Lesbo, l’Europa fermi questa follia

Lesbo, l’Europa fermi questa follia

30 Ottobre 2020 0 Di marco zinno

Lesbo, l’Europa fermi questa follia

Il capo missione di Medici senza frontiere racconta sofferenze e umiliazioni nel campo profughi dove l’Europa è morta. «Moltissimi sono bambini. Vivono in condizioni degradanti e malsane».

  • In Grecia non esiste alcuna emergenza migranti: in crisi è il sistema di accoglienza e di asilo europeo che adotta politiche pericolose e violente, prive di ogni umanità.
  • Un bambino di 12 anni è arrivato nella nostra clinica dopo essersi ripetutamente ferito tagliandosi la testa con un coltello. Una bambina di 9 anni con gravi ferite causate dall’esplosione di una bomba in Afghanistan.
  • Non c’è acqua corrente e il cibo viene distribuito una volta al giorno. Le persone lavano se stesse e i propri figli in mare perché non ci sono docce, i bagni chimici sono pochi e spesso inservibili.

Mai, davvero mai, avrei pensato di vedere sofferenze e umiliazioni così profonde tra gli uomini, le donne e i bambini intrappolati a tempo indefinito sull’isola di Lesbo, in Grecia, proprio ai confini dell’Europa. La missione con Medici Senza Frontiere (MSF) è iniziata nell’estate del 2019, durante il picco degli arrivi dalla Turchia, proseguita poi con l’arrivo del Covid-19 e le violente proteste contro la presenza dei rifugiati sull’isola. Ho lasciato Lesbo a poco più di un mese dagli incendi che hanno distrutto Moria.  Il nuovo campo, costruito alla svelta su un ex poligono di tiro a ridosso del mare, ha già mostrato tutti i suoi (prevedibili) limiti alle prime piogge, con intere zone allagate e centinaia di tende inondate di fango.

L’ACCORDO MALEDETTO

Per capire quanto sia profonda la crisi del sistema di accoglienza e di asilo europeo occorre andare indietro nel tempo al 18 marzo 2016, quando l’Europa firma un accordo con la Turchia che di fatto intrappola migliaia di persone per mesi in condizioni disumane all’interno di sovraffollati centri sulle isole greche. Tutto questo con l’obiettivo dichiarato di aumentare i respingimenti verso i paesi d’origine e quello non dichiarato, ma evidente, di dissuadere le persone dal mettersi in viaggio attraverso processi e condizioni di accoglienza del tutto inaccettabili. A quasi 5 anni da quell’intesa, generatrice di una spirale infinita di sofferenze e abusi, il nuovo Patto europeo sulla migrazione sembra perseverare nello stesso approccio basato su politiche securitarie, respingimenti e deterrenza.

Peccato che nessuna di queste politiche fermerà mai chi fugge da guerre e violenze. I leader europei lo sanno bene, ma fanno finta di non sentire e di non vedere. Molto più facile sembra la via politica che stigmatizza i disperati che fuggono da guerre e persecuzioni, trasformandoli in facili ed illusori nemici. La politica europea sta scegliendo consapevolmente di abbandonare in Grecia intere famiglie fuggite da Afghanistan, Siria o Iraq che avrebbero diritto e bisogno di una protezione internazionale. Moltissimi sono bambini. Vivono in condizioni degradanti, malsane, di sovraffollamento e insicurezza, con scarso accesso ai servizi sanitari, legali e medici di base. Le giornate delle migliaia di invisibili di Lesbo trascorrono facendo file lunghissime: file per il cibo, file per accedere ai pochi bagni presenti (nel nuovo campo non ci sono neanche le docce e ci si lava in mare), file per accedere alla procedura di richiesta di asilo. Mesi, addirittura anni, passati in condizioni umilianti, con speranze che si affievoliscono ogni giorno e nessuna certezza. Privare persone vulnerabili della loro dignità e salute nel tentativo di scoraggiare altri dal venire in Europa, è crudele, inumano e cinico. E non ha fermato le partenze.

Sorgente: Lesbo, l’Europa fermi questa follia

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •