Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Brasile, uccisa bimba di 8 anni. “Agatha colpita dalla polizia”. Proteste social e in migliaia scendono in piazza – Repubblica.it

Gli agenti di Rio De Janeiro avrebbero sparato nella favela Complexo Alemão contro una moto e un proiettile di rimbalzo avrebbe colpito la bambina alla schiena. In migliaia sono scesi in piazza con cartelli che chiedevano: “Smetti di ucciderci” e “La vita conta anche nella favela”

di Daniele Mastrogiacomo

RIO DE JANEIRO – Il suo viso dolce, il buchetto sul sorriso dell’incisivo caduto, i capelli neri e ricci piegati su un lato. Si chiamava Ágatha Félix, aveva 8 anni. È stata colpita venerdì sera da un proiettile alla schiena mentre rientrava a casa su un furgone con la nonna.

È la sedicesima bambina vittima della violenza a Rio. Quest’anno. La quinta a morire. A ucciderla è stato un proiettile dei 70 sparati dalla polizia nella favela di Complexo Alemão. Da mesi questo enorme agglomerato urbano, povero e abitato soprattutto da gente di colore, è al centro di battaglie furibonde tra le gang per il controllo del territorio e dalle incursioni della polizia che si sommano a quelle delle milizie.

Nella scorsa settimana ci sono state sei vittime. La polizia militare ha detto che la squadra della UPP Fazedinha, squadre speciali di pattuglia, è stata attaccata da più fronti e ha reagito al fuoco.

Un’agenzia di stampa riferisce che gli agenti avrebbero sparato contro una moto e che un proiettile di rimbalzo avrebbe colpito la bambina.

L’episodio è finito subito nella rete. A Rio ci sono chat e pagine di Facebook dove puoi segnalare sparatorie o situazioni di pericolo. I social rilanciano e commentano. Il tam-tam si diffonde, poi la favela è come un paese, anche di 100 mila abitanti, la voce gira e. Si irradia. Giù valanghe di proteste, commenti, vignette, disegni.

Whatsapp la fa da padrone. Qui in Brasile è la messaggeria più usata. La gente si riversa per strada, decide che bisogna fare qualcosa. Si raduna sul posto della tragedia,  i poliziotti tengono alla larga ma non sono visti bene. La Polizia Militare non si pronuncerà. Deve ancora fornire la sua versione anche se è chiaro che a sparare è stato un suo uomo o donna.

I social sono inondati da foto della piccola Agatha, sorridente e felice mentre indossa un costume da Wonder Woman.

Rene Silva

@eurenesilva

Nasce mais um dia no Rio de Janeiro e a notícia de que mais uma vítima de bala perdida é inocente, criança é moradora de favela, vem do Complexo do Alemão. Agatha Félix, 8 anos de idade, estava com a família dentro de um Kombi na comunidade quando foi atingida pelo projétil.

Visualizza l'immagine su Twitter
10.200 utenti ne stanno parlando

Migliaia di persone sono scese in piazza. Durante la protesta, sono stati esposti cartelli che chiedevano: “Smetti di ucciderci” e “La vita conta anche nella favela”.

Felipe Neto

@felipeneto

Não há palavras suficientes para expressar a dor.

A forma assassina de Witzel de conduzir a “segurança” do RJ não só NÃO ESTÁ RESOLVENDO NADA como está executando inocentes diariamente.

Está tudo errado! E ainda há quem defenda essa monstruosidade!!!

Visualizza l'immagine su TwitterVisualizza l'immagine su Twitter
4.771 utenti ne stanno parlando

Il governatore di Rio, Wilson Witzel, non si è pronunciato. Neanche una parola di cordoglio. Del resto sono proprio lui e la sua politica sulla sicurezza ad essere messi sotto accusa. Si è inventato i cecchini sugli elicotteri, il tiro a segno dalle colline attorno alle favela.

Visualizza altri Tweet di Emanoel Carvalho

È l’anima della vera destra estrema. Non a caso ha sfidato Jair Bolsonaro: si candiderà alle elezioni del 2022.

Intanto si è appreso che anche un poliziotto è morto dopo aver partecipato all’operazione nella favela di Alemão. Si chiamava Felippe Brasileiro Pinheiro, 34 anni. Non ha retto alle gravi ferite ricevute. Un secondo poliziotto era morto ieri. Anche lui faceva parte della pattuglia in azione nella favela. Forse una ritorsione, una vendetta. Occhio per occhio.

Il caso assume anche valenza politica per il provvedimento sicurezza varato con decreto ma adesso all’esame del parlamento. Roddrigo Maia, presidente del Congresso, si è buttato a pesce sulla tragedia per dire basta alla tolleranza. Ha proposto di abolire tutte quelle condizioni che come lacci impediscono di sparare e uccidere chi pensi ti minacci.

Legittima difesa, aggressione, minacce etc. Ha l’appoggio di 16 deputati. Ma essendo il presidente del Parlamento e secondo partito, per numero di seggi, che appoggia Bolsonaro, può raccogliere altri consensi.

Unico a dire una parola di conforto nei confronti della famiglia è stato il ministro della Giustizia Sergio Moro. Ma di forma. Dovrebbe almeno trovare chi ha sparato e ucciso. Ha poteri sulla sicurezza interna.

Sorgente: Brasile, uccisa bimba di 8 anni. “Agatha colpita dalla polizia”. Proteste social e in migliaia scendono in piazza – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing