0 10 minuti 2 anni

È morta Elisabetta II Windsor, la regina più longeva del più longevo impero moderno, o ciò che ne resta. Ha visto una guerra mondiale e varie guerre coloniali, l’Irlanda del Nord e le Falkland, Margaret Thatcher e lady Diana, l’ingresso e l’uscita dall’Europa… Se ne va da icona pop, nell’universo digitale dove non si muore mai

Il secolo in breve
Europa

Il secolo in breve

Leonardo Clausi

È morta Elisabetta II Windsor, la regina più longeva del più longevo impero moderno, o ciò che ne resta. Ha visto una guerra mondiale e varie guerre coloniali, l’Irlanda del Nord e le Falkland, Margaret Thatcher e lady Diana, l’ingresso e l’uscita dall’Europa… Se ne va da icona pop, nell’universo digitale dove non si muore mai

Commenti

L’azzardo della Banca centrale

Luigi Pandolfi

La mossa, già battezzata come «storica», arriva dopo lo stop «a tempo indefinito» del gasdotto North Stream1, i cui effetti sul Pil europeo sono del resto prevedibili (per la Bce solo lo scenario «più negativo»).

I sondaggi non premiano il frontismo del Pd
Politica

I sondaggi non premiano il frontismo del Pd

Andrea Fabozzi

Pubblicate le ultime rilevazioni prima dello stop, le terze e quarte forze non calano ma al contrario aumentano. Un trend che smentisce la campagna di Letta sul voto utile e anche la tendenza tradizionale degli ultimi giorni di campagna

Under 24 al voto, tra TikTok e la «prima volta»
Politica

Under 24 al voto, tra TikTok e la «prima volta»

Roberto Pietrobon

Lo «speciale giovani al voto» realizzato dieci giorni fa dall’osservatorio Hi-Tech è stato il primo studio analitico sul voto giovanile (18-24 anni) in vista del 25 settembre. La ricerca consegna […]

Cominciamo bene, con i «numeri chiusi»
Scuola

Cominciamo bene, con i «numeri chiusi»

Loredana Fraleone*

Gli studenti che vorrebbero entrare in importanti facoltà a numero chiuso, sono sottoposti ad improbabili quiz, che spesso presuppongono conoscenze che dovrebbero essere acquisite proprio nel percorso universitario

Christin Lagarde, foto Ap
Economia

La corsa della Bce verso la stagflazione continua

Roberto Ciccarelli

Aumento dei tassi di interesse di75 punti base. Nel 2023 crollo dell’economia dal 3,1 allo 0,9%. La presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde: «Lo stop di gas e petrolio russo porteranno a una recessione. Ci siamo quasi». Acerbo (Rifondazione-Unione Popolare): «La Bce fa pagare le conseguenze della guerra ai popoli». E il prossimo governo italiano può trovarsi nella tenaglia di una policrisi mentre le classi dirigenti suonano lo spartito sbagliato. L'”età dell’abbondanza”, quella dei bassi salari, è finita. Può iniziare una peggiore

Le auto elettriche dividono Seul e Washington
Internazionale

Le auto elettriche dividono Seul e Washington

Guido Alberto Casanova

L’approvazione a Washington dell’Inflation Reduction Act conterrebbe discriminazioni nei confronti dei produttori sudcoreani che l’accordo di libero scambio tra i due paesi e le convenzioni dell’Organizzazione mondiale del commercio esplicitamente proibiscono

Nei crimini dell’economia le radici sociali del noir
Cultura

Nei crimini dell’economia le radici sociali del noir

Dominique Manotti

Dall’attivismo alla letteratura: «Quando non sono più riuscita a trovare il mio ruolo politico e militante nella Francia della grande svolta neoliberale degli anni Ottanta, ho riscoperto le potenzialità della letteratura e ho sentito il desiderio di raccontare dei pezzi di vita della mia generazione». L’intervento che la scrittrice francese pronuncerà oggi nell’ambito del festival Treviso Giallo. Alle 16,30 la presentazione del nuovo romanzo «Marsiglia ’73», per Sellerio

Il corpo sotto scacco del potere
Cultura

Il corpo sotto scacco del potere

Francesca Lazzarato

L’autrice cilena è in tour italiano, oggi sarà al Festivaletteratura di Mantova, poi Milano e Roma con la raccolta di saggi edita da Mimesis «Errante, erratica. Pensare il limite tra letteratura, arte e politica», scelti e prefati da Laura Scarabelli, che ne ha curato la traduzione

Il Libano in crisi che odia le donne
L’Ultima

Il Libano in crisi che odia le donne

Pasquale Porciello

Abusi e violenze senza precedenti da quando il Paese è finito nell’abisso, con dati spaventosi sulla povertà. Mariti, fratelli, padri scatenati. E uno stato fallito che non applica le sue leggi

Sorgente: ilmanifesto.it


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.