Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Treviso, picchiata per un colpo di clacson: «Negretta, torna in Marocco». Lei sconvolta: «Tutti tacevano»

La vittima insultata e presa a schiaffi. «Nessuno mi ha difesa»

di Milvana Citter

VAZZOLA (treviso) «Ero da sola, lui mi picchiava e insultava e nessuno ha fatto niente. È questo che mi fa più male».

L’aggressione

A parlare è Susy, benzinaia 35enne che dimostra meno dei suoi anni, con una folta chioma nera e riccia trattenuta da un elastico e un fisico minuto. Una donna che, venerdì pomeriggio, è stata aggredita, picchiata e insultata da un uomo in un parcheggio, senza che nessuno facesse nulla per aiutarla. La sua colpa? Aver suonato il clacson quando, entrata con l’auto nel piazzale della stazione di servizio dove lavora, si è trovata davanti un furgone che, a velocità sostenuta, si stava dirigendo verso un bar poco distante. Sarebbe bastato quel colpo di clacson a scatenare la furia di un 49enne della zona che, sceso di corsa dal furgone l’avrebbe raggiunta e aggredita. «Perché suoni? Negra di m…? Tornatene in Marocco» le avrebbe urlato sferrandole un calcio a un ginocchio e un violento ceffone al volto, tanto da strapparle un orecchino e farla sanguinare. Una violenza brutale e gratuita, che si sarebbe consumata nell’indifferenza dei clienti del bar con vetrina che, come ha raccontato la donna, si affaccia sul piazzale dove si è consumata l’aggressione.

Denuncia (e difesa) del titolare

Denunciata con un post pubblicato sul suo profilo Facebook, da Luca Vazzoler, il titolare del distributore Energyca di Vazzola (Treviso), dove la 35enne lavora. «Non c’è aggettivo per qualificare chi picchia una donna, e vile è chi vede e non interviene. Susy è stata picchiata nell’indifferenza generale». A raccontare cos’è accaduto è lei stessa: «Non mi sarei mai aspettata una reazione del genere. Quando me lo sono trovato davanti gli ho spiegato che avevo suonato il clacson perché è pericoloso correre in quel modo, su un piazzale dove ci sono persone che camminano. E lui per tutta risposta mi ha colpito e mi ha insultato». Insulti che hanno ferito particolarmente la benzinaia: «Oltre a varie parolacce per dire che ero uno poco di buono, mi ha chiamato “negretta” e “negra di m…”, mi ha detto che devo tornare in Marocco, che puzzo…».

La violenza e i soccorsi

Un attacco durato alcuni interminabili minuti, dopo i quali l’uomo se n’è andato e ha raggiunto il bar. Mentre lei, sconvolta e sanguinante, ha chiamato i carabinieri e, subito dopo, il marito e il titolare che l’hanno confortata fino all’arrivo dei militari. È stata quindi accompagnata in Pronto soccorso dove è stata medicata e dimessa. «Ho avuto molta paura, sentivo il sangue che mi scendeva dal labbro e dall’orecchio – racconta ancora – quell’uomo non la finiva più e nessuno veniva ad aiutarmi». Il 49enne, definito come un «omone grande e grosso», avrebbe infatti infierito su di lei. nell’indifferenza di chi non ha mosso un dito per aiutarla. «Nessuno dei presenti interviene, vede e sente niente – spiega nel suo post il titolare Vazzoler – mi sembra così strano anche perché subito il gestore ha chiamato il proprietario dell’area per informarlo che una benzinaia aveva litigato con un cliente».

L’indifferenza della gente

A far male a Susy è proprio l’indifferenza: «Non mi era mai successo nulla di simile. Sono in Italia da quasi 20 anni, lavoro al distributore da cinque anni e mi sono sempre trovata bene con tutti. Non mi spiego il perché di tanta violenza per un pretesto così banale». La 35enne ha sporto denuncia per le botte e per gli insulti, e ora i carabinieri stanno cercando di chiarire cosa sia accaduto. Il presunto aggressore è stato individuato dal numero di targa del suo furgone ma le telecamere dell’area di servizio non avrebbero ripreso l’alterco e quindi non ci sarebbero testimoni della lite. Per questo il gestore del distributore fa un appello a chi eventualmente possa aiutare Susy: «Se qualcuno sa qualcosa parli. Non si può lasciare impunito chi si comporta così, non si può rimanere indifferenti, non si può lasciar correre» scrive su Facebook Luca Vazzoler.

Solidarietà dei social

La Rete è tutta con Susy. Sono ormai centinaia i messaggi di solidarietà e le condivisioni del post. A condannare il fatto anche il sindaco di Vazzola, Giovanni Zanon: «Non sapevo nulla, chiederò informazioni ai carabinieri ma è chiaro che un simile gesto, picchiare e insultare una donna, va condannato senza remore». Intanto Susy è tornata a lavorare. A ricordarle l’accaduto ci sono ancora gli ematomi ma soprattutto le ferite dell’anima: «Io se posso aiuto tutti ma nessuno ha aiutato me quando avevo bisogno. Ed è questo che mi ferisce di più».

Sorgente: Corriere del Veneto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing