0 11 minuti 1 anno

 

Mosca rivendica gli «obiettivi raggiunti» della rappresaglia scatenata sull’Ucraina, mentre il vertice straordinario del G7 rilancia il sostegno in armi a Zelensky e il monito a Putin sull’uso di «ordigni chimici e nucleari». Domani sit-in pacifista all’ambasciata russa

INTERNAZIONALE

Orgoglio e precipizio

Ester Nemo

Mosca rivendica gli «obiettivi raggiunti» della rappresaglia scatenata sull’Ucraina, mentre il vertice straordinario del G7 rilancia il sostegno in armi a Zelensky e il monito a Putin sull’uso di «ordigni chimici e nucleari». Domani sit-in pacifista all’ambasciata russa

ECONOMIA

Fmi: Italia in corsa verso la recessione E il «peggio deve arrivare»

Roberto Ciccarelli

L’economia italiana crescerà del 3,2% nel 2022 e si contrarrà di 0,2 nel 2023. Lo sostiene il World Economic Outlook reso noto ieri dal Fondo Monetario Internazionale (Fmi). «Ci attendiamo che l’Italia entri in recessione tecnica nei prossimi trimestri soprattutto per l’impatto della crisi energetica» sostiene Petya Koeva Brooks, vice capo economista dell’Fmi. La crisi energetica non è uno shock transitorio, porta con sé alta inflazione, il calo dei redditi e un aumento della disoccupazione, della povertà e della precarietà. Pesano gli effetti dell’aumento dei tassi di interesse decisi dalla Banca Centrale Europea. «C’è il pericolo di fare troppo o troppo poco» sostiene il capo economista dell’Fmi Pierre-Olivier Gourinchas. «Il peggio deve ancora venire»

Investimenti in sanità pubblica, l’Italia è sempre ultima nel G7
ITALIA

Investimenti in sanità pubblica, l’Italia è sempre ultima nel G7

Andrea Capocci

I numeri sono impietosi, nonostante il Pnrr. L’investimento in sanità è aumentato solo con l’emergenza, ma nel 2025 tornerà al di sotto del livello pre-pandemia. Le «richieste eversive» dell’autonomia differenziata rischiano di spaccare il servizio sanitario nazionale

Tino Magni: «Via il Jobs act e i lavoratori ci riascolteranno»
LAVORO

Tino Magni: «Via il Jobs act e i lavoratori ci riascolteranno»

Massimo Franchi

Quindici anni di fabbrica, poi tutta la trafila da delegato a segretario nazionale Fiom: non voglio essere un panda, punto a ricostruire un dialogo con la società. La politica li ha lasciati soli: da 30 anni votano a destra. Torniamo internazionalisti perché torni la solidarietà

La condanna del G7, in arrivo altre armi
EUROPA

La condanna del G7, in arrivo altre armi

Anna Maria Merlo

I leader dei principali paesi occidentali hanno condannato gli «attacchi»: «Crimini di guerra». Avvertimento alla Bielorussia: «Basta complicità, il sostegno a Putin avrà conseguenze». Draghi incalza la Commissione: «I prezzi dell’energia sono ancora troppo alti, è un problema che dobbiamo affrontare uniti». La prossima settimana esercitazione nucleare Nato: ma era già in programma precisa Stoltenberg

La  Cina punta  al dialogo, ma anche la crisi coreana si complica
INTERNAZIONALE

La Cina punta al dialogo, ma anche la crisi coreana si complica

Lorenzo Lamperti

Il ministero degli Esteri di Pechino si è detto pronto a «rivestire un ruolo costruttivo nella risoluzione politica» tra Pyongyang e Seul, ma ha invitato Washington «a creare le condizioni per la ripresa di un dialogo significativo». Questioni storiche aperte anche sullo Stretto di Taiwan, dove la calma è solo apparente. Tutti i governi della regione continuano la corsa agli armamenti

Tutankhamon, il ritorno
CULTURA

Tutankhamon, il ritorno

Valentina Porcheddu

«Faraoni superstar» al Mucem di Marsiglia, l’esposizione che coincide con il centenario della scoperta della tomba del sovrano-bambino, colpito poi da «damnatio memoriae». Dopo la Francia, la rassegna andrà in Portogallo, a Lisbona, testimoniando quella mania per l’Egitto antico che ha attraversato i secoli . Fra le grandi protagoniste, c’è anche Nefertiti

Le rotte del pensiero e le possibilità di illuminare il presente
CULTURA

Le rotte del pensiero e le possibilità di illuminare il presente

Alberto Giovanni Biuso

“Filosofia: metodi e orientamenti contemporanei”, a cura di Roberta Lanfredini, per Carocci. Un libro che analizza le diverse metodologie con le quali i filosofi leggono il mondo, che è molteplice e cangiante, e che rende quindi sempre dinamica anche la scienza che lo indaga