0 11 minuti 3 mesi

Si è spento nella sua casa in Connecticut l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger che lo scorso maggio aveva compiuto 100 anni. Oggi sappiamo molto dei crimini mentre era in carica ma sappiamo poco dei suoi quattro decenni con la Kissinger Associates.

Henry Kissinger, cent’anni di crimini contro l’umanità

Di Greg Grandin*

Henry Kissinger avrebbe dovuto affondare con tutti gli altri: Haldeman, Ehrlichman, Mitchell, Dean e Nixon. Le sue impronte erano ovunque nel Watergate. Eppure è sopravvissuto, in gran parte giocando con la stampa.

Fino al 1968, Kissinger era stato un repubblicano di Nelson Rockefeller, anche se era stato consigliere del Dipartimento di Stato nell’amministrazione Johnson. Secondo i giornalisti Marvin e Bernard Kalb, Kissinger rimase sbalordito dalla sconfitta di Richard Nixon contro Rockefeller alle primarie. “Pianse”, hanno scritto. Kissinger riteneva che Nixon fosse “il più pericoloso, tra tutti gli uomini in corsa, da avere come Presidente”.

Non passò molto tempo, però, prima che Kissinger aprisse un canale secondario con gli uomini di Nixon, offrendosi di usare i suoi contatti nella Casa Bianca di Johnson per far trapelare informazioni sui colloqui di pace con il Vietnam del Nord. Ancora professore ad Harvard, trattò direttamente con il consigliere di politica estera di Nixon, Richard V. Allen, che in un’intervista rilasciata al Miller Center dell’Università della Virginia affermò che Kissinger, “di sua iniziativa”, si offrì di passare informazioni che aveva ricevuto da un assistente che partecipava ai colloqui di pace. Allen ha descritto come Kissinger agisse in modo molto occulto, chiamandolo da telefoni pubblici e parlando in tedesco per riferire ciò che era accaduto durante i colloqui.

Alla fine di ottobre, Kissinger disse alla campagna di Nixon: “A Parigi stanno stappando lo champagne”. Qualche ora dopo, il presidente Johnson sospese i bombardamenti. Un accordo di pace avrebbe potuto spingere Hubert Humphrey, che si stava avvicinando a Nixon nei sondaggi, verso la vittoria. Gli uomini di Nixon agirono rapidamente e spinsero i sudvietnamiti a far fallire i negoziati.

Attraverso intercettazioni telefoniche e telematiche, il presidente Johnson venne a sapere che la campagna di Nixon diceva ai sudvietnamiti “di resistere fino a dopo le elezioni”. Se la Casa Bianca avesse reso pubblica questa informazione, l’indignazione avrebbe potuto far passare le elezioni a Humphrey. Ma Johnson esitò. “Questo è tradimento”, disse, come riportato nell’eccellente Chasing Shadows di Ken Hughes: The Nixon Tapes, the Chennault Affair, and the Origins of Watergate. “Sconvolgerebbe il mondo”.

Johnson rimase in silenzio. Nixon vinse. La guerra continuò.

Quella sorpresa di ottobre diede il via a una catena di eventi che avrebbe portato alla caduta di Nixon.

Kissinger, che era stato nominato consigliere per la sicurezza nazionale, consigliò a Nixon di ordinare il bombardamento della Cambogia per spingere Hanoi a tornare al tavolo dei negoziati. Nixon e Kissinger volevano disperatamente riprendere i negoziati che avevano contribuito a sabotare, e la loro disperazione si manifestò nella ferocia. La parola ‘selvaggio’ è stata usata più volte” quando si discuteva di ciò che doveva essere fatto nel Sud-Est asiatico, ha ricordato uno degli assistenti di Kissinger.

Il bombardamento della Cambogia (un Paese con cui gli Stati Uniti non erano in guerra), che avrebbe poi distrutto il Paese e portato all’ascesa dei Khmer Rossi, era illegale. Quindi doveva essere fatto in segreto. La pressione per mantenere il segreto diffuse la paranoia all’interno dell’amministrazione, portando Kissinger e Nixon a chiedere a J. Edgar Hoover di mettere sotto controllo i telefoni dei funzionari dell’amministrazione. La fuga di notizie sui Pentagon Papers di Daniel Ellsberg gettò Kissinger nel panico. Egli temeva che, avendo Ellsberg accesso ai documenti, potesse anche sapere cosa stesse facendo Kissinger in Cambogia.

Lunedì 14 giugno 1971 – il giorno dopo che il New York Times pubblicò la prima storia sui Pentagon Papers – Kissinger esplose, gridando: “Questo distruggerà totalmente la credibilità americana per sempre…. Distruggerà la nostra capacità di condurre la politica estera in modo fiducioso…. Nessun governo straniero si fiderà più di noi”.

“Senza lo stimolo di Henry”, ha scritto John Ehrlichman nel suo libro di memorie, Witness to Power, “il presidente e tutti noi avremmo potuto concludere che i documenti erano un problema di Lyndon Johnson, non nostro”. Kissinger “alimentò la fiamma di Richard Nixon”.

Perché? Kissinger aveva appena iniziato i negoziati con la Cina per ristabilire le relazioni e temeva che lo scandalo potesse sabotare quei colloqui.

Per fomentare il risentimento di Nixon, egli dipinse Ellsberg come intelligente, sovversivo, promiscuo, perverso e privilegiato: “Ha sposato una ragazza molto ricca”, disse Kissinger a Nixon.

“Cominciarono a darsi la carica a vicenda”, ricorda Bob Haldeman (come citato nella biografia di Kissinger di Walter Isaacson), “finché non furono entrambi in preda alla frenesia”.

Se Ellsberg ne uscisse indenne, Kissinger disse a Nixon, “dimostrerebbe che lei è un debole, signor Presidente”, spingendo Nixon a istituire gli Idraulici, l’unità clandestina che condusse cimici e furti con scasso, anche nella sede del Comitato Nazionale Democratico al Watergate Complex.

Seymour Hersh, Bob Woodward e Carl Bernstein hanno tutti scritto storie che incolpano Kissinger per la prima serie di intercettazioni illegali messe in atto dalla Casa Bianca nella primavera del 1969 per mantenere il segreto sull’attentato in Cambogia.

Atterrando in Austria durante il viaggio verso il Medio Oriente nel giugno 1974 e scoprendo che la stampa aveva pubblicato altri articoli ed editoriali poco lusinghieri su di lui, Kissinger tenne una conferenza stampa improvvisata e minacciò di dimettersi. A detta di tutti, si trattò di una svolta coraggiosa. “Quando la storia sarà scritta”, disse, apparentemente sull’orlo delle lacrime, “si potrà ricordare che forse alcune vite sono state salvate e forse alcune madri possono riposare più tranquille, ma questo lo lascio alla storia. Ciò che non lascerò alla storia è una discussione sul mio onore pubblico”.

La mossa ha funzionato. Sembrava “totalmente autentico”, ha commentato la rivista New York. Come se si stessero allontanando dal loro stesso improvviso accanimento nel denunciare i crimini di Nixon, i giornalisti e i conduttori dei telegiornali si strinsero attorno a Kissinger. Mentre il resto della Casa Bianca si rivelava come un gruppo di delinquenti da due soldi, Kissinger rimase una persona in cui l’America poteva credere. “Eravamo semiconvinti che nulla fosse al di là delle capacità di quest’uomo straordinario”, disse Ted Koppel di ABC News in un documentario del 1974, descrivendo Kissinger come “l’uomo più ammirato d’America”. Koppel aggiunse che era “la cosa migliore che abbiamo”.

Oggi sappiamo molto di più sugli altri crimini di Kissinger, sulle immense sofferenze che ha causato durante i suoi anni di incarico pubblico. Ha dato il via libera a colpi di stato e ha permesso genocidi. Ha detto ai dittatori di uccidere e torturare in fretta, ha svenduto i curdi e ha gestito l’operazione sbagliata di rapimento del generale cileno René Schneider (nella speranza di ostacolare l’insediamento del presidente Salvador Allende), che ha portato all’omicidio di Schneider. La sua svolta post-Vietnam verso il Medio Oriente ha lasciato quella regione nel caos, ponendo le basi per le crisi che continuano ad affliggere l’umanità.

Sappiamo poco, però, di ciò che è avvenuto in seguito, durante i suoi quattro decenni di lavoro con la Kissinger Associates. La “lista dei clienti” dell’azienda è uno dei documenti più ricercati a Washington almeno dal 1989, quando il senatore Jesse Helms chiese senza successo di vederla prima di prendere in considerazione la conferma di Lawrence Eagleburger (un protetto di Kissinger e un dipendente della Kissinger Associates) come vice segretario di Stato. In seguito, Kissinger si dimise da presidente della Commissione sull’11 settembre piuttosto che consegnare l’elenco per una revisione pubblica.

La Kissinger Associates è stata una delle prime protagoniste dell’ondata di privatizzazioni che ha avuto luogo dopo la fine della Guerra Fredda nell’ex Unione Sovietica, nell’Europa dell’Est e in America Latina, contribuendo a creare una nuova classe oligarchica internazionale. Kissinger aveva sfruttato i contatti avuti come funzionario pubblico per fondare una delle aziende più redditizie del mondo.

Poi, sfuggito al Watergate, ha usato la sua reputazione di saggio di politica estera per influenzare il dibattito pubblico, a vantaggio, possiamo supporre, dei suoi clienti. Kissinger è stato un entusiasta sostenitore di entrambe le Guerre del Golfo e ha lavorato a stretto contatto con il Presidente Clinton per far passare il NAFTA al Congresso.

L’azienda ha anche fatto affari con le politiche messe in atto da Kissinger. Nel 1975, in qualità di Segretario di Stato, Kissinger aiutò la Union Carbide a creare il suo impianto chimico a Bhopal, collaborando con il governo indiano e ottenendo fondi dagli Stati Uniti. Dopo il disastro della fuoriuscita di sostanze chimiche dall’impianto nel 1984, la Kissinger Associates ha rappresentato la Union Carbide, mediando un misero accordo extragiudiziale per le vittime della fuoriuscita, che ha causato quasi 4.000 morti sul colpo e ha esposto un altro mezzo milione di persone ai gas tossici.

Qualche anno fa, la donazione dei documenti pubblici di Kissinger a Yale è stata accolta con grande clamore. Ma non sapremo mai la maggior parte di ciò che la sua azienda ha combinato in Russia, Cina, India, Medio Oriente e altrove. Porterà quei segreti con sé quando se ne andrà.

* Greg Grandin, a Nation editorial board member, is the Peter V. and C. Vann Woodward Professor of History at Yale University and author of The End of the Myth, winner of the 2020 Pulitzer Prize for general nonfiction.

** Articolo ripreso da PopOff Quotidiano

Sorgente: Addio a Henry Kissinger, celebrato collezionista di crimini contro l’umanità – Kulturjam