0 8 minuti 5 mesi

Manar Lubad-Miqdas

(24 dicembre 2023)

Manar, 27 anni, madre di due figli, del quartiere di Sheikh Radwan a Gaza City, Manar ha parlato di suo nipote ‘Omar e di sua nipote Maryam, che hanno perso i genitori, il fratello e i nonni quando la casa in cui si erano rifugiati è stata bombardata:

Mio figlio Khader ha cinque anni e mio figlio Muhammad ne ha due. Ora sto crescendo anche mio nipote ‘Omar, che ha nove anni. Lui e sua sorella sono gli unici sopravvissuti al bombardamento della casa di mio zio, dove si rifugiava la loro famiglia. Tutti gli altri sono stati uccisi.

I miei genitori e i miei fratelli vivevano a ovest di Gaza City. Nella prima settimana di guerra c’erano già stati pesanti bombardamenti nella loro zona e l’esercito israeliano aveva ordinato loro di evacuare. Sono andati nel quartiere di a-Sheikh Radwan a Gaza, ma anche lì i bombardamenti sono diventati pesanti, quindi si sono spostati da un parente all’altro. Parte del tempo erano nel campo profughi di a-Shati, e parte del tempo erano nella zona di al-Fallujah a Jabalya.

Il 26 ottobre 2023 sono andati a stare da mio zio Ibrahim Lubad, 40 anni, che era medico presso l’ospedale a-Shifaa. Due giorni dopo, il 28 ottobre, intorno alle 23:30, la casa fu bombardata subito dopo il rientro di mio zio. L’intero edificio è crollato, così come la casa dei vicini.

Non sapevo nemmeno dell’attentato. Il giorno dopo ho semplicemente ricevuto un messaggio dall’ospedale a-Shifaa che mi diceva di venire lì. Quando sono arrivato, ho iniziato a cercare la mia famiglia. Pensavo fossero feriti. Poi ho incontrato mio cugino Muhammad Lubad, 21 anni, e quando gli ho chiesto della mia famiglia, ha detto che erano tutti martirizzati. Mio padre, mia madre e i miei tre fratelli: Ahmad, Yusef e sua moglie Ghadah insieme al figlio Hamzah, 9 anni, e Mahmoud e sua moglie Walaa insieme al loro bambino Ousamah, 1.5. Anche mio zio Ibrahim e un altro mio cugino, Malek, furono uccisi.

Nessuno sapeva cosa fosse successo agli altri due figli di Yusef e Ghadah: i gemelli di Hamzah, ‘Omar, 9 anni, e Maryam, 3 anni.

Ho urlato, pianto e gridato i nomi dei miei fratelli. Poi sono svenuto e sono caduto. Mi sono svegliato proprio mentre arrivava mio zio Khalil. Mi ha regalato alcune cose che appartenevano a mia madre: il suo orologio, l’anello, la collana e gli orecchini. Ha detto che era quello che avevano trovato ed era tutto ciò che restava. Li ho presi e ho cominciato ad annusarli e a piangere. Ero isterico. Ho pianto, riso e urlato: “Dammi la mano di mia madre, voglio baciarla, tenerla”. Ma furono tutti sepolti. Non ne ho visto nessuno.

Poi vennero i medici e dissero che avevano buone notizie per me. Dissero che “Omar, il figlio di mio fratello Yusef, era vivo”. Sono andato a trovarlo immediatamente. Dormiva e l’ho abbracciato e baciato. Mi ha chiesto dove fosse suo fratello gemello Hamzah. Gli ho detto: “È stato martirizzato”. Poi ha chiesto: “E che mi dici di mamma e papà?” Gli ho raccontato cosa è successo e lui ha detto: “Voglio andare a dormire e non svegliarmi”. Ho portato ‘Omar dall’ospedale alla scuola in cui mi trovavo con la mia famiglia.

Mio zio Khalil mi ha detto che non erano riusciti a trovare il corpo di Maryam, la sorella di tre anni di ‘Omar, e nessuno sapeva cosa le fosse successo. Tre giorni dopo, l’ospedale mi ha informato che Maryam era stata trovata viva e si trovava ad a-Shifaa. Maryam è sorda e muta. Quel giorno non sono potuto andare all’ospedale, ma è andata la moglie di mio zio, Mai. Mi ha detto che Maryam aveva delle ferite, una frattura in un osso della mano, un impianto di platino in una gamba e una frattura nell’altra.

Il 1° novembre l’esercito israeliano ha bombardato la scuola in cui eravamo. Siamo scesi in strada, ma hanno bombardato anche la strada. Siamo andati dai vicini e abbiamo trascorso una notte con loro. Poi abbiamo trascorso due notti in tenda nel cortile dell’Ospedale Oftalmico nel quartiere a-Nasser. Poi una parte dell’ospedale fu bombardata e tutti soffocammo per la polvere che si alzava lì. Non avevamo altra scelta che andare a piedi all’ospedale a-Shifaa, dove ho incontrato Maryam. Era molto difficile vederla così, ferita e contusa. Siamo rimasti lì per una settimana. Mi sono preso cura di Maryam e di ‘Omar, che nel frattempo avevano preso l’influenza.

Poi l’esercito israeliano ha bombardato la zona di a-Shifaa e diverse strutture dell’ospedale. Il 10 novembre abbiamo deciso di andare a sud. Maryam è rimasta con la moglie di mio zio Mai, che avrebbe dovuto portarla all’ospedale Shuhada al-Aqsa a Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza.

Abbiamo camminato dall’ospedale a-Shifaa nella parte occidentale di Gaza City alla strada Salah a-Din a est, e da lì al checkpoint di Netzarim nel centro di Gaza. Lì c’erano i carri armati israeliani ed è stato molto spaventoso per i bambini e per tutti noi. Ho visto che ‘Omar si è spaventato quando ha visto i soldati.

Dopo aver attraversato il checkpoint, abbiamo preso un’auto per Khan Yunis e siamo arrivati ​​al campo DIP dell’UNRWA alle 18:00. Lì abbiamo incontrato le mie sorelle Raghdah, 38 anni, e Hanan, 37 anni. Quando siamo arrivati, ero esausto. Ero così stanco che sono quasi svenuto. Ho iniziato a singhiozzare istericamente.

Le condizioni nel campo DIP sono pessime. Viviamo in una tenda. Non c’è acqua corrente, né elettricità e solo poco cibo, per lo più in scatola.

Sono particolarmente preoccupato per ‘Omar, che è senza famiglia. Io e le mie sorelle siamo la sua nuova famiglia. Continua a chiedere, ancora e ancora: “Con chi starò?” e aggrappandosi a me e alle mie sorelle. Quando non siamo nei paraggi, si spaventa. Lo abbraccio e mi prendo cura di lui, cerco di renderlo felice e gli porto giocattoli e vestiti. Ogni tanto piange e mi dice: “voglio mio papà, voglio mia mamma”, e mi chiede dei nonni. I suoi occhi sono sempre tristi. La maggior parte delle volte resta seduto triste e fissa il vuoto.

L’esercito e i suoi aerei da combattimento ci hanno derubato della nostra famiglia. Hanno ucciso tutti e hanno reso orfani ‘Omar e Maryam.

Undici membri della famiglia Lubad furono uccisi nel bombardamento:

Muhammad Ahmad Lubad, 65 anni, padre di Manar

Suzan Khalil Lubad, 56 anni, madre di Manar

I loro figli:

Ahmad Muhammad Lubad, 35 anni

Yusef Muhammad Lubad, 33 anni, sua moglie:

Ghadah Lubad, 29 anni, loro figlio:

Hamzah Yusef Lubad, 9 anni (“fratello gemello di Omar)

Mahmoud Muhammad Lubad, 32 anni, sua moglie:

Walaa Lubad, 29 anni, il loro unico figlio:

Ousamah Mahmoud Lubad, 1.5

Ibrahim Ahmad Lubad, 40 anni, zio di Manar

Malek Lubad, 17 anni, cugino di Manar

*Testimonianza resa al ricercatore sul campo di B’Tselem Olfat al-Kurd il 24 dicembre 2023

Sorgente: Voices from Gaza | B’Tselem