Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Fake news per la guerra. La foto che Ivan Duque ha mostrato all’Onu non è in Venezuela ma in Colombia

Il quotidiano El Colombiano smaschera “le prove” presentate dal presidente di estrema destra colombiana Ivan Duque che avrebbe dovuto dimostrare la presenza dell’ELN in Venezuela

Anche quest’anno l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si è trasformata in un triste sipario di spudorate fake news per le guerra “umanitarie”. Non sono le fialette di Colin Powell o i fake grafici di Nethanyau contro l’Iran. No, quest’anno protagonista è Ivan Duque, presidente di estrema destra della Colombia e uno dei principali protagonisti dell’ingerenza contro il vicino Venezuela.

In passato ci voleva più tempo per smascherare le fake news. Milioni di morti dopo ci si rendeva conto che il pretesto era falso, che un paese era stato distrutto sulle basi di menzogne. Grazie al potere di internet e dei social – non a caso oggetto in questi giorni di vergognose censure in Italia – il tempo si riduce di molto. Sono bastate poche ore dalla presentazione delle fake foto di Duque che il quotidiano El Colombiano ha smascherato la truffa e grazie alle reti sociali il bluff è arrivato a tutto il mondo.

Presidencia Colombia

@infopresidencia

“Este dossier, de 128 páginas, contiene el acervo probatorio que demuestra la complicidad del régimen de Nicolás Maduro con los carteles terroristas que atentan contra el pueblo colombiano”. Presidente @IvanDuque

Ma procediamo con ordine.

Iván Duque prima dell’inizio della 74a Assemblea Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha presentato un rapporto che denunciava il presunto reclutamento di bambini dall’esercito di liberazione nazionale (ELN) nel territorio venezuelano.

Il rappresentante dell’estrema destra uribista colombiana ha poi dedicato parte del suo discorso alle Nazioni Unite per attaccare la sovranità del Venezuela sulla base dei falsi presupposti presentati. In particolare dimostrare la “penetrazione dell’ELN nelle scuole rurali nello stato di Táchira a fini di indottrinamento nell’aprile 2018”.

Tuttavia, i media colombiani hanno presto dimostrato come le immagini non abbiano corrispondenza con la data e il luogo indicate da Duque, perché El Colombiano aveva pubblicato in esclusiva tale immagine nel 2015 mentre svolgeva un’inchiesta sulle attività di reclutamento nelle scuole rurali dal dipartimento di Cauca, in territorio colombiano.

El Colombiano

@elcolombiano

| El presidente @IvanDuque se equivocó. Esta foto no fue tomada en Venezuela, fue tomada en Colombia. http://bit.ly/2m7DSsv 

Foto entregada por Duque a la ONU no es del Eln en Venezuela

En la Asamblea 74 de las Naciones Unidas, el presidente de Colombia, Iván Duque, entregó un dossier de 128 páginas en las que denunciaba el presunto a…

elcolombiano.com

Non ci sono più gli ingeristi di una volta, verrebbe da dire.

Dopo aver fallito con il golpe dell’autoproclamato davanti a Dio, dopo aver fallito con i “camion umanitari”, dopo aver fallito con il sollevamento militare del 30 aprile, il nuovo pretesto per la nuova guerra “umanitaria” è stata messa in scena (improvvisata in realtà) da Duque.

Secondo il presidente colombiano, il suo omologo venezuelano, Nicolás Maduro, protegge i gruppi armati illegali, beneficiando della sua presenza sul confine colombiano-venezuelano, nonché del traffico di droga e del mercato illegale delle miniere. “È così che funziona il traffico di droga dei cosiddetti fronti della guerra del Nord e del Nordest dell’ELN, che, con la complicità del regime di Maduro, utilizza il territorio del Venezuela come piattaforma di uscita per il traffico di tonnellate di cocaina. #PruebasVenezuela”. Ha ribadito su Twitter.

Ma la storia della fotografia risale al giugno 2015, quando El Colombiano ottenne la fotografia dall’intelligence militare, che fu usata per illustrare un articolo sulla penetrazione dell’ELN nelle feste per bambini nel comune di El Tambo, nel dipartimento di Cauca.

I castelli di carte di menzogne cadono uno ad uno. Come sempre resta il censurato, il non detto. Come ad esempi, le foto imbarazzanti che mostrano il deputato Guaidò, auto-proclamatosi davanti Dio e Washington presidente del Venezuela, insieme al gruppo dei narco-paramilitari “Rastrojos”, coloro che hanno garantito il suo passaggio dal Venezuela alla Colombia il 22 febbraio scorso, il giorno prima del tentativo di golpe del 23 febbrario. Ai “Rastrojos” vengono attribuiti centinaia di crimini di omicidio, traffico di stupefacenti, contrabbando ed estorsione.

WILFREDO CAÑIZARES @wilcan91

Lo dijimos desde el primer día: la entrada a Colombia el 23 de febrero del sr @jguaido fue coordinada con los Rastrojos. Aquí están alias el brother armado, y el segundo al mando de este grupo paramilitar, alias el menor.

4,938 people are talking about this

Madelein Garcia @madeleintlSUR

Allí está su relación con y cómo organizaron con su gobierno la entrada de Juan Guaidó a el https://twitter.com/ivanduque/status/1177281356071616512 

Iván Duque

@IvanDuque

Publicaré apartes del documento entregado al Secretario General de @ONU_es , Antonio Guterres, titulado AMENAZAS A LA DEMOCRACIA, LA SEGURIDAD Y LA PAZ REGIONAL. Alerta sobre acciones terroristas de Grupos Armados Organizados con el apoyo de la dictadura Maduro. #PruebasVenezuela

View image on Twitter
46 people are talking about this
Come ha testimoniato uno dei membri della banda più efferata della zona, “Nandito”, le foto, scattate da lui di persona, non solo dimostrano come i narco-paramilitari stessero gestendo la sicurezza e il passaggio (per conto chiaramente delle autorità colombiane) del Guaidò, ma rappresentavano la minaccia sempre latente che, una volta Presidente del Venezuela, l’autoproclamato avrebbe dovuto lasciare ampi spazi di manovra al confine ai narco-paramilitari.

“Senza fare pressioni” di nessun tipo.

Misión Verdad @Mision_Verdad

Lilian Tintori confiesa que la oposición trabaja con paramilitares.

“Quienes nos ayudan a tener campamentos en cada estado del país son los grupos irregulares”.

Fuente: PanAm Post

942 people are talking about this

Madelein Garcia @madeleintlSUR

3. What was the security detail referred to by paramilitary “Nandito” when they delivered @jguaido to ? They wore white shirts, one of them has an armoured blanket covering @jguaido’s left side. They belong to the president’s bodyguard service https://twitter.com/madeleintlsur/status/1175451055229997058 

Madelein Garcia @madeleintlSUR

3. Cuál es el esquema de seguridad al que se refiere el paramilitar “Nandito” cuando entregan a @jguaido a #ColombiaSe, se identifican de camisa blanca, uno de ellos tiene una manta blindada cubriendo del lado izquierdo a @jguaido son de la escolta presidencial

We can’t show you everything!

We automatically hide video that might contain sensitive content.

Embedded video

Madelein Garcia @madeleintlSUR

5. The testimony of that paramilitary has not been aired by Colombian media. Not a single headline about the grave confessions and the links between @ivanduque’s government and @jguaido with paramilitarism https://twitter.com/madeleintlSUR/status/1175501739325362176 

Madelein Garcia @madeleintlSUR

5. El testimonio del paramilitar fue silenciado por los medios #colombianos no hay ni un titular ante los graves señalamientos y vínculos con el gobienro de @IvanDuque y @jguaido con el paramilitarismo

We can’t show you everything!

We automatically hide video that might contain sensitive content.

Embedded video

Tutto questo chiaramente l’estremista di destra Duque non l’ha detto alle Nazioni Unite, anche se, in questo caso si, avrebbe potuto utilizzare foto e fonti di primissima mano.

E Duque non ha neanche fatto cenno alla confessione di un altro leader dell’estrema destra venezuelana, Lilian Tintori, moglie del fuggiasco Leopoldo Lopez. In un recente dibattito Lilian non ha avuto alcuna vergogna di ammettere come la sua presunta Ong dei diritti umanitari lavorasse in combutta con i paramilitari colombiani. Per poi dare colpa alla lingua inglese anche se il termine “paramilitares” è praticamente identico nelle due lingue.

Misión Verdad @Mision_Verdad

Lilian Tintori confiesa que la oposición trabaja con paramilitares.

“Quienes nos ayudan a tener campamentos en cada estado del país son los grupos irregulares”.

Fuente: PanAm Post

942 people are talking about this

Madelein Garcia @madeleintlSUR

No le quedó nada bien a Lilian Tintori culpar a su mal inglés su confesión con los paramilitares| VIDEO: Lilian Tintori ‘confiesa’ una alianza con los paramilitares y luego se disculpa por haber cometido un error idiomático https://es.rt.com/719z  via @ActualidadRT

VIDEO: Lilian Tintori ‘confiesa’ una alianza con los paramilitares y luego se disculpa por haber…

La esposa del político opositor Leopoldo López, quien participó en un encuentro en Nueva York el pasado martes, emitió un comunicado donde aseguró que no tenía relación con grupos irregulares.

actualidad.rt.com

Madelein Garcia @madeleintlSUR

Señor debe escuchar a Lilian Tintori ella contó que los alimentos y medicinas de su ONG son repartidos por paramilitares es tan así que aún es TT https://twitter.com/ivanduque/status/1177281394906714112 

Iván Duque

@IvanDuque

Replying to @IvanDuque

El ELN delinque en asocio con organismos de Seguridad de Venezuela, reparte alimentos en nombre de la dictadura y afecta a ciudadanos venezolanos y colombianos en los dos lados del límite de frontera. Atención: sellos del ELN en cajas de alimentos del régimen #PruebasVenezuela

View image on Twitter
View image on Twitter
42 people are talking about this
Se avessimo una stampa dignitosa in Italia avreste ricostruito questo quadro. E invece, nella migliore delle ipotesi, sarà fatta confusione per offuscare la verità che però, al contrario del passato, emerge. Ma fino a quando?

Sorgente: lantidiplomatico.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing