Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Roma invasa dai rifiuti, l’Ama è ridotta a noleggiare i camion

Nei garage dell’Ama c’è ancora qualche mezzo comprato dalle giunte Rutelli, anni 1993-2001. Alcuni sono stati perfino rimessi in pista, in questi giorni tribolati, con le feste insudiciate dalla monnezza che trabocca dai cassonetti. Non si può nemmeno dare la colpa agli impianti, stavolta: in questo momento funzionano tutti. Almeno fino al prossimo 15 gennaio, quando chiuderà la discarica di Colleferro e toccherà trovare alternative. Il fatto è che la flotta a disposizione dei netturbini è più scalcinata che mai. In attesa dei rinforzi.

Emergenza rifiuti, in fiamme altri cassonetti da Monteverde a Laurentina
Rifiuti, gli abitanti di Valle Galeria confermano: «Sabato prossimo in piazza contro la discarica»

«Quando saremo finalmente riusciti a rinnovare il parco mezzi, prenderemo uno di questi camion di epoca rutelliana e lo piazzeremo all’ingresso della sede aziendale, come cimelio», scherza ma non troppo Stefano Zaghis, il manager milanese, classe ’71, che da ottobre si è preso la briga di guidare l’Ama, la più grande partecipata ambientale d’Europa, un gigante coi piedi d’argilla tra conti vacillanti (non approva un bilancio dal 2016) e la crisi dell’immondizia che da almeno 7 mesi non dà tregua ai romani. Zaghis, appena ottenuto l’incarico dopo l’ennesimo cambio al vertice (con la sindaca Virginia Raggi si sono avvicendati sette amministratori delegati all’Ama, in tre anni e mezzo di mandato…) ha deciso di sbloccare l’acquisto dei nuovi mezzi: ne ha ordinati 102, i primi 17 sono appena arrivati e il nuovo manager ne è talmente fiero da averne fatto la foto profilo su Whatsapp. Altri 13 sono in fase di immatricolazione, poi ne arriveranno 15 al mese. Naturalmente non basta, almeno non in questa fase da incubo per la città. Ecco allora che i vertici dell’azienda stanno provando a battere tutte le piste.

LA RICERCA
Si pensa addirittura di ricorrere ai camion a nolo. Un po’ come tentò di fare l’anno scorso l’Atac, l’altra società comunale non priva di acciacchi, per rimpolpare le corse dei bus, tentativo che però, almeno su quel fronte, non ha avuto fortuna. Ora ci prova l’Ama. «È dalla fine dell’anno scorso – racconta ancora l’amministratore unico Zaghis – che stiamo cercando, con avvisi e manifestazioni d’interesse, di cercare mezzi da affittare, per avere più camion possibili». Ma non è facile. «Si tratta di veicoli molto particolari, non è come per i bus. E chi li ha, se li tiene stretti. Ma continuiamo a fare ogni sforzo».

I numeri d’altronde sono questi: l’Ama ha 281 mezzi pesanti. Quelli cioè che si occupano di svuotare il grosso dei cassonetti, con la maggior capienza. Su 281, in 201 (il 71,5 per cento) ha più di dieci anni d’età. Anzi, in 137 hanno addirittura tra i 13 e i 15 anni. Non si fatica a credere allora che di media, in questi primi giorni del 2020, solo il 52 per cento della flotta sia effettivamente su strada. Tutto il resto? Parcheggiato nelle rimesse. Kappaò. Inservibile per svuotare i marciapiedi e le strade dove le pile d’immondizia lievitano da giorni.
Ogni mese, gli operai dell’Ama e quelli delle ditte esterne si occupano di 7mila riparazioni: 233 interventi al dì su 1.600 mezzi in totale. Anche le spazzatrici che dovrebbero tirare a lucido le strade sono malridotte: l’età media, pure qui, scavalla i 10 anni. «Le criticità maggiori – spiega Alessandro Bonfigli, commissario della Uil Trasporti del Lazio – riguardano i Crc, i mezzi più piccoli, con la vasca ribaltabile, che vanno in giro per le strade a svuotare i bidoni: il 60%, dai nostri calcoli, è fuori uso per guasto. Servono soluzioni alla svelta, altrimenti si rischia il collasso».

Senza contare la mina-impianti, che già a metà mese è pronta a deflagrare: con la chiusura della discarica di Colleferro, uno dei pochi siti attivi nel Lazio, la Regione si è impegnata a mettere in campo misure alternative, ma solo a patto che il Campidoglio, entro il 15, indichi una zona per la discarica. Raggi a Capodanno aveva scelto. Poi, su pressing dei 5 Stelle recalcitranti, ha congelato la decisione. Per evitare l’ennesimo colpo alla Capitale sfibrata dalla crisi del pattume, mancano nove giorni.

Sorgente: Roma invasa dai rifiuti, l’Ama è ridotta a noleggiare i camion

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing