0 8 minuti 3 mesi

di Finian CUNNINGHAM

Lo Yemen può essere considerato il paese più povero della regione araba, ma sta emergendo come la minaccia più potente per Israele. La scorsa settimana, gli yemeniti hanno sequestrato tre navi mercantili israeliane mentre transitavano attraverso il Mar Rosso.

C’è giustizia poetica in questo. Lo Yemen non ha molte riserve di petrolio. È stato devastato da più di otto anni di guerra e carestia, eppure sta mostrando una forza che fa vergognare le cosiddette nazioni arabe e musulmane ricche per la loro venalità e mancanza di integrità.

Mentre gli stati arabi del Golfo come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti si accaparrano vaste ricchezze petrolifere e i leader musulmani come il turco Recep Tayyip Erdogan parlano duro, è lo Yemen impoverito e dilaniato dalla guerra che sta prendendo una posizione significativa contro i crimini di guerra israeliani a Gaza.

Strategicamente situato all’estremità meridionale del Mar Rosso – una rotta marittima internazionale vitale – lo Yemen ha di fatto un diritto di veto sul passaggio delle navi attraverso le sue acque territoriali.

Le forze armate yemenite e il movimento ribelle Houthi del paese hanno dichiarato solidarietà ai palestinesi che affrontano un attacco genocida da parte di Israele dal 7 ottobre. Avvertono che a tutte le navi israeliane sarà impedito di entrare o uscire dal Mar Rosso.

Gli yemeniti stanno mettendo in atto la loro minaccia. Si dice che l’ultima nave israeliana ad essere intercettata sia una petroliera.

La chiusura della rotta marittima avrà un grave impatto sull’economia israeliana. Ciò significa che tutte le spedizioni da Israele all’Asia dovranno essere circumnavigate dal Sud Africa invece di utilizzare la rotta molto più breve attraverso il Canale di Suez e il Mar Rosso.

Gli yemeniti hanno anche lanciato missili contro Israele come rappresaglia per il massacro dei palestinesi a Gaza e nella Cisgiordania occupata. Anche Hezbollah in Libano ha preso di mira Israele con missili. Entrambi i gruppi sono legati all’Iran ma non ci sono prove che Teheran stia coordinando gli attacchi.

Tuttavia, è l’arma economica brandita dagli yemeniti che potrebbe rivelarsi più dannosa per Israele.

Ironicamente, sono le nazioni arabe e musulmane, presumibilmente molto più forti e ricche, a fare ben poco in confronto.

L’11 novembre, circa 57 leader nazionali si sono incontrati nella capitale saudita Riyadh sotto gli auspici del vertice arabo-islamico. C’è stata molta condanna per la barbara offensiva israeliana contro i palestinesi. Ma ci furono poche azioni decretate di conseguenza. In particolare alla conferenza di Riyadh, l’Iran ha esortato i paesi produttori di petrolio a imporre un embargo su Israele. Le chiamate di Teheran sono state respinte.

Probabilmente, i giganti petroliferi arabi dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti non forniscono a Israele quantità significative. Pertanto si potrebbe sostenere che un embargo avrebbe un impatto minimo.

Tuttavia, se i sauditi e gli altri sceiccati petroliferi del Golfo mettessero in guardia contro un embargo internazionale generale, il potenziale impatto sull’economia globale attirerebbe senza dubbio l’attenzione di Washington e degli alleati europei affinché facciano pressione su Israele affinché attui un cessate il fuoco completo – e non a breve termine. come “pausa” – e consentire gli aiuti umanitari disperatamente necessari a Gaza e in Cisgiordania.

In verità, le nazioni arabe e musulmane sono state nel complesso patetiche nella loro mancanza di azione per dare sollievo ai palestinesi. Storicamente, questo miserabile fallimento della solidarietà è sempre stato così. Egitto e Giordania confinano con Israele. Dove sono i loro eserciti che minacciano di violare con la forza il sanguinario blocco israeliano?

Forse la figura più vergognosa è quella del Presidente della Turchia. Recep Erdogan, come al solito, ha parlato apertamente di Israele e ha lamentato la sofferenza dei “fratelli palestinesi”.

La Turchia potrebbe esercitare una stretta decisiva su Israele bloccando il flusso di petrolio dall’oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan (BTC). Quella rotta trasporta quasi la metà di tutto il petrolio importato da Israele. Il porto di Ceyhan, nel sud della Turchia, è il punto di carico delle navi cisterna dirette ai terminal israeliani di Haifa e Ashkelon.

Erdogan ha ignorato le richieste di vietare le spedizioni di petrolio BTC verso Israele dalla Turchia. Anche se una mossa del genere potrebbe paralizzare l’economia israeliana e la sua macchina da guerra.

Gruoppi d’attacco Houthy in mare

Dopo il vertice arabo-islamico di Riad, il leader dei ribelli Houthi dello Yemen ha denunciato la codardia e l’avarizia degli altri leader. Come citato da Press TV, Abdul-Malik al-Houthi ha dichiarato: “Il silenzio delle nazioni arabe e islamiche riguardo alla tragedia di Gaza è un crimine grave e tutti devono agire per togliere questo assedio e sostenere il popolo di Gaza… Cosa sta succedendo nella Striscia di Gaza rivela la portata dell’oppressione che sta sperimentando il popolo palestinese, insieme ad uno sfortunato fallimento arabo e islamico”.

Naturalmente, innanzitutto il regime israeliano e i suoi sponsor occidentali sono colpevoli del genocidio di Gaza e della storica oppressione contro i palestinesi. Ma allo stesso modo ciò che deve essere affrontato è la responsabilità dei leader arabi e musulmani sostenuti dall’Occidente che da tempo affrontano la doppiezza e il tradimento nei confronti della difficile situazione palestinese.

La Turchia segue le volpi e i segugi giocando la carta populista condannando Israele ma mantenendo il flusso di petrolio. La Turchia è un membro leale della NATO e sostiene il regime nazista di Kiev nella guerra per procura guidata dagli Stati Uniti contro la Russia.

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno condotto la loro guerra genocida contro lo Yemen con armi americane, britanniche e francesi dal 2015. Questi despoti arabi sono compromessi fino al midollo nell’essere i cagnolini dell’imperialismo statunitense. C’è da stupirsi allora che non facciano nulla per fermare il massacro dei palestinesi? Come ci si può aspettare che aiutino i “fratelli” palestinesi quando stanno sterminando i fratelli yemeniti?

eADV

Erdogan si considera una grande figura del sultano islamico. I sauditi e i loro amici del Golfo hanno manie di grandezza reale.

Tuttavia, nella loro reale, viscerale e attiva solidarietà fraterna con i palestinesi, gli yemeniti devastati dalla guerra, impoveriti, colpiti dalla carestia e da lungo tempo sofferenti hanno più nobiltà nei loro sandali polverosi di tutti i potentati eleganti messi iFonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: Lo Yemen dilaniato dalla guerra chiude la stretta del Mar Rosso a Israele e svergogna gli impotenti leader arabi/musulmani – controinformazione.info