Abolire la monarchia

Abolire la monarchia

21 Settembre 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Dicono che ormai esercitano un potere soltanto cerimoniale o simbolico, ma non è così: re e regine sono statue da abbattere perché rappresentano il comando dei pochi e la sudditanza dei molti

Ben Burgis *

Chiunque ne abbia memoria potrebbe ancora essere confuso dallo spettacolo dei conservatori statunitensi che professano il loro amore per la monarchia britannica. Due giorni prima che Donald Trump lasciasse l’incarico, la sua «Commissione del 1776» ha elogiato la Dichiarazione di Indipendenza come un documento storicamente importante che ha reso l’America una nazione «unica». Durante l’amministrazione Obama, l’iconografia della lotta rivoluzionaria americana contro la corona britannica era così pervasiva che l’ala destra del Gop si chiamava addirittura «Tea Party».

Eppure, quando Meghan Markle e il principe Harry in un’intervista con Oprah Winfrey hanno criticato la famiglia reale, la risposta di alcune figure di importanti istituzioni conservatrici è stata quella di preservare proprio l’istituzione contro cui i fondatori dell’America si stavano ribellando nel 1776. Sono apparse molteplici difese della monarchia in pubblicazioni come Federalist e National Review. La Heritage Foundation ha ospitato un evento virtuale intitolato: «La corona sotto attacco: perché la campagna della sinistra per annullare la monarchia e indebolire una pietra angolare della democrazia occidentale fallirà».

Era difficile leggerlo senza pensare agli slogan ufficiali del partito al governo in 1984 di George Orwell. La guerra è pace! La libertà è schiavitù! La monarchia è una pietra angolare della democrazia!

Christopher Hitchens contro la National Review

La classica dichiarazione moderna contro la monarchia è l’opuscolo di Christopher Hitchens del 1990 The Monarchy: A Critique of Britain’s Favorite Fetish. Hitchens si sarebbe spostato a destra un decennio dopo in seguito agli attacchi terroristici dell’11 settembre, ma nel 1990 era un socialista convinto e uno dei migliori scrittori di sinistra.

Nell’opuscolo, Hitch demolisce allegramente le solite argomentazioni a difesa della monarchia, sottolineando, ad esempio, che gli stessi apologeti reali che insistono tutto d’un fiato sul fatto che non viene fatto alcun male alla democrazia britannica avendo i monarchi ereditari, per il resto impotenti, i poteri cerimoniali che di solito hanno i capi di stato o dicendo che i reali usano il potere per buone cause.

Se non cogliete il punto, immaginate che qualcuno vi dica domani: «D’ora in poi, avrete un’udienza privata settimanale con il primo ministro o il presidente o il cancelliere della vostra nazione, e se anche doveste solo alludere di essere scontento di quel funzionario, sarebbe considerata una notizia importante. Oh, e ogni volta che vuoi, potresti provocare una crisi costituzionale negando il tuo assenso a una legge, anche se così facendo rischieresti di perdere il tuo status». La considereresti come una diminuzione o un aumento della quantità di potere politico che hai esercitato come privato cittadino?

Coloro che sostengono che la monarchia costituzionale non sia una forma di governo particolarmente discutibile spesso affermano che una società che ha i «reali» non è peggiore di una che ha celebrità ricche di qualsiasi tipo, ma ciò che Hitchens indica è una netta differenza. Si può sostenere che il livello di investimento emotivo che alcune persone comuni possono avere nella vita di attori e pop star che non incontreranno mai è malsano, e si può certamente sostenere che gran parte della ricchezza di quegli attori e pop star dovrebbe essere redistribuita, ma Beyoncé e la regina Elisabetta semplicemente non esercitano forme di potere paragonabili.

In un articolo della National Review intitolato «Una difesa americana della monarchia costituzionale britannica», Joseph Loconte della Heritage Foundation si scaglia contro «la sinistra» e «la sinistra radicale» per la loro ostilità alla monarchia. Non cita Hitchens, né alcuno scrittore di sinistra più recente. L’unico antimonarchico che cita per nome è… Maximilien Robespierre. Contrasta le aspirazioni del rivoluzionario francese di un’«alba di beatitudine universale» con la presunta gloriosa storia del «costituzionalismo» della monarchia.

La strategia di Loconte è quella di dare credito ai monarchi britannici per ogni concessione conquistata a fatica dai nobili ribelli (la Magna Carta) o dalle forze popolari (suffragio universale). Riferendosi alla prima, Loconte afferma che «la monarchia ha convenuto che nessun leader politico era al di sopra dello stato di diritto». L’equivalente approssimativo sarebbe dire che «la General Motors ha accettato di riconoscere il sindacato United Auto Workers» o nella Guerra civile americana «la Confederazione ha accettato ad Appomattox di rientrare negli Stati Uniti».

Allo stesso modo, nei suoi inni alla «democrazia parlamentare», Loconte non ritiene opportuno menzionare tutti i cartisti morti o andati in prigione o in esilio che lottavano per il diritto degli uomini della classe operaia britannica di votare alle elezioni parlamentari, o le suffragette che hanno combattuto all’inizio del ventesimo secolo per estendere tale diritto alle donne. Nel mondo reale, queste lotte furono condotte contro l’establishment britannico guidato dalla famiglia reale.

Questa bizzarra imbiancatura raggiunge il suo apice quando Loconte discute della guerra civile inglese.

Quando il re Carlo I ha cercato di governare senza Parlamento, ha innescato una crisi costituzionale. Sebbene ci fossero altre questioni in gioco, la guerra civile inglese (1642–1651) fu una lotta tra assolutismo politico e costituzionalismo. Alla fine, Thomas Hobbes e il suo Leviatano dovettero cedere. Nei decenni a seguire, l’Inghilterra divenne l’epicentro dei più importanti dibattiti avvenuti ovunque sui diritti inalienabili dell’umanità: libertà di parola, di stampa, di diritto di riunione e diritto di adorare Dio secondo i dettami della coscienza.

Mentre sento il dovere professionale di sottolineare che le opinioni reali di Hobbes sulla monarchia erano più complicate di quanto suggerisca questo passaggio, il vero crimine contro la storia di Loconte è molto più semplice. Tralascia il fatto che la vittoria del costituzionalismo, in questo caso, significò che le forze parlamentari decapitarono Carlo e abolirono temporaneamente la monarchia.

Discutendo della rivoluzione americana, Loconte afferma che la guerra è stata combattuta dagli americani per rivendicare i nostri «diritti stabiliti come inglesi». Evita di citare la Dichiarazione di Indipendenza, che è impostata tutta come un atto d’accusa contro «l’attuale re di Gran Bretagna». Né cita gli argomenti di principio contro l’idea stessa di monarchia ereditaria in uno dei testi più importanti di quella lotta, Il buon senso di Thomas Paine. Dice invece che nel disegnare la Costituzione, i fondatori furono influenzati da Montesquieu, un «teorico francese che apprezzava l’esempio inglese» del costituzionalismo.

Quindi, davvero, se ci pensate bene, una rivoluzione riuscita per eliminare il dominio della monarchia britannica va ascritta ai meriti… della monarchia britannica. Questa sarebbe stata sicuramente una sorpresa per tutti negli Stati uniti degli albori, quando l’insulto più tossico che i jeffersoniani potessero scagliare contro Alexander Hamilton era che era un cripto-monarchico.

Loconte trova persino un modo tortuoso per accreditare alla monarchia l’abolizione della schiavitù. I monarchi britannici sovrintendevano a una vasta tratta di schiavi? Certo, ma «la monarchia, in quanto guardiana della Chiesa d’Inghilterra, alla fine si è confrontata con la coscienza cristiana del parlamento», che si è sbarazzata della tratta degli schiavi. Anche mettendo da parte il ruolo delle ribellioni degli schiavi caraibici in questo racconto, l’equilibrismo verbale qui mostrato è notevole. Il parlamento ha posto fine alla schiavitù nell’impero britannico grazie alla famiglia reale perché i polemisti contro la schiavitù usavano un linguaggio religioso e il re era il capo della Chiesa? O cosa?

Le difese più serie della monarchia spesso ruotano attorno all’idea che l’istituzione abbia fornito «stabilità e continuità» consentendo allo stesso tempo alle istituzioni democratiche di evolversi. Anche lì, però, Christopher Hitchens ci ricorda quanto poco queste idee assomiglino alla vera storia della monarchia, dalla guerra civile inglese al regno di Edoardo VIII, che fu costretto a dimettersi non a causa delle sue simpatie filo-naziste, ma perché voleva sposare un’attrice divorziata.

[Il] numero di volte in cui una ‘successione’ reale è stata pacifica o ha portato alla ‘stabilità’ è relativamente basso. Tra l’esecuzione del re Carlo I fuori dalla Banqueting House nel gennaio 1649, ad esempio, e l’estinzione della causa giacobina a Culloden nel 1746, nemmeno lo stesso Thomas Hobbes riuscì a dare un senso completo al principio monarchico. Continuava a dover essere reinventato con la forza, e in effetti necessitava di ripetute infusioni dai già sbiaditi principini della terraferma europea… Non viene considerato educato soffermarsi su questo fatto, ma solo un esercizio di ridicolo assolutismo morale nel 1936 ha impedito (per caso lo ammetto, ma poi tutto ciò che è fondato sul principio ereditario è un caso) l’adesione di un giovane dalla spiccata simpatia per il Nazionalsocialismo. L’ex Edoardo VIII, come duca di Windsor, era una preoccupazione permanente e un imbarazzo per il governo britannico durante la Seconda guerra mondiale e sembra non aver mai abbandonato la sua convinzione che Hitler avesse ragione. Se le cose fossero andate diversamente, sarebbe stato candidato per dare stabilità e continuità a un regime imposto dall’estero di tipo completamente diverso.

Perché abolire la monarchia

Tutto questo, potreste lamentarvi, significa rievocare la storia antica. La monarchia potrebbe anche avere una storia straordinariamente brutta ma ora, anche se ci limitiamo a sostenere che i reali «non hanno» potere politico, il ruolo che svolgono è per lo più simbolico.

Hitchens fornisce ancora una prospettiva utile: «È una definizione irrisoria della vita politica di una nazione – scrive Hitch – che non include la consuetudine, le forme tribali, il rituale e le commemorazioni».

Per capirlo, basti pensare alle controversie sulla rimozione delle statue confederate. Concentrarsi troppo su questioni puramente simboliche può essere una distrazione inutile, ma è davvero osceno costringere i discendenti degli schiavi a confrontarsi con statue giganti in onore di mostri pro-schiavitù come Robert E. Lee. Nella misura in cui il ruolo della famiglia reale è meramente simbolico, dovremmo chiederci cosa simboleggiano e se questo è un simbolo che una società democratica del ventunesimo secolo dovrebbe sostenere.

Una cosa che simboleggiano è tutta la storia che Loconte cerca così goffamente di imbiancare, con alcuni episodi recenti. La regina Elisabetta, ad esempio, ha assegnato l’Ordine dell’Impero Britannico ai soldati che hanno compiuto il massacro della Bloody Sunday in Irlanda. E se la storia della monarchia fosse tutta simbolica, questo li renderebbe già versioni viventi molto costose delle statue confederate che meriterebbero abbondantemente di essere rovesciate.

Ma la monarchia è anche il simbolo di una gerarchia brutale e nuda. È essenzialmente le mascotte della squadra del privilegio ereditario. Ecco perché i conservatori da questa parte dell’Atlantico si sentono istintivamente protettivi nei confronti di quella istituzione.

L’idea che qualsiasi essere umano meriti di avere un ruolo all’interno di un’istituzione statale semplicemente a causa della sua linea di sangue è offensivo per lo stesso motivo per cui è offensivo vivere in un mondo in cui alcune persone nascono nella ricchezza e altre nella povertà. Se lo stato britannico smettesse di celebrare quell’odiosa idea, il risultato potrebbe non essere un’«alba di beatitudine universale», ma sarebbe un inizio decente.

* Ben Burgis è professore a contratto di filosofia al Morehouse College e conduttore del programma YouTube e del podcast Give Them An Argument. È autore di diversi libri, l’ultimo dei quali si intitola Christopher Hitchens: What He Got Right, How He Went Wrong e Why He Still Matters. Questo testo è uscito su JacobinMag. La traduzione è a cura della redazione.

 

 

Sorgente: Abolire la monarchia – Jacobin Italia

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot