VIDEO | Verona, agente donna insultata in piazza da militante destra. Poi le scuse – DIRE.it

2 Aprile 2019 0 By ken sharo

ROMA – Polemiche sui social per un brutto episodio avvenuto ieri a Verona, quando al congresso mondiale delle famiglie ha fatto visita il vicepremier Salvini.

Un uomo che si professava sostenitore del ministro degli Interni Matteo Salvini (cantava ‘Salvini uno di noi’, facendo il saluto romano) è stato ripreso dal giornalista tedesco Krsto Lazarevi (che ha postato il video qui sotto su Twitter) in piazza Bra mentre si abbassava i pantaloni all’indirizzo della Polizia e in particolare di un’agente donna della Digos.

Video Player

L’uomo ha poi affrontato l’agente a muso duro. “Tu non devi mostrarmi il fondoschiena“, gli ha intimato l’agente. Al che l’uomo ha reagito puntando la testa in avanti e gridando. “Cogliona“, ha insultato, mentre la donna gli intimava di stare al posto suo.

L’uomo si è poi allontanato, forse convinto dalla presenza di altri agenti, i quali tuttavia a quanto risulta dalle immagini non lo hanno neppure identificato.

POI ARRIVANO LE SCUSE

In un video dell’Arena di Verona Karim, il giovane che aveva aggredito verbalmente la dirigente della Digos di Verona Tea Mercoli chiede scusa: “Chiedo scusa a tutti. Non e’ da me quello che ho fatto“, dice Karim.

Il video è delle scuse è di Alessandra Vaccari – L’Arena di Verona

Video Player

SENSI: SALVINI PRENDA DISTANZE DA FAN CHE MOSTRA FONDOSCHIENA

“Spero che il ministro degli interni Matteo Salvini non aspetti un attimo a prendere le distanze dal suo sostenitore e a condannare simili atteggiamenti inaccettabili nei confronti della agente di sicurezza”. Lo dice il deputato del Pd Filippo Sensi a proposito di un episodio della marcia per la famiglia di Verona, nel corso del quale un fan del ministro Salvini ha mostrato il fondoschiena ad una donna agente di polizia, dopo aver fatto il saluto romano gridando: ”Uno di noi”.

Sorgente: VIDEO | Verona, agente donna insultata in piazza da militante destra. Poi le scuse – DIRE.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •