0 3 minuti 8 mesi

Contiamo il sesto prigioniero ucciso da Israele nelle sue carceri dal 7 ottobre
Ieri Israele ha annunciato la morte del prigioniero Thaer Abu Assab, 38 anni, detenuto dal 2005 e condannato a 25 anni di prigione. Sappiamo che il prigioniero Abu Ghasab non soffriva di alcuna malattia e godeva di buona salute, secondo i suoi compagni di prigionia.

Gli altri prigionieri la cui morte è stata annunciata da Israele dal 7 ottobre sono:
•Il martire prigioniero, Omar Daraghmeh (58 anni), di Tubas, è stato martirizzato il 23/10/2023, poche ore dopo che si era tenuta per lui un’udienza in tribunale nella prigione di (Megiddo). È stato arrestato il 9 ottobre 2023 e è stato trasferito in detenzione amministrativa.


•Il martire prigioniero Arafat Hamdan (25 anni) di Ramallah, è stato martirizzato il 24/10/2023, nella prigione di Ofer, è stato detenuto il 22 ottobre 2023, cioè è stato martirizzato due giorni dopo il suo arresto.

•Il martire prigioniero Majed Zaqoul (32 anni) di Gaza è stato annunciato come martire il 6/11/2023, sottolineando che questo annuncio è avvenuto qualche tempo dopo il suo martirio nella prigione di Ofer. Era uno degli operai arrestati dopo il 7 ottobre

•Il quarto martire nelle carceri dell’occupazione. Israele non ha ancora deciso di rivelare il suo nome. È uno dei lavoratori di Gaza, secondo quanto annunciato dall’occupazione..

•Il martire prigioniero Abdel Rahman Mari (33 anni) di Salfit, è stato martirizzato il 13/11/2023 nel carcere di (Megiddo) e il suo martirio è stato annunciato il giorno successivo, è stato arrestato il 25 febbraio 2023.

•Il martire prigioniero, Thaer Abu Assab (38 anni), di Qalqilya, è stato martirizzato il 18/11/2023. Il suo martirio è stato annunciato dopo essere stato trasferito dalla prigione del Negev all’ospedale Soroka. È l’unico martire tra i sei martiri imprigionati prima del 7 ottobre.

Questo numero di martiri tra le fila dei prigionieri nelle carceri dell’occupazione, in così breve periodo di tempo, è un numero senza precedenti, e sottolineiamo che ciò che è accaduto con i sei martiri indica l’esistenza di un’intenzione da parte di Israele di uccidere prigionieri palestinesi.

Dopo il 7 ottobre, l’occupazione si vendica dei prigionieri palestinesi e mette in atto pratiche che raggiungono il livello della tortura. Oltre a impedire loro di uscire nel cortile e di prendere tutti gli apparecchi elettrici, compresi televisione, libri, e anche i vestiti, sequestrò loro le coperte, in concomitanza con l’inizio dell’inverno e l’accumulo di un gran numero di prigionieri in una stanza: la stanza che prima ospitava 6 prigionieri era ora affollata da 12 prigionieri. Acqua ed elettricità sono state tagliate per giorni interi.


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.