0 2 minuti 9 mesi

Caso Santanché, Provenzano (Pd): “Quello che sta emergendo su Daniela Santanché è incompatibile con un solo minuto in più nel ruolo di Ministra della Repubblica”.

Caso Santanché, l’opposizione si compatta per contestare la ministra del Turismo, dopo l’inchiesta di Report. Peppe Provenzano, esponente del Pd, su twitter chiede le dimissioni di Daniela Santanché. “Quello che sta emergendo su Daniela Santanché è incompatibile con un solo minuto in più nel ruolo di Ministra della Repubblica. Non ci sono alternative: dimissioni. Giorgia Meloni non taccia, assicuri la credibilità delle istituzioni. Altrimenti è complice del loro discredito”.

“Abbiamo una ministra imprenditrice spericolata, accusata di collezionare fallimenti e di non pagare dipendenti e fornitori. Santanché intanto glissa e non risponde. In passato abbiamo visto membri del governo dimettersi per molto meno. Come può Meloni far finta di niente?”, scrive su Twitter Enzo Amendola, capogruppo del Pd in commissione Esteri della Camera.

Anche Arturo Scotto sottolinea le accuse: “Il borsino degli affari della Ministra Santanché è terrificante. Conflitti di interesse a parte, emerge un disprezzo profondo per il lavoro dei propri dipendenti. Per chi da anni fa la morale ai più poveri, è insopportabile una tale doppiezza. Dovrebbe andarsene per decenza”.

Anche Carlo Calenda si unisce al coro: “Le questioni sollevate necessitano di una risposta puntuale della Min. Santanché. Dipendenti non pagati, Tfr non erogati e cassa integrazione usata in modo fraudolento non sono accuse che possono essere lasciate cadere nel vuoto da parte di un ministro. Aspettiamo chiarimenti”.

 

Sorgente: Caso Santanché, il Pd: “La ministra deve dimettersi, Giorgia Meloni non può tacere”