le proteste: quest’ultime denunciano di essere state picchiate e minacciate di essere stuprate.

La rabbia popolare contro l’Anp non nasce però solo nelle ultime settimane: un numero crescente di palestinesi, infatti, vede sempre più questo organismo come una estensione dell’occupazione israeliana. Tra i punti che più suscitano l’indignazione dei palestinesi c’è sicuramente il coordinamento alla sicurezza che l’Anp mantiene con Israele: di fatto le forze dell’Autorità sono in contatto regolare con quelle “nemiche” israeliane. Ciò vuol dire che queste unità possono ritirarsi in caso di un blitz dell’esercito israeliano o arrestare i palestinesi ricercati da Israele. Il principale bersaglio della rabbia dei manifestanti resta soprattutto il presidente Abbas salito al potere nel 2005 dopo la morte di Arafat e il cui mandato è ufficialmente finito nel 2009 ma che continua ad essere in carica dato che le presidenziali non hanno luogo da 16 anni.

Elezioni per eleggere un nuovo presidente si sarebbero dovute tenere il prossimo 31 luglio, ma come le legislative, sono state rimandate lo scorso aprile. Ufficialmente perché non veniva garantito ai palestinesi della parte occupata di Gerusalemme est di votare. Tuttavia, secondo molti commentatori, il vero motivo dietro questa decisione risiede nel fatto che Abbas temeva una vittoria schiacciante dei rivali islamisti di Hamas.

Ad aumentare le tensioni ci pensa poi IsraeleIeri, infatti, l’esercito israeliano ha arrestato l’attivista palestinese per i diritti umani Farid al-Atrash mentre tornava dalla protesta contro l’Anp che si era tenuta a Ramallah (sede delll’Autorità palestinese). Al-Atrash – ha poi riferito alla stampa l’attivista palestinese Issa Amro – è stato poi rilasciato qualche ora dopo la sua detenzione nell’ospedale in cui era stato ricoverato senza alcun chiaro motivo (la polizia e l’esercito israeliani non hanno per ora commentato la notizia). Ma domenica, sempre secondo Amro, sarebbe stato arrestato per qualche ora dalle forze dell’Anp anche un altro attivista per i diritti umani, Mohannad Karajah, che è impegnato nelle ultime settimane a difendere i manifestanti arrestati dall’Autorità palestinese.

In questo clima rovente, c’è poi l’occupazione israeliana che ha causato sabato pomeriggio l’uccisione del 21enne palestinese Mohammed Hassan. Il giovane, insieme ad un gruppo di persone, stava lavorando alla nuova casa di famiglia nei pressi del villaggio di al-Qusra (vicino a Nablus, nel nord della Cisgiordania) quando è stato improvvisamente attaccato da un gruppo di coloni. Hassan, raccontano i palestinesi, si sarebbe rintanato quindi in casa e sarebbe salito sul tetto dove avrebbe lanciato delle pietre verso i coloni nel tentativo di difendere la sua abitazione. Azione che gli è risultata fatale perché il ragazzo veniva colpito mortalmente al petto da 3 pallottole vere sparate dell’esercito israeliano. Tel Aviv non ha commentato per ora la notizia.

Secondo dati dell’Onu, gli attacchi dei coloni contro i palestinesi sono aumentati significativamente nel 2020: gli incidenti provocati dalle violenze dei settler sono stati infatti 771 e hanno ferito 133 palestinesi, danneggiato 9.646 alberi e 184 macchine. Nena News

Sorgente: PALESTINA. Palestinesi ancora in piazza: “Abbas vattene”

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •