0 2 minuti 1 anno

L’ex ministro socialista trova fuorvianti richiami alla riconciliazione nazionale, come quello dell’ex presidente della Camera, Luciano Violante”: “Ha la vista corta del magistrato inquirente che confonde le responsabilità individuali con il pericolo intrinseco a una dottrina reazionaria”

“La pacificazione con i fascisti è avvenuta con l’amnistia di Togliatti. La pacificazione con il fascismo, invece, non c’è stata e non ci potrà essere mai”. Non c’è “la pacificazione con dottrine che uccidono e distruggono la democrazia”. Lo dice in un’intervista a Qn l’ex ministro socialista Rino Formica (96 anni compiuti il primo marzo), che trova fuorvianti richiami alla riconciliazione nazionale, come quello dell’ex presidente della Camera, Luciano Violante”: “Ha la vista corta del magistrato inquirente che confonde le responsabilità individuali con il pericolo intrinseco a una dottrina reazionaria”, commenta.

Ma anche i moniti rivolti a Giorgia Meloni, come quello di Gianfranco Fini, sono destinati, secondo lui a rimanere inascoltati: “Non può chiedere alla destra di non fare la destra”. L’antifascismo “non è semplicemente lo schieramento di una forza per contrastare una tendenza autoritaria, dispotica, illiberale nell’ordinamento del sistema politico della società, ma è soprattutto il segnale di un pericolo permanente che esiste – spiega -. Poi, se questo pericolo dovesse manifestarsi, l’antifascismo organizza, mobilita, ma la segnalazione del pericolo viene prima, è la preparazione spirituale e materiale per contrastare l’eventuale realizzazione del pericolo”. Per Formica la presenza di un governo di destra, per la prima volta dopo 80 anni,  costituisce “l’annuncio di un pericolo” e vediamo “un rigurgito del disprezzo per ogni tendenza liberalizzatrice della società e liberale delle istituzioni”.

Sorgente: Rino Formica: “Non potrà mai esserci pacificazione con Fascismo” – HuffPost Italia