1 2 minuti 3 anni

“Siamo tranquillissimi, da anni cercano soldi in Russia, in Svizzera, a San Marino, in Lussemburgo, Liechtenstein, ma non ci sono”. Così Matteo Salvini a i microfoni di ‘Radio anch’io’ su Radio Rai 1, all’indomani dei quattro arresti, di cui tre a carico di commercialisti vicini al Carroccio, nell’indagine sui fondi alla Lombardia Film Commission. Secondo l’accusa, la società della Regione per la promozione cinematografica avrebbe acquistato un capannone a Cormano (hinterland milanese) a prezzo gonfiato, con un surplus di 400mila euro rispetto al suo valore iniziale.

“Persone oneste”

“Conosco due delle tre persone – prosegue Salvini -, sono persone oneste, corrette e quindi dubito che abbiano chiesto o fatto qualcosa di sbagliato. Però, ho piena fiducia nella magistratura”. “Io stesso – continua – vado a processo e sarà un processo politico. La Lega i soldi che prende, li prende per le donazioni degli italiani, non andiamo a chiedere soldi ai russi, ai film… ma rispetto tutti e siamo tranquilli”. E infine: “Conto che si risolverà in nulla. Lei si ricorda del senatore Siri, per mesi sui giornali come la persona più cattiva e truffaldina del mondo? Ne ha più sentito parlare? No, perché non ha fatto niente”.

Sorgente: Inchiesta Fondi Lega, Salvini: ‘Arrestati sono onesti, fiducia in pm’ | Sky TG24

Un commento su “Inchiesta Fondi Lega, Salvini: ‘Arrestati sono onesti, fiducia in pm’ | Sky TG24

  1. Su Armando Siri, cito quanto pubblicato dal Corriere della Sera, in data 2 agosto 2020: “Se la Procura di Milano — in attesa da 9 mesi che il Senato partorisca l’autorizzazione a esaminare il computer del senatore ed ex sottosegretario leghista Armando Sirinell’indagine per autoriciclaggio sul mutuo accordatogli dalla Banca Agricola di San Marino — era invece sorpresa dall’inusuale collaborazione che nella rogatoria stava ricevendo dalla giustizia di San Marino, ora dovrà rassegnarsi al ritorno a una «normalitá» meno promettente: perché la magistrato che a San Marino aveva in mano il fascicolo su Siri se lo é visto togliere.” (lunarossa)