0 6 minuti 11 mesi

La Cina sostiene l’indagine sul Nord Stream guidata dalle Nazioni Unite, esortando le nazioni occidentali guidate dagli Stati Uniti ad abbandonare gli interessi geopolitici ed egoistici

Pubblicato: 22 marzo 2023 23:30

La foto aerea fornita dalla Guardia costiera svedese il 27 settembre 2022 mostra la fuga di gas dal Nord Stream nel Mar Baltico. Foto:Xinhua

Considerando che l’impatto dell’esplosione del Nord Stream è stato enorme e che la maggior parte dei membri della comunità internazionale ha chiesto la verità dietro l’incidente, la Cina sostiene la bozza di risoluzione della Russia che invita le Nazioni Unite ad avviare un’indagine internazionale sull’esplosione e sostiene l’ONU Consiglio di sicurezza nell’avere discussioni su questioni rilevanti, ha affermato mercoledì il ministero degli Esteri cinese.

Wang Wenbin, portavoce del ministero, ha fatto le osservazioni durante una regolare conferenza stampa in risposta a un’inchiesta dei media, che ha citato fonti vicine alla questione secondo cui gli Stati Uniti e alcuni altri paesi occidentali al Consiglio di sicurezza hanno rotto la procedura del silenzio avviata dalla Russia sul progetto di risoluzione del Consiglio di sicurezza sui gasdotti Nord Stream. I membri occidentali guidati dagli Stati Uniti hanno sollevato un’obiezione all’istituzione di una commissione investigativa internazionale indipendente, secondo le fonti.

Wang ha affermato che la bozza di risoluzione proposta dalla Russia ha lo scopo di invitare le Nazioni Unite ad avviare un’indagine internazionale sull’esplosione. La Cina è d’accordo con questo approccio e sostiene la bozza di risoluzione russa. 

Le indagini internazionali sotto gli auspici delle Nazioni Unite, l’organizzazione internazionale più autorevole e rappresentativa, possono creare sinergie con le inchieste nazionali esistenti e portare prima alla verità, ha osservato Wang.

La Cina sostiene il Consiglio di sicurezza nelle discussioni su questioni rilevanti e svolge un ruolo costruttivo nei negoziati del progetto di risoluzione. Anche alcuni paesi in via di sviluppo che fanno parte del Consiglio di sicurezza hanno avanzato proposte e raccomandazioni legittime, ha affermato Wang.

Commentando le obiezioni sollevate da alcuni membri occidentali del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Wang ha detto che speriamo che siano consapevoli della loro responsabilità per la verità, abbandonino interessi geopolitici ed egoistici, adempiano in modo credibile al loro dovere e responsabilità come membri del Consiglio di sicurezza, partecipino a i negoziati del progetto di risoluzione in modo costruttivo e adoperarsi per un rapido consenso sulla risoluzione.

Il 26 settembre 2022, due gasdotti sottomarini russi che trasportavano gas naturale in Europa, il Nord Stream I e II, sono esplosi lo stesso giorno sotto il Mar Baltico. Dopo l’esplosione, gli Stati Uniti, l’UE, la NATO e la Russia hanno affermato che l’esplosione è stata causata da un sabotaggio. 

Di recente, una notizia bomba del famoso giornalista investigativo americano Seymour Hersh che ha rivelato la colpevolezza degli Stati Uniti nella distruzione dell’oleodotto Nord Stream ha attirato l’attenzione globale.

In un’intervista al Global Times , Hersh ha rivelato che l’ordine di far saltare l’oleodotto è stato emesso direttamente dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Hersh ha anche affermato di ritenere che l’amministrazione Biden non vedrà una fine positiva della crisi ucraina. 

Gli esperti cinesi hanno sottolineato l’importanza di promuovere l’indagine condotta dalle Nazioni Unite sul sabotaggio del Nord Stream, osservando che l’avvio di tale indagine nell’ambito dell’attuale meccanismo delle Nazioni Unite potrebbe essere molto difficile perché gli Stati Uniti – uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – ostacolare o opporsi alla proposta di indagine.

Tuttavia, la promozione dell’indagine e dei relativi dibattiti sull’incidente alle Nazioni Unite smaschererà almeno i doppi standard degli Stati Uniti.

Rivelerà anche che ciò che gli Stati Uniti hanno fatto è stato distruttivo per la sicurezza internazionale, ha detto mercoledì al Global Times Li Haidong, professore presso l’Istituto di relazioni internazionali presso l’Università cinese per gli affari esteri.

Pertanto, anche se potrebbe essere difficile sotto il sistema delle Nazioni Unite portare a termine l’indagine su questo argomento, tutte le parti devono comunque portare avanti l’indagine, che almeno avrebbe un effetto di avvertimento e allerta sulla parte veramente responsabile, ha detto Li.

Nella dichiarazione congiunta Cina-Russiasull’approfondimento del partenariato strategico globale di coordinamento per la nuova era firmato martedì dai capi di stato cinese e russo a Mosca, i due paesi hanno chiesto un’indagine obiettiva, imparziale e professionale sull’esplosione del gasdotto Nord Stream. 

Se l’indagine condotta dalle Nazioni Unite dimostrasse che gli Stati Uniti sono stati i colpevoli del sabotaggio del Nord Stream, danneggerebbe l’alleanza degli Stati Uniti con l’Europa, quindi presumibilmente l’autore farebbe tutto il possibile per impedire un’indagine delle Nazioni Unite, ha sottolineato Li.

Sorgente: La Cina sostiene l’indagine sul Nord Stream guidata dalle Nazioni Unite, esortando le nazioni occidentali guidate dagli Stati Uniti ad abbandonare gli interessi geopolitici ed egoistici – Global Times