0 5 minuti 4 settimane

Giorgia Meloni è fascista? Se perderemo le nostre libertà, non sarà per il fascismo: sarà per un altro fenomeno politico-culturale di cui nessuno si accorgerà perché tutti saranno impegnati a cercare il fascismo, a osservare il fascismo, a discutere il fascismo, a controllare che il fascismo non si ricostituisca. Questo accade perché la teoria sociologica non è penetrata nel dibattito pubblico in Italia e, pertanto, il pubblico italiano è privo delle categorie concettuali per decifrare le nuove forme di liberticidio che caratterizzano la società complessa nell’epoca del ritorno delle guerre.

Aldo Cazzullo, Massimo Gramellini, Paolo Mieli e moltissimi altri, continuano a interpretare il mondo sulla base di libri, concetti, poesie e frasi fatte che risalgono agli anni Cinquanta. L’Italia non ha bisogno di nuovi giornalisti o nuovi conduttori televisivi. Ha bisogno della teoria sociologica. Il fascismo ha conquistato prima la società civile e poi le istituzioni politiche.

La Prima guerra mondiale è stata fondamentale nella formazione dello spirito fascista poi divenuto movimento organizzato. È impossibile comprendere il fascismo senza avere prima compreso come la guerra e la vita di trincea abbiano cambiato gli italiani attraverso la normalizzazione della violenza e dell’intolleranza.

Allo stesso modo, la guerra in Ucraina e la guerra in Palestina stanno formando una nuova etica liberticida in Italia che ha conquistato il Foglio, il Corriere della Sera, la Repubblica, la Stampa, Zapping Radio Rai, il Giornale, Libero e tanti altri. La guerra, ancora una volta, forgia in Italia una nuova etica dell’intolleranza che ritrae il pensiero critico come il “nemico interno” dell’Italia. Un tempo erano i “socialisti”, oggi sono i “putiniani”. Se l’Italia perderà tutte le proprie libertà (molte le ha già perse), non le perderà dall’alto verso il basso, procedendo dal governo Meloni verso la società civile. Le perderà prevalentemente dal basso verso l’alto, procedendo dalla società civile verso il governo nazionale, con il contributo fondamentale dei quotidiani e delle trasmissioni radiofoniche che cercano il fascismo fuori di sé anziché dentro di sé. Nessuno vedrà il fascismo arrivare da lontano perché il fascismo è molto vicino. Nelle condizioni del tempo presente, non si tratta di avvistare; si tratta di vedere. https://utetuniversita.it/catalogo/scienze-umane-e-sociali/teoria-sociologica-classica-e-contemporanea-3756…

Immagine

Giorgia Meloni è fascista? Se perderemo le nostre libertà, non sarà per il fascismo: sarà per un altro fenomeno politico-culturale di cui nessuno si accorgerà perché tutti saranno impegnati a cercare il fascismo, a osservare il fascismo, a discutere il fascismo, a controllare che il fascismo non si ricostituisca. Questo accade perché la teoria sociologica non è penetrata nel dibattito pubblico in Italia e, pertanto, il pubblico italiano è privo delle categorie concettuali per decifrare le nuove forme di liberticidio che caratterizzano la società complessa nell’epoca del ritorno delle guerre. Aldo Cazzullo, Massimo Gramellini, Paolo Mieli e moltissimi altri, continuano a interpretare il mondo sulla base di libri, concetti, poesie e frasi fatte che risalgono agli anni Cinquanta. L’Italia non ha bisogno di nuovi giornalisti o nuovi conduttori televisivi. Ha bisogno della teoria sociologica. Il fascismo ha conquistato prima la società civile e poi le istituzioni politiche. La Prima guerra mondiale è stata fondamentale nella formazione dello spirito fascista poi divenuto movimento organizzato. È impossibile comprendere il fascismo senza avere prima compreso come la guerra e la vita di trincea abbiano cambiato gli italiani attraverso la normalizzazione della violenza e dell’intolleranza. Allo stesso modo, la guerra in Ucraina e la guerra in Palestina stanno formando una nuova etica liberticida in Italia che ha conquistato il Foglio, il Corriere della Sera, la Repubblica, la Stampa, Zapping Radio Rai, il Giornale, Libero e tanti altri. La guerra, ancora una volta, forgia in Italia una nuova etica dell’intolleranza che ritrae il pensiero critico come il “nemico interno” dell’Italia. Un tempo erano i “socialisti”, oggi sono i “putiniani”. Se l’Italia perderà tutte le proprie libertà (molte le ha già perse), non le perderà dall’alto verso il basso, procedendo dal governo Meloni verso la società civile. Le perderà prevalentemente dal basso verso l’alto, procedendo dalla società civile verso il governo nazionale, con il contributo fondamentale dei quotidiani e delle trasmissioni radiofoniche che cercano il fascismo fuori di sé anziché dentro di sé. Nessuno vedrà il fascismo arrivare da lontano perché il fascismo è molto vicino. Nelle condizioni del tempo presente, non si tratta di avvistare; si tratta di vedere. https://utetuniversita.it/catalogo/scienze-umane-e-sociali/teoria-sociologica-classica-e-contemporanea-3756 12:14 PM · 26 apr 2024 · 18.980 visualizzazioni