il manifesto del 25.05.2021 – il manifesto

il manifesto del 25.05.2021 – il manifesto

25 Maggio 2021 0 Di Luna Rossa

Le pressioni di Confindustria hanno la meglio. A quattro giorni dal consiglio dei ministri, Draghi decide di cancellare il compromesso voluto dal ministro Orlando: salta il blocco dei licenziamenti fino al 28 agosto. Le imprese avranno mani libere dal 1° luglio

Economia

Licenziamenti, niente stop: Draghi dà ragione a Bonomi

Massimo Franchi

Cancellato il compromesso sull’allungamento al 28 agosto voluto dal ministro Orlando. A 4 giorni dal consiglio dei ministri, le pressioni della destra producono la retromarcia sul testo. Nota serale di palazzo Chigi annuncia la gratuità della cig fino a fine anno per le imprese che non licenziano. Il Pd abbozza: confermata la nostra impostazione

Commenti

Soprintendenza speciale unica, scacco matto

Arianna Di Genova

L’idea del ministro Franceschini di creare un organismo con i super poteri per sveltire le procedure in materia di beni culturali e paesaggio significa il commissariamento della tutela

Giustizia, l’assist del Colle a Cartabia

Andrea Fabozzi

La ministra alle prese con le resistenze dei 5 Stelle, che incontrerà presto, e con l’annuncio di referendum di Salvini. Il nodo degli emendamenti sulla prescrizione e sul sistema elettorale del Csm. Mattarella le offre pubblico appoggio e lei rilancia: è il momento di incidere

Il mio Mottarone e il lago, con il trenino c’era più pace

Stefano Ardito

Parla Alberto Paleari, uno dei più noti alpinisti italiani, guida delle vette di Stresa per centinaia di appassionati. «La cremagliera dell’800 venne smantellata per fare posto alla strada e alla funivia. La perdita della teleferica è un duro colpo all’economia della montagna e al lavoro della zona. Lo capiranno, lo capiremo nelle prossime settimane»

Commenti

Una morte che pesa come un macigno

Marco Revelli

C’è, nella sua morte, il segno di una condanna inespiabile per tutto il nostro mondo supponente e indecente. Per le autorità (funzionari di polizia, magistrati, secondini) che ne hanno deciso la detenzione senza interrogarsi sull’ignominia che compivano. Per gli uomini di governo che dichiarano pubblicamente, senza pudore, che ci dobbiamo servire dei dittatori perché ci sono utili a tenere lontani da noi quelli come Moussa

REPORTAGE

Gaza sotto un enorme «perché»

Michele Giorgio

Palazzi rasi al suolo, strade sventrate, centri medici colpiti «fuori di ogni logica». Dalle macerie sono usciti i cadaveri di oltre 250 palestinesi, molti erano bambini

Stupro di Stato nel Paese che hanno chiamato Colombia

Claudia Fanti

I rischi del negoziato con un governo che puntualmente viola gli accordi, il ruolo dei giovani e della “minga indigena” nelle proteste che hanno mobilitato 15 milioni di persone sfidando la feroce repressione dell’Esmad, la necessità «partire dal basso per costruire collettivamente la nostra autonomia e prenderci cura gli uni degli altri, come abbiamo fatto in tutti questi giorni di lotta»

California Total Recall

Luca Celada

In attesa della verifica di metà mandato, i repubblicani intanto sono riusciti ad indire elezioni speciali in California, lo stato più “blu” dell’unione, dove Joe Biden ha asfaltato Trump con uno scarto di 5 milioni di voti

Cultura

L’insidiosa «razionalità governante» fatta propria dai progressisti

Paolo Favilli

«Critica del liberismo italiano, 1990-2020» di Luca Michelini, per la Fondazione Feltrinelli. Con continui rimandi tra il presente e il passato delle elaborazioni teoriche prodotte dal liberismo italiano, l’autore inserisce la cultura economica dominante dell’ultimo trentennio nella ben più lunga prospettiva (oltre un secolo) di storia del pensiero economico

Il continuo desiderio di rincorrersi

Claudio Tognonato

Riflessioni sul «Ritorno a Jean-Paul Sartre» di Massimo Recalcati, per Einaudi. Nel volume si propone una lettura del filosofo legata alla psicoanalisi e in particolare a quella di Lacan. Simbolo dell’«engagement», l’autore de «La nausea» spiegava che non dobbiamo impegnarci, lo siamo già. La passività diventa una scelta di inerzia. Si è condannati a essere liberi «in situazione», immersi nel mondo, sempre soggetti

Le mille e una storia nell’universo di Kiarostami

Eugenio Renzi

Al Centre Pompidou una personale del regista iraniano con fotografie, poesie, installazioni, film. Curato da Massoumeh Lahidji, il percorso espositivo illumina diversi elementi chiave nell’opera dell’autore, l’abitare, l’infanzia, il paesaggio, l’automobile

Riconoscere lo Stato di Palestina, la sua urgenza le sue ragioni

***

Non è più sufficiente esprimere la condanna della violenza o fare il dovuto appello ai principi ed ai valori, se poi nei fatti non vi è un’azione conseguente e coerente. Perché non riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina? Cosa impedisce di portare a compimento la soluzione dei «due Stati per i due popoli», sulla base delle risoluzioni delle Nazioni Unite e dell’Accordo di Oslo, naufragato ma tutt’ora vigente?

La rappresentanza dei soggetti dentro il conflitto

Fulvio Fammoni

Per un sindacato il percorso è ancora più complicato rispetto a chi tende a legittimarsi principalmente attraverso il voto. Per organizzazioni che ancora rappresentano direttamente milioni di persone l’esercizio effettivo della rappresentanza non può che essere riscontrabile in un mix tra iscritti e voto, dando su quella base il mandato a decidere e a concludere accordi, ma rimettendo al voto di tutti gli interessati il giudizio finale

Perché la Ue si schiera contro la Cina

Manlio Dinucci

Il Parlamento europeo ha congelato il 20 maggio la ratifica dell’Accordo Ue-Cina sugli investimenti, siglato in dicembre dalla Commissione europea dopo sette anni di trattative

Sorgente: il manifesto del 25.05.2021 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •