Orlando “guida” la rivolta dei sindaci contro il decreto sicurezza, Salvini: “Pensi ai problemi di Palermo” – Tgcom24

3 Gennaio 2019 0 Di ken sharo

Il primo cittadino palermitano ha diramato agli uffici direttive per non applicare le disposizioni sui migranti volute dal vicepremier. Appoggio anche da parte dei sindaci di Parma, Firenze e Napoli

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha diramato agli uffici del capoluogo siciliano direttive per non applicare le disposizioni sui migranti del decreto sicurezza, messo a punto da Matteo Salvini. Al fianco di Orlando e della sua “rivolta” si sono schierati anche i sindaci di Parma, Firenze e Napoli. Immediata la replica del vicepremier: “Pensi ai problemi di Palermo anziché fare disobbedienza sugli immigrati”.

In particolare Orlando vuole “boicottare” le norme che negano la possibilità di concedere la residenza a chi ha un permesso di soggiorno. “Impartisco la disposizione di sospendere, per gli stranieri eventualmente coinvolti dalla controversa applicazione della legge, qualunque procedura che possa intaccare i diritti fondamentali della persona con particolare, ma non esclusivo, riferimento alle procedure di iscrizione della residenza anagrafica”, ha scritto il primo cittadino.

“Salvini gioca a cricket, io a volley” – “Con Salvini giochiamo in campi diversi e a sport diversi: lui gioca una partita con regole diverse dalle mie. Lui gioca a cricket e io a volley. Anzi, vista la presenza a Palermo di cittadini stranieri che giocano a cricket, fate giocare me a cricket e Salvini giochi a volley, se lui giocasse a cricket sarei contento”, ha affermato Leoluca Orlando. “Purtroppo i palermitani e gli italiani tutti subiranno le conseguenze in termini di alimentazione dell’odio razziale”.

Salvini: “Presto sarò a Palermo” – “Sarò presto a Palermo per consegnare ai cittadini una villa vista mare confiscata a un mafioso. Spero che nel frattempo il sindaco trovi il tempo di occuparsi dei tanti problemi della sua città, invece di disobbedire alle leggi approvate dal Parlamento”, ha replicato polemicamente il ministro dell’Interno.

Pizzarotti: “Il decreto lascia aperto un vulnus” – Le disposizioni del vicepremier in tema di immigrazione preoccupano anche il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti. “Dal punto di vista politico sono assolutamente d’accordo che si debba affrontare il problema, visto che il decreto sicurezza lascia aperto un vulnus rispetto a stranieri e richiedenti asilo che non riescono a fare le cose più basilari. Dal punto di vista amministrativo non è chiaro come faccia Orlando a chiedere agli uffici di non applicare una legge. Detto questo, quello che pone Orlando è sicuramente un tema che va affrontato, anche come Anci, perché il problema determinato dal decreto sicurezza ricade su tutti”.

Nardella: “Firenze non si piega al ricatto di Salvini” – “Firenze non si piegherà al ricatto contenuto” nel decreto sicurezza “che espelle migranti richiedenti asilo e senza rimpatriarli li getta in mezzo alle strade”, ha fatto sapere il sindaco fiorentino Dario Nardella. “Il fatto grave del decreto è che individua un problema ma non trova una soluzione. Ci rimboccheremo le maniche perché Firenze è città della legalità e dell’accoglienza, e quindi in modo legale troveremo una soluzione per questi migranti, fino a quando non sarà lo Stato in via definitiva a trovare quella più appropriata”. Secondo Nardella, il governo “non sta facendo i rimpatri che aveva promesso di fare. Riteniamo che molti di questi migranti siano persone animate da buonissime intenzioni, che vogliono fare qualcosa di positivo per questo Paese e che magari potrebbero essere integrate in modo corretto”.

De Magistris: “Napoli è dalla parte dei diritti” – Come riporta La Repubblica, anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha rivendicato di essersi opposto al decreto fin dalla sua approvazione. “Ho schierato la mia città dalla parte dei diritti. Noi applichiamo le leggi ordinarie solo se rispettano la Costituzione. E’ obbedienza alla Carta e non disobbedienza civile. L’iscrizione all’anagrafe è fondamentale, consente alle persone di avere diritti. Sono in ballo interessi primari della persona: l’assistenza, l’asilo. Ci muoviamo in questa direzione anche per il sistema Sprar, che è un’esperienza da tutelare mentre questo governo punta a riaprire centri affollati, depositi di persone che rischiano di trasformarsi in vere e proprie bombe umane”.

Al fianco del sindaco di Palermo si è schierato anche il Pd siciliano, che attraverso il suo segretario Davide Faraone ha affermato: “Caro Salvini, non ti consentiremo di fare il tuo macabro spot, la tua squallida campagna elettorale sulla pelle degli immigrati. Il Pd Sicilia sta con il sindaco Leoluca Orlando. Palermo à una città culturalmente accogliente, non diventerà certo razzista per decreto”.

L’articolo 13 delle legge 132 stabilisce che il permesso di soggiorno rilasciato al richiedente asilo costituisce sì un documento di riconoscimento, ma non basterà più per iscriversi all’anagrafe e, quindi, ottenere la residenza. In sostanza i Comuni non potranno più rilasciare a chi ha un permesso di soggiorno la carta d’identità e i servizi, come l’iscrizione al Servizio sanitario nazionale (quindi l’Asl) o ai centri per l’impiego, che verranno assicurati solo nel luogo di domicilio, visto che non c’è più la residenza, come un Centro di accoglienza straordinaria o un Centro permanente per il rimpatrio.

Alla scadenza del permesso di soggiorno per motivi umanitari, i cittadini stranieri non potranno più iscriversi all’anagrafe. La norma colpisce però anche i minori non accompagnati, i quali hanno tutti il permesso di soggiorno per motivi umanitari, e gli stranieri che hanno il permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

Sorgente: Orlando “guida” la rivolta dei sindaci contro il decreto sicurezza, Salvini: “Pensi ai problemi di Palermo” – Tgcom24

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •