0 3 minuti 1 mese

Secondo recenti rapporti, Microsoft avrebbe presentato lo scorso anno la tecnologia di generazione di immagini DALL-E di OpenAI al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD) come potenziale strumento per applicazioni militari, comprese le visualizzazioni dei campi di battaglia.

Dettagli chiave:
In una presentazione dell’ottobre 2023 intitolata “Generative AI with DoD Data”, Microsoft ha evidenziato al Pentagono come gli strumenti di OpenAI come DALL-E e ChatGPT potrebbero essere utilizzati dai militari.

Un caso d’uso proposto era l’utilizzo di DALL-E per creare immagini per addestrare i sistemi di gestione della battaglia e aiutare i computer a percepire meglio le condizioni del campo di battaglia, il che potrebbe aiutare nell’identificazione del bersaglio.

Questa proposta è arrivata dopo che OpenAI aveva rimosso il precedente divieto sull’uso militare delle sue tecnologie IA all’inizio del 2023
In precedenza, le politiche di OpenAI vietavano esplicitamente l’uso di strumenti come DALL-E per lo “sviluppo di armi” e “militare e guerra”.

Microsoft, uno stretto partner di OpenAI, non è vincolata dalla missione e dalle politiche originali di OpenAI volte a garantire che la sua intelligenza artificiale avvantaggi l’umanità. Microsoft ha una storia di contratti militari.

Sia Microsoft che OpenAI non hanno fornito molti dettagli sullo stato attuale o sul risultato di questa proposta. OpenAI ha dichiarato di non aver venduto direttamente alcuno strumento al DOD. La rivelazione evidenzia il crescente interesse da parte degli eserciti di tutto il mondo nell’utilizzo di capacità avanzate di intelligenza artificiale generativa per scopi di difesa, sollevando allo stesso tempo interrogativi sulle intenzioni originali e sulle posizioni etiche delle aziende di intelligenza artificiale come OpenAI mentre le loro tecnologie avanzano rapidamente verso il mainstream. La stessa Microsoft ha dovuto affrontare le preoccupazioni interne dei dipendenti riguardo al potenziale uso improprio e ai risultati dannosi dei propri strumenti di generazione di immagini AI.

ripreso da : https://www.perplexity.ai/search/Microsoft-pitched-DALLE-qS.ugaYzQnGlmKVaq3vTPw