0 2 minuti 1 anno

Migliaia di lavoratori di Amazon si sono svegliati con una brutale e-mail del loro datore di lavoro che li informava che il loro ruolo era stato “eliminato” con effetto immediato. Circa 18mila dipendenti sono stati licenziati nell’ultimo giro di tagli di posti di lavoro annunciato per la prima volta a novembre dal CEO, Andy Jassy.I licenziamenti sono gli ultimi nel settore tecnologico statunitense, con le aziende che tagliano la loro forza lavoro e i costi per invertire gli eccessi dell’era della pandemia, e prepararsi a un peggioramento dell’economia globale.La società sta licenziando 2.300 dipendenti a Seattle e Bellevue, secondo un aggiornamento sul sito Worker Adjustment and Retraining Notification (WARN). La legge sul lavoro degli Stati Uniti richiede alle aziende che pianificano un licenziamento di massa di informare i dipendenti 60 giorni prima della chiusura.L’amministratore delegato di Amazon.com Andy Jassy ha dichiarato all’inizio di questo mese che i tagli, circa il 6% dei circa 300mila dipendenti aziendali dell’azienda, avrebbero avuto un impatto principalmente sulle divisioni e-commerce e risorse umane. Microsoft ha dichiarato in precedenza che taglierà circa 10mila posti di lavoro e prenderà un addebito di 1,2 miliardi di dollari.

Sorgente: Amazon avvia licenziamenti di 18mila lavoratori – Il Faro sul Mondo


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.