Pi-hole: A black hole for Internet advertisements | gioxx.org

Pi-hole: A black hole for Internet advertisements | gioxx.org

3 Settembre 2020 0 Di marco zinno

Uno di quegli articoli “bibbia” per il quale potrei andare avanti a scrivere per ore, ma che mi rendo conto di non poter stendere per evitare di stendere il lettore (sembra una frase scritta da Fedez, ti chiedo scusa, non lo faccio più). Te lo avevo anticipato facendolo trasparire nell’articolo di partenza dedicato a Raspberry Pi (Raspberry Pi: la base di partenza), ora è arrivato il momento di parlarne e di capire come tu puoi creare un server DNS casalingo in grado di proteggerti da siti web pericolosi (prima di tutto) e dalla pubblicità invasiva, con particolare attenzione al filtro che puoi ulteriormente applicare per la protezione della navigazione dei minori.

Pi-hole: installazione e prima configurazione

Pi-hole

Un gran bel progetto che richiede da parte tua il minimo sforzo (dipende molto da quello che cerchi e da quanto in “profondità” vuoi andare per sfruttarne le potenzialità), open source e di libero accesso, sostenuto dalle donazioni volontarie degli utilizzatori (che ti invito a valutare). Pi-hole si definisce come “A black hole for Internet advertisements“, un buco nero per tutta la pubblicità invasiva di Internet, un concetto certamente ben identificativo del progetto, ma che a mio parere risulta un po’ restrittivo rispetto a quello che un prodotto simile può davvero fare per l’utilizzatore finale.

Secondo una definizione certamente più tecnica disponibile sulla Wiki di archlinux, Pi-hole è un:

DNS sinkhole che redige una lista di blocco di domini conosciuti per offrire pubblicità e malware da sorgenti multiple di terze parti. Pi-hole, attraverso l’uso di dnsmasq, elimina semplicemente tutte le richieste di domini nella sua lista di blocco. Questa configurazione implementa efficacemente il blocco della pubblicità a livello di rete senza dover configurare ogni singolo client. Il pacchetto offre una interfaccia web e una a riga di comando.

Se sei abituato a utilizzare Adblock Plus o un qualsivoglia prodotto che svolge lo stesso compito sul tuo browser preferito hai certamente chiaro il concetto alla base: evito alla sorgente che le risorse vengano caricate in un solo colpo e per tutti i dispositivi connessi alla rete, perché Pi-hole mi permette di intercettarle e redirigerle in maniera differente rispetto ai DNS pubblici, ovvero troncando la comunicazione con quei domini che vengono utilizzati per veicolare pubblicità invasiva (e non solo). Il grande vantaggio del prodotto sta certamente nella centralizzazione delle tue operazioni e nella possibilità di scaricare un po’ di lavoro dalle spalle del browser che potrà così rinunciare a un componente aggiuntivo spesso esoso di risorse (dipende da quello che stai utilizzando, nda).

Installazione

Tutto chiaro? D’accordo. A questo punto passiamo al succo vero dell’articolo, installiamo Pi-hole sul tuo RPi (la soluzione certamente più comoda) o su un NAS ammesso che questo ti permetta di far girare Docker, o ancora su una macchina Linux che utilizzi già per fare altro all’interno della tua rete, trovi la lista di compatibilità del prodotto all’indirizzo docs.pi-hole.net/main/prerequesites/#supported-operating-systems.

Io baso il mio articolo su Raspberry Pi (RPi), ho creato una macchina virtuale sul mio Mac con Raspbian a bordo appositamente per catturare qualche screenshot per questo articolo (l’installazione di produzione l’ho fatta ormai circa un mese fa e ho semplicemente dimenticato di crearmi delle prove fotografiche ?). Cominciamo.

Collegati in SSH al tuo RPi e lancia la stringa di installazione curl -sSL https://install.pi-hole.net | bash esattamente come riportato in home page del sito web di Pi-hole. Dopo un rapido check di sistema (serve capire se hai già tutto a bordo o se sarà necessario installare qualcosa) ti troverai davanti alle schermate di configurazione di Pi-hole:

Ti riporto qui la lista dei passaggi inseriti nella galleria di immagini sopra disponibile, integrando il tutto con ciò che nella galleria non c’è:

  • L’installazione comincia. Premi invio per continuare.
  • Arriverai alla schermata informativa riguardante l’IP da assegnare alla tua installazione Pi-hole: fai in modo che questo sia sempre lo stesso (statico o tramite reservation sul DHCP).
  • Comunica a Pi-Hole che DNS pubblici utilizzare per la risoluzione dei nomi a dominio (nel mio caso ho scelto Google, 8.8.8.8 e 8.8.4.4).
  • Specifica ora che liste di blocco vuoi cominciare a utilizzare. La barra spaziatrice serve per selezionare o deselezionare una voce. Spostati con le freccette nella schermata. Quando terminato, premi invio per confermare. Non preoccuparti di questa scelta, sarà sempre modificabile in un secondo momento.
  • Seleziona entrambi i protocolli di comunicazione (IPv4 e IPv6).
  • Conferma l’indirizzo IP della macchina (RPi) e del tuo router quando richiesto.
  • Quando richiesto, conferma di voler installare l’interfaccia web amministrativa. Servirà un’ulteriore conferma successiva alla richiesta di installazione di lighttpd. Lascia che le richieste (query) vengano loggate (0 – Show everything).
  • A questo punto ti basterà attendere che l’installazione proceda autonomamente fino al termine. Ti verrà mostrata una pagina riepilogativa contenente – tra le altre cose – la password di amministrazione del tuo nuovo Pi-hole.

Puoi ora collegarti alla console di Pi-hole utilizzando l’indirizzo che ti è stato riportato nella schermata riepilogativa, esempio http://192.168.1.10/admin. Salvo errori, ti troverai davanti alla console del software, dovrai quindi fare clic sulla voce Login (nella colonna di sinistra) e inserire la password che ti è stata precedentemente fornita, solo così potrai accedere alla gestione completa del tuo nuovo giocattolo.

Sorgente: Pi-hole: installazione e prima configurazione

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •