Perchè la maggior parte delle persone che muoiono in inghilterra sono vaccinate  | David Spiegelhalter and Anthony Masters | The Guardian

29 Giugno 2021 0 Di marco zinno

traduzione di un articolo del “The Guardian”  vedi link alla sorgente in fondo all’articolo”

Il titolo del MailOnline del 13 giugno recitava : “Lo studio mostra che il 29% delle 42 persone che sono morte dopo aver preso il nuovo ceppo aveva ENTRAMBE le vaccinazioni”. Nel briefing tecnico di Public Health England del 25 giugno, tale cifra era salita al 43% (50 su 117), con la maggioranza (60%) che aveva ricevuto almeno una dose.

Potrebbe sembrare preoccupante che la maggior parte delle persone che muoiono in Inghilterra con l’ormai dominante variante Delta (B.1.617.2) sia stata vaccinata. Questo significa che i vaccini sono inefficaci?

 Al contrario, è quello che ci aspetteremmo da un vaccino efficace ma imperfetto, un profilo di rischio che varia enormemente in base all’età e al modo in cui i vaccini sono stati implementati.

Considera il mondo ipotetico in cui tutti avevano ricevuto un vaccino tutt’altro che perfetto. Sebbene il tasso di mortalità sarebbe stato basso, tutti i deceduti sarebbero stati completamente vaccinati.

I vaccini non sono perfetti. PHE stima l’ efficacia di due dosi contro il ricovero ospedaliero con le infezioni Delta a circa il 94%. Possiamo forse presumere che ci sia almeno il 95% di protezione contro la morte da Covid-19, il che significa che il rischio letale è ridotto a meno di un ventesimo del suo valore normale.

Ma il rischio di morire di Covid-19 è straordinariamente dipendente dall’età : si dimezza per ogni differenza di età tra i sei e i sette anni. Ciò significa che una persona di 80 anni completamente vaccinata si assume essenzialmente il rischio di una persona non vaccinata di circa 50 anni – molto più bassa, ma ancora non nulla, e quindi possiamo aspettarci alcuni decessi.

Il rapporto PHE rivela anche che quasi un terzo dei decessi per la variante Delta sono di persone non vaccinate sopra i 50 anni, il che potrebbe sorprendere data l’elevata copertura vaccinale; per esempio, OpenSAFELY stima più del 93% tra i 65-69 anni. Ma ci sono tassi più bassi nelle aree svantaggiate e per alcune etnie e comunità con una copertura limitata continueranno a subire perdite superiori alla loro giusta quota.

Copertura ed efficacia sono numeri importanti per valutare i programmi di vaccinazione. È meglio guardare le analisi interessanti degli analisti, piuttosto che le riprese calde sui social e su altri media.

  • David Spiegelhalter è presidente del Winton Center for Risk and Evidence Communication a Cambridge. Anthony Masters è ambasciatore statistico per la Royal Statistical Society

… visto che oggi vieni con noi dall’Italia, abbiamo un piccolo favore da chiederti. Decine di milioni hanno riposto la loro fiducia nel giornalismo di grande impatto del Guardian da quando abbiamo iniziato a pubblicare 200 anni fa, rivolgendosi a noi nei momenti di crisi, incertezza, solidarietà e speranza. Più di 1,5 milioni di lettori, provenienti da 180 paesi, hanno recentemente fatto il passo per sostenerci finanziariamente, mantenendoci aperti a tutti e fieramente indipendenti.

Senza azionisti o proprietari miliardari, possiamo stabilire la nostra agenda e fornire un giornalismo affidabile, libero da influenze commerciali e politiche, offrendo un contrappeso alla diffusione della disinformazione. Quando non è mai importato di più, possiamo indagare e sfidare senza paura o favore.

A differenza di molti altri, il giornalismo del Guardian è disponibile per la lettura di tutti, indipendentemente da quanto possono permettersi di pagare. Lo facciamo perché crediamo nell’uguaglianza delle informazioni. Un numero maggiore di persone può tenere traccia degli eventi globali, comprendere il loro impatto su persone e comunità e trarre ispirazione per intraprendere azioni significative.

Il nostro obiettivo è offrire ai lettori una prospettiva globale e internazionale sugli eventi critici che modellano il nostro mondo: dal movimento Black Lives Matter, alla nuova amministrazione americana, alla Brexit e alla lenta uscita del mondo da una pandemia globale. Ci impegniamo a difendere la nostra reputazione di reportage urgenti e potenti sull’emergenza climatica e abbiamo preso la decisione di rifiutare la pubblicità delle aziende di combustibili fossili, di disinvestire dalle industrie del petrolio e del gas e di impostare un percorso per raggiungere emissioni nette pari a zero entro il 2030.

Se c’è mai stato un momento per unirsi a noi, è adesso. Ogni contributo, grande o piccolo che sia, alimenta il nostro giornalismo e sostiene il nostro futuro. Sostieni il Guardian a partire da 1 €: basta un minuto. Se puoi, considera di sostenerci con un importo regolare ogni mese. Grazie.

Sorgente: Why most people who now die with Covid in England have had a vaccination | David Spiegelhalter and Anthony Masters | The Guardian

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •