0 4 minuti 10 mesi

Al momento della sua uccisione da parte delle forze israeliane nel maggio 2022, Shireen Abu Akleh era un nome familiare noto per aver fornito le ultime notizie dalla Cisgiordania occupata.

Abu Akleh, 51 anni, è stata colpita mentre svolgeva una professione da più di due decenni; uccisa dai soldati israeliani mentre indossava un giubbotto stampa e un elmetto.

‘Vicina alla gente’

Nato nel 1971 a Gerusalemme est da una famiglia cristiana palestinese, Abu Akleh ha forgiato una carriera nel giornalismo che sarebbe diventata sinonimo della  rete Al Jazeera .

Inizialmente ha scelto di studiare architettura, tuttavia, in seguito è passata a una laurea in giornalismo presso la Yarmouk University della Giordania.

“Ho scelto il giornalismo per essere vicino alla gente”, dice Abu Akleh in un video condiviso da Al Jazeera .

“Potrebbe non essere facile cambiare la realtà, ma almeno potrei portare la loro voce nel mondo”.

Abu Akleh ha trascorso un periodo negli Stati Uniti, dove ha ottenuto la cittadinanza tramite parenti che vivevano nel New Jersey.

Ma il suo percorso professionale l’avrebbe riportata in Palestina, dove ha lavorato, tra gli altri, per Voice of Palestine Radio e Amman Satellite Channel.

Nel 1997, ha trovato casa nel nuovo  Al Jazeera Media Network , dove avrebbe lavorato per i successivi 25 anni.

I primi anni della sua carriera l’avrebbero vista coprire la seconda Intifada nel 2000, il brutale assedio israeliano di Jenin e la morte del leader dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) Yasser Arafat.

Famosa per i suoi reportage pionieristici, Abu Akleh è diventata rapidamente un nome familiare, noto per la sua iconica firma: “Shireen Abu Akleh, Al Jazeera, Filasteen (Palestina)”.

‘Assassinato’

L’11 maggio 2022, Abu Akleh stava coprendo un raid israeliano su Jenin quando è stata colpita a morte dalle forze israeliane.

Testimoni oculari hanno accusato le truppe israeliane di aver deliberatamente preso di mira Abu Akleh, che è stato colpito appena sopra la spalla, un’indicazione che il colpo letale è stato intenzionale.

L’esercito israeliano ha inizialmente accusato i combattenti palestinesi della morte, tuttavia in seguito ha ammesso a settembre – quattro mesi dopo l’uccisione – che probabilmente uno dei suoi soldati aveva sparato ad Abu Akleh.

“Non hanno ammesso completamente che fossero loro. Non ci hanno nemmeno dato il nome del soldato”, ha detto ad AFP . “Non sono disposti nemmeno ad aprire un’indagine penale”, ha detto all’epoca la parente Lina Abu Akleh all’AFP .

Un anno dopo, nessuno è stato chiamato a rendere conto della sua uccisione, con Israele ancora riluttante ad assumersi la responsabilità.

Israele ha anche promesso di non cooperare con indagini esterne, inclusa una del Federal Bureau of Investigation (FBI) degli Stati Uniti.

“Mentre tutte le indagini mostrano chiaramente la responsabilità dell’esercito israeliano nella morte di Shireen Abu Akleh, l’assenza di volontà politica impedisce ancora che venga portata loro giustizia”, ​​ha affermato Giovedì Reporters Without Borders (RSF) in una dichiarazione.

“Questo modello di oltraggiosa impunità da parte delle forze israeliane non può continuare”

Sorgente: Ricordando Shireen Abu Akleh: Una voce coraggiosa messa a tacere