0 9 minuti 1 anno

«Guardiamo in faccia la realtà», aveva detto Macron. Ma la realtà ha guardato lui: 3,5 milioni di persone in tutte le piazze di Francia, scuole occupate, blocchi a strade e ferrovie, mezzo paese fermo. E martedì si ricomincia. Manon Aubry: «Questa riforma è l’ultima goccia». Non si tratta più di pensioni, ma di democrazia

Il marzo francese
EUROPA

Il marzo francese

Filippo Ortona

IL MARZO FRANCESE«Guardiamo in faccia la realtà», aveva detto Macron. Ma la realtà ha guardato lui: 3,5 milioni di persone in tutte le piazze di Francia, scuole occupate, blocchi a strade e ferrovie, mezzo paese fermo. E martedì si ricomincia. Manon Aubry: «Questa riforma è l’ultima goccia». Non si tratta più di pensioni, ma di democrazia

ITALIA

In piazza per i diritti delle giovani persone trans

Redazione

SABATO 1 APRILE A ROMA Un corteo promosso dall’associazione Gender X e al quale hanno aderito tantissimi collettivi e associazioni. Formazione, supporto psicologico e carriera alias nelle scuole tra le richieste

EUROPA

Guterres ai leader: zero emissioni entro il 2040

Luca Martinelli

«VICINI AL MOMENTO CRITICO»«Di fronte alla tripla crisi planetaria del cambiamento climatico, dell’inquinamento e della perdita di biodiversità» il Consiglio europeo e il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres «hanno sottolineato l’urgenza di rafforzare […]

EUROPA

Manon Aubry: «Macron ha già perso, ora cambieremo strada»

Paolo Vittoria

INTERVISTA SULLE PROTESTE FRANCESILa europarlamentare di France Insoumise: il 70% dei francesi e il 90% della popolazione attiva è contro la riforma. Le mobilitazioni contestano il liberismo, mettono al centro una nuova idea di lavoro, disuguaglianze e clima

CULTURA

François Hartog, quel solipsismo che può fagocitarci

Roberto Ciccarelli

ITINERARI CRITICIIntervista allo storico francese, lunedì ospite a La Sapienza di Roma. Ha rinnovato l’epistemologia della storia, riflettendo sull’evoluzione del nostro rapporto con il passato. «Quando il futuro ha perso la sua forza di attrazione e ogni ritorno a ciò che è stato, inteso come modello e portatore di lezioni, è diventato impossibile, è rimasto solo il presente. C’è un “presentismo” sofferto o forzato, quello di tutti coloro per i quali il progetto è vietato, cioè i disoccupati, i migranti, spesso giovani che vivono alla giornata»

VISIONI

«Creed III», i fantasmi del passato sul ring

Giulia D’Agnolo Vallan

CINEMAMichael B. Jordan è regista e attore protagonista in «Creed III», Ryan Coogler firma la sceneggiatura. Assente Sylvester Stallone, ma lo spirito della saga originaria non è tradito

SPORT

Il gol della Roma femminile

Matteo Bartocci

CALCIORoma-Barcellona è stata la partita di calcio femminile più vista della storia italiana: 39.454 persone sugli spalti all’Olimpico. E in campo uno sport dal volto umano, più comprensibile, in cui è facile riconoscersi. Anche tra generazioni diverse

COMMENTI

La memoria è sete di pace

Amedeo Ciaccheri

COMMENTISe c’è una data nel calendario civile della nostra Repubblica che oggi racconta del nostro presente e del nostro futuro più di qualunque altra è forse proprio il 24 marzo. […]