Gli Stati Uniti sequestrano tre dozzine di siti Web accusati di  “disinformazione iraniana” | Notizie sulla libertà di stampa  Al Jazeera

Gli Stati Uniti sequestrano tre dozzine di siti Web accusati di  “disinformazione iraniana” | Notizie sulla libertà di stampa  Al Jazeera

23 Giugno 2021 0 Di marco zinno

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha sequestrato 33 siti web di media affiliati al governo iraniano, nonché tre del gruppo iracheno Kataeb Hezbollah, che secondo lui erano ospitati su domini di proprietà degli Stati Uniti in violazione delle sanzioni.

I visitatori dei principali siti mediatici iraniani come Press TV e Al-Alam, le principali emittenti in lingua inglese e araba del paese, nonché il canale televisivo Al-Masirah degli Houthi dello Yemen, hanno incontrato mercoledì dichiarazioni di una sola pagina, che dichiarano il sito web “è stato sequestrato dal governo degli Stati Uniti” accompagnato dai sigilli del Federal Bureau of Investigation e del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

I 33 siti web erano detenuti dall’Unione della Radio e Televisione Islamica iraniana (IRTVU), che secondo quanto riferito è gestita dalla Forza Quds del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC).

 

Sia l’IRTVU che l’IRGC sono stati inseriti nella lista nera delle sanzioni statunitensi, rendendo illegale per gli americani, le società statunitensi e le società straniere o non americane con sussidiarie statunitensi intrattenere affari con loro o con le loro sussidiarie.

Kataeb Hezbollah, il gruppo iracheno che possedeva tre siti sequestrati, è una fazione militare con stretti legami con Teheran che Washington ha formalmente designato come gruppo terroristico.

Il governo degli Stati Uniti ha anche rilevato il nome di dominio del sito web di notizie Palestine Today, che riflette i punti di vista dei gruppi Hamas e Jihad islamica con sede a Gaza , reindirizzando il sito allo stesso avviso.

Anche la LuaLua TV del Bahrain, un canale gestito da gruppi di opposizione con sedi a Londra e Beirut, è stata sequestrata dagli Stati Uniti.

L’IRIB ha accusato gli Stati Uniti di reprimere la libertà di espressione e di unire le forze con Israele e Arabia Saudita “per bloccare i media pro-resistenza che espongono i crimini degli alleati statunitensi nella regione”.

Sul sito web della loro ala politica, gli Houthi hanno bollato l’azione come “pirateria americana e confisca del copyright”.

“Il governo degli Stati Uniti d’America sta vietando il sito web di Al-Masirah senza alcuna giustificazione o preavviso”, hanno affermato.

A-Masirah ha creato rapidamente un nuovo sito Web, usando il suo nome ma scambiando il dominio .net con .com.

Sorgente: Gli Stati Uniti sequestrano tre dozzine di siti Web utilizzati per “disinformazione iraniana” | Notizie sulla libertà di stampa | Al Jazeera

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •