0 2 minuti 3 anni

Alle elezioni di martedì nella comunità autonoma di Madrid, in Spagna, la destra ha vinto superando i pronostici già favorevoli: Isabel Díaz Ayuso, governatrice uscente di centrodestra e candidata del Partito popolare (PP), ha ottenuto quasi la metà dei seggi del parlamento locale, che le consentiranno di governare da sola con il sostegno esterno del partito di estrema destra Vox, mentre a sinistra e al centro ci sono stati crolli e sommovimenti che potrebbero avere conseguenze anche a livello nazionale.

Il Partito socialista (PSOE), che è la principale forza politica del governo nazionale, nella comunità autonoma ha ottenuto uno dei suoi risultati peggiori in decenni ed è stato superato da Más Madrid, un partito che fino a poco tempo fa aveva avuto scarso rilievo. Nel frattempo un partito è sparito, forse non solo da Madrid ma anche dalla scena nazionale – Ciudadanos, di centro, che è passato da 26 deputati a zero – e un altro è entrato in crisi gravissima: Pablo Iglesias, leader storico di Unidas Podemos (UP) che si era candidato per favorire la vittoria della sinistra, ha ottenuto un risultato molto deludente e ha annunciato che lascerà la politica.

Sorgente: La vittoria della destra a Madrid – Il Post