BDS. Il Congresso dei sindacati britannici per le sanzioni contro l’apartheid israeliana

BDS. Il Congresso dei sindacati britannici per le sanzioni contro l’apartheid israeliana

13 Ottobre 2020 0 Di marco zinno

Con una mozione definita storica la federazioni di unions che rappresentano oltre 6 milioni di lavoratrici e lavoratori chiede al governo di Londra di introdurre sanzioni contro “il sistema di apartheid in Cisgiordania”. Un passo che potrebbe influenzare il partito laburista

Una manifestazione del Bds a Londra

Una manifestazione del Bds a Londra

di Marco Santopadre

Roma, 13 ottobre 2020, Nena News – Era già avvenuto in passato che i sindacati britannici prendessero apertamente posizione contro le politiche colonialiste di Israele. Ma il 152° congresso annuale delle Trade Unions tenutosi a settembre a Brighton – con la maggior parte dei delegati collegati da remoto a causa dell’emergenza coronavirus – ha compiuto un passo ulteriore che molti osservatori non hanno esitato a definire di carattere storico.

Un passo giustificato, soprattutto, dal piano israeliano che punta all’annessione di vaste porzioni dei Territori Palestinesi Occupati (circa il 30%) e che ha spinto per la prima volta il British Trade Union Congress (Tuc) – ombrello che riunisce decine di organizzazioni che rappresentano più di sei milioni di lavoratori e lavoratrici – a condannare ciò che viene esplicitamente definito “un sistema di apartheid in Cisgiordania” e a chiedere al governo di Londra di porre fine alla propria complicità con esso.

La mozione, proposta dal sindacato “Unite” (il secondo per consistenza della Gran Bretagna), non si limita alla condanna, ma chiede alle autorità del Regno Unito di “adottare misure ferme e decisive, comprese le sanzioni” per affermare il diritto all’autodeterminazione del popolo palestinese, bloccare l’annessione, porre fine all’occupazione della Cisgiordania e al blocco di Gaza, imporre il rispetto del diritto al ritorno dei rifugiati.

“Per troppo tempo la comunità internazionale è rimasta a guardare mentre allo Stato israeliano veniva consentito di perpetrare i propri crimini e ciò non può più essere tollerato o accettato”, recita il testo approvato, secondo cui “è ora urgente e necessaria un’azione decisiva riguardo alle attività di Israele contro i palestinesi.”

Lo scorso anno una risoluzione approvata dal Tuc si era “limitata” a chiedere ai governi di “fermare qualsiasi commercio di armi con Israele, utilizzate in aperta violazione dei diritti umani dei palestinesi” senza però definire apertamente “apartheid” quella imposta dallo “stato ebraico” in Palestina e senza invitare all’adozione di sanzioni.

Quest’anno, al contrario, il Tuc si rivolge anche ai sindacati del resto del mondo chiedendo alle rappresentanze dei lavoratori di aderire alla campagna internazionale “per fermare l’annessione e porre fine all’apartheid”, identificando così le pratiche dello Stato israeliano nei confronti del popolo palestinese come istituzionalmente discriminatorie.

Non solo. Il Consiglio Generale della federazione dei sindacati britannici ha anche diffuso una dichiarazione in cui incoraggia gli affiliati, i datori dei lavoro e i fondi pensione a “disinvestire e boicottare i beni e i prodotti delle imprese che traggono profitto dagli insediamenti illegali e dall’occupazione”.

Il carattere esplicito e determinato della risoluzione è il frutto dell’intenso lavorio degli attivisti filopalestinesi all’interno e intorno ai sindacati britannici, che negli ultimi anni ha portato molte organizzazioni su posizioni di sostegno al movimento internazionale per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni. Il Tuc ha incoraggiato sindacati e iscritti ad affiliarsi alla “Palestine Solidarity Campaign” (PSC) e migliaia di delegati e membri delle Unions hanno visitato la Palestina o incontrato sindacalisti e attivisti palestinesi.

Il passo compiuto nell’ultima conferenza del Tuc è significativo perché si verifica in un clima generale ostile, contrassegnato dai recenti accordi di normalizzazione delle relazioni con lo Stato ebraico da parte degli Emirati Arabi Uniti, del Bahrein e di altri paesi arabi e islamici su iniziativa della Casa Bianca.

Inoltre, il crescente schieramento dei sindacati britannici a favore della causa palestinese potrebbe avere delle ripercussioni sulle posizioni del Partito Laburista, al quale molte Unions aderiscono, proprio nel momento in cui i settori più affini ad Israele hanno segnato molti punti nella battaglia interna denunciando il presunto antisemitismo di alcuni dirigenti attivi sul fronte della solidarietà col popolo palestinese.

Inutile dire che la presa di posizione del Tuc ha suscitato l’entusiasmo dell’associazionismo palestinese in Gran Bretagna e all’interno delle reti che sostengono il Bds. “Accogliamo con favore questa mozione che riafferma il forte sostegno in tutto il movimento sindacale britannico ai diritti dei palestinesi. Non possono esserci relazioni normalizzate con nessuno stato che pratica l’apartheid (…). Applaudiamo il Tuc per aver chiesto chiaramente sanzioni”, ha dichiarato ad esempio Ben Jamal, il direttore della Palestine Solidarity Campaign nel Regno Unito.

“Esortiamo i sindacati britannici a fare il passo logico successivo ed intensificare campagne Bds efficaci e strategiche per porre fine alla complicità del Regno Unito nell’oppressione israeliana dei palestinesi”, ha dichiarato da parte sua il Comitato Nazionale per il Bds di Londra (Bnc).

Sorgente: BDS. Il Congresso dei sindacati britannici per le sanzioni contro l’apartheid israeliana

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •