0 2 minuti 1 anno

Il verdetto di Karlsruhe spiana la strada alla ratifica del fondo salva-Stati da parte di Berlino. Così l’unico Paese a non averlo ancora fatto rischia di restare l’Italia

BERLINO – Un’altra buona notizia per l’Europa da Karlsruhe, la seconda in pochi giorni. I giudici costituzionali tedeschi hanno dato il via libera alla riforma del fondo salva-Stati. Ma per l’Italia potrebbe essere una pessima novità, perché nella sua contrariertà al riordino del Mes rischia di rimanere isolata. L’unico altro Paese a non aver ancora ratificato la riforma è la Germania, che attendeva soltanto il giudizio della sua Corte costituzionale.

 

 

I togati hanno respinto un ricorso che lamentava la lesione dell’autodeterminazione democratica e il trasferimento di eccessivi poteri sul fondo nato durante la grande crisi finanziaria dell’inizio degli anni Dieci. Gli argomenti dei ricorso “non sono sufficientemente sostanziati”, argomenta Karlsruhe.

L’Italia si oppone da anni al fondo salva-Stati, prima per la pregiudiziale contrarietà del M5S durante i governi Conte: i pentastellati, dopo il salvataggio faticoso della Grecia, lo ritengono uno strumento vessatorio. La destra attualmente al governo idem, almeno, nel partito di Giorgia Meloni. La sottosegretaria all’Economia di Fratelli d’Italia, Lucia Albano, ha sostenuto di recente che “le condizioni del fondo sono eccessivamente stringenti” e ha respinto le accuse di un’opposizione ideologica. Il ministro leghista Giancarlo Giorgetti, invece, aveva rassicurato i partner europei sul fatto che l’Italia onorerà i suoi impegni e ratificherà il Mes.

 

Sorgente: Germania, via libera della Corte costituzionale al Mes. L’Italia rischia l’isolamento – la Repubblica