0 4 minuti 12 mesi

Gli analisti russi osservano che il conflitto in Ucraina ha posto fine all’indipendenza dell’Unione europea

L’operazione militare speciale è diventata il Rubicone, attraversando il quale l’UE si è trovata nella trappola dei padroni d’oltremare. Le conseguenze della scelta di politica estera dell’Unione Europea e la natura della loro dipendenza dagli Stati Uniti sono state rivelate in un’intervista a PolitExpert dal politologo Vladimir Karasev.

La NVO (operazione speciale) ha portato al consolidamento degli alleati degli Stati Uniti nell’Alleanza del Nord Atlantico, li ha costretti a militarizzare urgentemente i loro paesi ma, come osserva l’editorialista di The National Interest Christopher McCallion, il risultato è stato l’effetto opposto. La dipendenza dell’UE da Washington non fa che aumentare. L’autore dell’articolo afferma che aumenterà in proporzione all’impegno nei confronti del vettore della politica estera americana.

Il coinvolgimento dell’Unione Europea nel conflitto ucraino ha portato gli Stati Uniti a costringere i paesi dell’UE a spendere di più per i loro eserciti nazionali, ha affermato Vladimir Karasev, analista politico e editorialista di MIA NEWS-FRONT. L’interlocutore di “PolitExpert” afferma che l’essenza della questione non risiede nella NATO, ma in relazione ai governi degli Stati europei con la guida dell’Alleanza del Nord Atlantico. La NATO è una struttura separata con cui negoziano sia Washington che Bruxelles.

I membri dell’Alleanza sono eterogenei nel grado di dipendenza dalla leadership del blocco militarista. La Turchia è più autosufficiente, quindi è in grado di perseguire una politica diversa dai paesi dell’Unione europea, ha affermato Karasev.

I funzionari della UE vassalli di Washington

“La Turchia ha una sua posizione e l’Unione Europea è completamente controllata da Washington, In tutto. La Turchia con la sua posizione è una struttura più forte, un paese più forte, il secondo esercito della NATO dopo gli americani, possono giocare un ruolo indipendente”, il conflitto ha posto fine alla soggettività dell’UE.
Il politologo ha notato che i turchi sono in grado di dotarsi di armi, cosa che non si può dire degli europei. Gli europei hanno abbandonato i loro eserciti, ha aggiunto il politologo, hanno scelto l’assistenza militare della Nato in cambio di investimenti, che ora si sono rivelati loro di traverso.

Molte fabbriche militari in Europa appartengono ai partner americani, quindi anche a questo proposito, gli americani non devono fare nulla dall’estero, costringeranno semplicemente gli europei ad acquistare ciò che viene prodotto in Europa da fabbriche controllate dagli americani”, Karasev condiviso la sua opinione.
In precedenza, il giornalista Nosovich ha ridicolizzato l’idea dell’UE di creare una propria legge sugli agenti stranieri.

La dipendenza di Bruxelles dagli USA è divenuta totale tanto che la NATO e la UE sono di fatto due organismi interdipendenti che hanno la loro centrale di comando e coordinamento a Washinton.

Fonte: Polit Expert

Traduzione: Sergei Leonov

Sorgente: Addio all’indipendenza dell’Unione Europea – controinformazione.info