Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

 “Se c’è un COP25 significa che si sono incontrati 24 volte e hanno fallito”

Intervista all’ecologista Antonio Elio Brailovsky

Mario HernándezIl prossimo 2 dicembre, il COP 25 si riunirà a Madrid. Hanno dovuto cambiare lo scenario a causa della situazione politica in Cile, in particolare a Santiago del Cile. Che aspettative possiamo avere di questo incontro?

E. B.: Nessuna. Il semplice fatto che ci sia un 25° incontro per discutere i problemi climatici significa che si sono incontrati 24 volte e non sono riusciti a raggiungere un accordo che funziona. Promettono sempre qualcosa e poi non lo fanno. Quindi abbiamo 24 esempi di fallimento dei vertici sul clima, dove hanno detto molte cose e non hanno dato risultati. Quindi non vedo ragione di pensare che questa volta sia diversa.

Più di 11.000 scienziati in tutto il mondo hanno firmato un manifesto che dichiara un’emergenza climatica e propone 6 misure urgenti per farvi fronte.

Il problema è che a nessun politico interessa cosa accadrà al mondo quando il suo mandato terminerà. E’ preoccupato per quello che succede durante il suo mandato. Quindi, parlare con qualcuno del 2040 o 2050 quando pensano a come finiscono il 2019 e come iniziano il 2020, è fantascienza. E’ come se si raccontasse loro dell’anno 25.000.

Il sistema politico ed economico è concepito per pensare a brevissimo termine e non a lungo termine, e questo richiede cambiamenti profondi e rapidi, che si vedranno in un tempo medio, in diversi decenni e in realtà non si vedranno nemmeno, perché se le cose sono fatte bene quello che vedremo è che non peggiorano.

Quale politico rinuncia a raccogliere dollari perché in 20 anni la situazione non peggiori? Tenendo presente che le grandi aziende che inquinano e alterano il clima sono quelle che hanno pagato per tutte le campagne elettorali nel mondo, quelle per cui voto e quelle di pochi ascoltatori che votano in modo diverso.

Questo fa parte del mondo reale. Non abbiamo sistemi politici pensati per progettare a lungo termine, e ne siamo vittime. Oltre a questo si hanno grandi simpatie per alcuni leader e grandi fastidi per altri. Sono i nostri sistemi politici.

Di fronte a questa situazione, cosa dovremmo fare noi esseri umani?

Reclamare e reclamare ogni giorno. Non c’è un’altra. Non dimenticarsi di questo. Prendersi cura del clima ha un costo economico. E’ molto più facile continuare a bruciare il petrolio e ad inquinare il clima. Dare importanza al clima ha un costo politico, indipendentemente da chi governa. Lasciamo che siano coloro che ci piacciono a governare o gli altri, ma ci ritroviamo la stessa cosa. Se non ci sono forti pressioni da parte dei cittadini, essi continueranno a ricevere fortissime pressioni dalle aziende che inquinano.

Negli ultimi 20 anni, la quantità di prodotti agrochimici scaricati nella parte più popolata del nostro paese è aumentata di oltre il 1.000 %, superando i 500 milioni di litri all’anno. La resistenza delle erbe infestanti aumenta, le inondazioni diventano cicliche e si avverte il cambiamento climatico. La deforestazione e la perdita di biodiversità sono incessanti, tutti inerenti e conseguenza del modello agricolo chimico dipendente inventato dalle imprese e sostenuto da tutti i governi al potere. Cosa possiamo fare di fronte a questa realtà? 

Dobbiamo mettere il nostro sistema scientifico in funzione dei progetti agroecologici. 

Credo che l’Argentina abbia un grande sistema scientifico, tra cui l’agronomia, iniziato con Manuel Belgrano due secoli fa, per proporre tecnologie agricole pulite. Si tratta di coloro che lavorano con tecnologie agricole pulite che sono persone in gamba che vogliono fare ciò che è meglio per il paese, ecc.

Abbiamo un sistema agronomico nell’INTA e in molte Facoltà di Agronomia, che fino ad ora hanno praticamente vietato di lavorare in agro-ecologia. Dobbiamo mettere il nostro sistema scientifico in funzione dei progetti agroecologici. Dalla scienza, non solo dalla buona volontà dei nostri amici dei frutteti biologici, ma dalla scienza per proporre un cambiamento nel sistema produttivo. Stiamo sostenendo un sistema scientifico di eccellenza che viene ampiamente sprecato aumentando le dosi di pesticidi della Monsanto.

Sono rimasto colpito dal fatto che il CONICET ha trovato atrazina ed endosulfan, due pesticidi sintetici il cui uso e commercializzazione è stato vietato nell’aria antartica dal 2011. Come è possibile?

L’atmosfera è una sola, quindi la circolazione atmosferica porta ovunque, 20 o 30 anni fa avevano trovato pesticidi di tipo DDT nel sangue degli eschimesi, gli indigeni del Polo Nord. In questo momento stiamo imparando che nulla è lontano. Il mondo, l’atmosfera, la circolazione degli inquinanti attraverso l’aria e il mare è una cosa sola, segue gli schemi delle correnti. Troveremo pesticidi ovunque. Sono nel mio sangue e nel loro e ogni volta che andiamo al bagno nelle urine di tutti.

Ad un certo punto abbiamo bisogno di politiche responsabili per eliminare i veleni che non vanno a vantaggio di nessuno, perché per 10.000 anni il cibo è stato prodotto e coltivato senza veleni e siamo riusciti a sfamare l’umanità. Ora che abbiamo grandi scienziati ci permettono di usare queste conoscenze per nutrire le persone senza avvelenarle.

Abbiamo parlato più volte della questione dell’assorbimento delle foreste native, delle piogge, un dato dell’INTA di Marcos Juárez: “La foresta nativa assorbe 300 ml di acqua piovana all’ora e una coltura transgenica di soia fumigata e impermeabilizzata solo 30 ml all’ora.

I servizi ambientali forniti dalla foresta autoctona sono la regolazione dell’acqua, devono ricevere l’acqua piovana, alimentare le falde acquifere, per evitare che i grandi torrenti raggiungano i fiumi. Quello che succede è che chi distrugge una foresta ha un beneficio economico immediato. Abbatte la foresta, semina soia, la vende e ha i soldi in banca. Il danno alla società non è né immediato né individualizzato, per cui è molto più difficile per le persone percepire di essere state danneggiate perché hanno abbattuto alberi che si trovavano a molti chilometri di distanza e che la gente non ha mai visto. C’è un motivo per cui il nostro sistema educativo è così debole nell’educazione ambientale, per permettere che questi abusi continuino.

Sorgente: VOCI DALLA STRADA: “Se c’è un COP25 significa che si sono incontrati 24 volte e hanno fallito”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing