0 7 minuti 3 mesi

Un “realista enigmatico” fuggito dalla Germania nazista, Kissinger è ricordato per aver posto fine alla guerra degli Stati Uniti in Vietnam, aprendo la Cina.

L'ex Segretario di Stato Dr. Henry Kissinger, parla al Forum sulla leadership 2019 del George W. Bush Presidential Center a Dallas, Texas, USA, l'11 aprile 2019. REUTERS/Jaime R. Carrero
L’ex segretario di Stato Henry Kissinger, raffigurato qui in un forum sulla leadership del 2019, è morto all’età di 100 anni [File: Jaime R Carrero/Reuters]

New York, Stati Uniti – Pochi vincitori del Premio Nobel per la pace sono definiti guerrafondai, ma l’enigmatico diplomatico dalla voce roca Henry Kissinger lo era.

Le contraddizioni di Kissinger, morto mercoledì nella sua casa del Connecticut all’età di 100 anni, non finiscono qui.

Un accademico diventato una celebrità, Kissinger era un adolescente ebreo fuggito dai nazisti, un reo confesso “scambista segreto” che frequentava pin-up, un machiavellico consigliere dei presidenti degli Stati Uniti che cambiò il corso della storia e un maniaco del lavoro che rimase attivo oltre il suo ultimo compleanno.

Il dibattito sulla questione se l’ex segretario di Stato americano fosse un consigliere intelligente o un falco spietato probabilmente non raggiungerà una conclusione in tempi brevi. Ha servito nel ruolo sotto due presidenti: Richard Nixon e Gerald Ford, entrambi repubblicani.

Il lavoro di Kissinger sull’apertura diplomatica della Cina agli Stati Uniti, gli storici accordi sugli armamenti tra Stati Uniti e Unione Sovietica e il processo di pace tra israeliani e arabi non sono contestati. Tuttavia, il suo ruolo nella guerra del Vietnam e il suo sostegno alle dittature anticomuniste, in particolare in America Latina, rimangono controversi.

“Vedeva il mondo da 30.000 piedi, promuovendo ampi interessi e obiettivi a lungo termine in un modo che sottovalutava i costi negativi che le persone avrebbero sopportato, specialmente quelle in società diverse da quella degli Stati Uniti”, Jeremi Suri, professore di storia alla l’Università del Texas ad Austin, ha detto ad Al Jazeera.

Nel 2021, all’età di 98 anni, Kissinger è coautore di un libro sull’intelligenza artificiale insieme all’ex CEO di Google Eric Schmidt e allo scienziato informatico del MIT Daniel Huttenlocher.

“Henry Kissinger all’età di 90 anni non sapeva nulla del mondo digitale, anche se aveva molte opinioni al riguardo”, ha detto Schmidt al conduttore del podcast Tim Ferris quando il libro è stato pubblicato.

“Ma ha dominato il mondo digitale e l’intelligenza artificiale con l’alacrità e la velocità di chi ci sta entrando solo adesso”, ha detto Schmidt. “Questo è unico per lui. È un regalo.”

Anche il figlio di Kissinger, David Kissinger, ha notato la longevità unica di suo padre prima della festa del suo centenario, alla quale ha partecipato l’attuale segretario di Stato americano Antony Blinken.

“Non solo è sopravvissuto alla maggior parte dei suoi coetanei, eminenti detrattori e studenti, ma è anche rimasto instancabilmente attivo per tutti i suoi 90 anni”, ha scritto il giovane Kissinger sul Washington Post nel maggio 2023.

Interrogato sulla partecipazione di Blinken alla festa, il portavoce del Dipartimento di Stato Vedant Patel ha notato le “differenze” politiche tra i due uomini. Tuttavia, ha aggiunto, Blinken ha avuto più volte “l’opportunità di interagire” con l’ex alto diplomatico da quando è entrato in carica.

La storia della vita di Kissinger ha gli elementi di un classico successo dell’immigrazione statunitense. È nato nel 1923 a Furth, in Germania, da devoti genitori ebrei della classe media. Di fronte a una crescente ondata di antisemitismo, fuggirono dal Terzo Reich e si stabilirono a New York nel 1938.

Kissinger prestò servizio nell’esercito americano in Germania e assistette al combattimento durante la decisiva e brutale battaglia delle Ardenne. Essendo di madrelingua tedesca, gli furono assegnati ruoli di controspionaggio e si guadagnò la Stella di Bronzo rintracciando ex ufficiali della Gestapo.

Tornò negli Stati Uniti nel 1947 per iniziare una celebre carriera accademica presso l’Università di Harvard che lo portò a ricoprire ruoli di consulente part-time alla Casa Bianca sotto i presidenti John F Kennedy e Lyndon Johnson e lo avviò sulla strada del lavoro della sua vita.

Un realista che rimproverava il moralismo

Kissinger ha rimproverato i colleghi per il loro moralismo da epoca della Guerra Fredda e ha invitato al pragmatismo. Una “risposta flessibile” all’aggressione comunista utilizzerebbe le armi convenzionali e nucleari come deterrente piuttosto che minacce di ritorsioni nucleari a tutto campo, ha affermato.

“Ha costruito la sua fama presentando e rappresentando se stesso come il realista europeo per eccellenza prestato a un’America immatura e ingenua per insegnarle le dure e immutabili leggi delle relazioni internazionali”, ha affermato Mario Del Pero, storico di Sciences Po con sede a Parigi. ha detto ad Al Jazeera.

Il presidente eletto Richard Nixon nominò Kissinger suo consigliere per la sicurezza nazionale nel 1968. Egli iniziò a rimodellare la macchina della politica estera di Washington, aggirando il Dipartimento di Stato e concentrando il potere nel Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca.

Henry Kissinger parla davanti a un'immagine ingrandita di Mao Zedong che saluta Richard Nixon.
Nel 2002, l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger ha celebrato il 30° anniversario dell’incontro del presidente Richard Nixon con il cinese Mao Zedong nel 1972 per normalizzare le relazioni USA-Cina [File: China Photo/via Reuters]

“Kissinger ha creato un modello per far funzionare la macchina di una democrazia complessa per fare scelte strategiche che mancavano di sostegno pubblico ma servivano l’interesse nazionale. Era controverso, ma la sua realpolitik ha influenzato due generazioni di politici”, ha aggiunto Suri dell’Università del Texas.

I suoi favoriti colloqui “back-channel” aprirono la strada a un’apertura diplomatica con la Cina e alla distensione e al Trattato sulla limitazione delle armi strategiche (SALT I) con l’Unione Sovietica. Negli affari esteri, Washington “non aveva amici o nemici permanenti, solo interessi”, scrisse una volta.

Sorgente: Henry Kissinger: il “guerrafondaio” vincitore del Premio Nobel è morto all’età di 100 anni | Necrologi Notizie | Al Jazeera