Segreto di Stato per coprire la verità sui migranti della SeaWatch: ecco la ‘trasparenza’ a cinque stelle | Globalist

9 Marzo 2019 0 Di ken sharo

Nicola Fratoianni commenta l’inchiesta di Avvenire: “non è possibile sapere chi ha ordinato il blocco della nave della Ong. Questa è la trasparenza dei grillini”

Volevano le dirette in streaming, inneggiavano alla trasparenza e all’onestà. Oggi invece, come afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni, “grazie alle rivelazioni odierne del quotidiano ‘Avvenire’ veniamo a sapere che il Ministero dell’Interno e quello dei Trasporti addirittura usano il “Segreto di Stato” per non far sapere chi nello scorso gennaio ha dato l’ordine di bloccare a Siracusa la nave Sea Watch3 davanti al porto. Viene usato il “Segreto di Stato” per non far sapere perché e chi ha impedito lo sbarco immediato dei 15 naufraghi minorenni, in spregio alle leggi vigenti in questo Paese. Viene usato il “Segreto di Stato” per non far sapere perché e chi ha dirottato la nave della Ong nel porto di Catania.””Che Salvini e i suoi non fossero avvezzi alla trasparenza – prosegue il leader di Si – l’abbiamo capito da tempo, dalla sparizione dei 49 milioni di finanziamento pubblico agli affari nella Russia di Putin grazie all’inchiesta dell’Espresso, ancora senza risposta. Quelli che ci stupiscono – insiste l’esponente della sinistra che proprio in quell’occasione forzo’ il blocco insieme ad altri parlamentari – sono gli esponenti di governo del M5S: dovevano aprire il Palazzo come una scatoletta di tonno, e in realtà arrivano a negare trasparenza e verita’ sulla tragedia di decine di persone salvate in mezzo al mare. Faremo noi allora le domande a questi ministri, in Parlamento. Quelle domande degli avvocati dei diritti civili a cui – conclude Fratoianni – non hanno voluto rispondere. Il segreto di Stato, forse e’ meglio utilizzarlo per altre questioni ben più serie”.

Sorgente: Segreto di Stato per coprire la verità sui migranti della SeaWatch: ecco la ‘trasparenza’ a cinque stelle | Globalist

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •