L’embargo europeo sul petrolio russo avrà successo? di Daniel Gros – Project Syndicate

L’embargo europeo sul petrolio russo avrà successo? di Daniel Gros – Project Syndicate

8 Giugno 2022 0 Di ken sharo

La decisione dell’Europa di vietare la maggior parte delle importazioni russe di petrolio si basa su un semplice calcolo: poiché l’UE rappresenta circa la metà delle esportazioni petrolifere russe, un embargo dimezzerebbe all’incirca le entrate delle esportazioni petrolifere russe. Ma la realtà è più complicata.

BRUXELLES – Mentre la guerra in Ucraina supera la soglia dei 100 giorni, vale la pena chiedersi quanto danno le sanzioni occidentali hanno arrecato all’economia russa e se le misure imminenti – in particolare l’ embargo recentemente annunciato dall’Unione Europea sulla maggior parte del petrolio russo – possono cambiare il presidente russo I calcoli strategici di Vladimir Putin.

Il petrolio era utilizzato per fornire la maggior parte dei proventi delle esportazioni della Russia. A dicembre 2021, le esportazioni si attestavano a 7,8 milioni di barili al giorno, un tasso annuo superiore a 2,8 miliardi di barili. Sebbene questa sia una cifra pre-invasione, la Russia dovrebbe mantenere una solida capacità di esportazione fino a quando la mancanza di accesso ad attrezzature occidentali all’avanguardia non limiterà la produzione.

Nel breve periodo, le sanzioni occidentali non influenzeranno la produzione di petrolio della Russia. Inoltre, l’uso interno è in calo a causa della contrazione dell’economia russa. La Russia può quindi sostenere le sue esportazioni di petrolio per il momento e, a $ 110-120 al barile , le sole esportazioni di greggio potrebbero far guadagnare alla Russia oltre $ 300 miliardi all’anno, abbastanza per finanziare il suo governo e sostenere la sua guerra.

L’embargo dell’UE dovrebbe impedirlo. La matematica che fa il giro nei circoli diplomatici è semplice: se l’UE – che rappresenta circa la metà delle esportazioni di petrolio della Russia – smetterà di importare greggio russo, Putin perderà 150 miliardi di dollari. Ma la realtà è più complicata.

Poiché la domanda di petrolio è molto anelastica nel breve periodo, anche una piccola riduzione del flusso di petrolio che raggiunge i mercati globali può causare un aumento significativo dei prezzi. Infatti, gli studi dimostrano che, nel breve periodo, i ricavi delle vendite di petrolio aumentano quando è disponibile meno petrolio. In altre parole, i prezzi alle stelle aumenteranno i proventi delle esportazioni della Russia, dando l’impressione che le sanzioni siano fallite.

A dire il vero, i prezzi diminuiranno gradualmente di nuovo, poiché altri paesi, desiderosi di approfittare dei prezzi elevati, aumenteranno la loro produzione di petrolio. Il profitto, non la pressione politica degli Stati Uniti, è stata probabilmente la motivazione principale alla base della recente decisione dell’OPEC di aumentare gli obiettivi di produzione. Tuttavia, quando i prezzi scenderanno, la Russia avrà raccolto entrate considerevoli.

Iscriviti a Project Syndicate

Goditi l’accesso illimitato alle idee e alle opinioni dei principali pensatori del mondo, tra cui letture settimanali lunghe, recensioni di libri, raccolte di argomenti e interviste; Rivista cartacea annuale The Year Ahead ; l’archivio PS completo; e altro ancora. Il tutto a meno di 9 dollari al mese.

ISCRIVITI ORA

C’è un altro motivo fondamentale per cui l’embargo dell’UE sul petrolio russo avrà solo un impatto limitato: il petrolio è una merce fungibile. Paesi come l’India e la Cina, che insieme consumano il doppio del petrolio dell’UE, possono acquistare il petrolio che l’Europa altrimenti avrebbe importato. Non è quindi possibile fermare le esportazioni di petrolio della Russia.

Vale anche la pena notare che l’embargo dell’UE si applica solo alle importazioni marittime di petrolio greggio russo, non alle importazioni via gasdotto. Questo divieto parziale – frutto di un laborioso compromesso – rischia di essere in gran parte inefficace, perché il petrolio marittimo, che deve comunque essere caricato sulle petroliere, può essere facilmente reindirizzato verso altre destinazioni.

Il successo delle sanzioni dovrebbe essere misurato non dalla quantità di petrolio russo importato dai paesi occidentali, ma dalle entrate che la Russia raccoglie dalle sue esportazioni. La chiave è prezzi più bassi, non volumi più bassi.

Qualsiasi valutazione dei potenziali guadagni da esportazione della Russia dovrebbe essere basata sul prezzo al quale il paese può vendere greggio, piuttosto che sul prezzo del mercato mondiale. Qui la notizia è incoraggiante: si è aperto un ampio divario tra il prezzo del petrolio europeo e il prezzo del petrolio russo, che ora viene venduto a un forte sconto di circa 30 dollari al barile. Questa divergenza è emersa subito dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, indicando che non era il risultato di sanzioni ufficiali, ma di auto-sanzioni da parte di commercianti, caricatori e importatori che non volevano essere associati alla Russia.

Gli alti prezzi globali significano che, anche con questo sconto, la Russia guadagna circa 80-90 dollari al barile. Questo è almeno il doppio del costo di produzione (circa $ 40 al barile) e supera di gran lunga il livello dei prezzi di un anno fa. Ma, anche se la Russia sta traendo profitto dalle sue esportazioni di petrolio, sta guadagnando quasi 100 miliardi di dollari in meno all’anno rispetto a quanto farebbe se vendesse il suo petrolio a prezzo pieno.

E queste perdite potrebbero aumentare, a seguito di una decisione meno notata, ma potenzialmente più importante, presa in concomitanza con l’annuncio dell’embargo dell’UE. L’UE e il Regno Unito hanno concordato un divieto coordinato di assicurare le petroliere che trasportano petrolio russo. Ciò ostacolerà in modo significativo la capacità della Russia di spedire il suo petrolio agli acquirenti di tutto il mondo e dovrebbe costringerla a vendere la sua produzione con uno sconto ancora maggiore.

L’importanza dei prezzi del petrolio per i calcoli geopolitici della Russia non può essere sopravvalutata . Verso la fine del 2014, la Russia aveva iniziato a partecipare più apertamente ai combattimenti nella regione orientale del Donbas, in Ucraina. Se avesse continuato a spingersi ulteriormente in Ucraina, l’allora nascente esercito ucraino non sarebbe stato in grado di opporre molta resistenza. Ma i prezzi del petrolio sono crollati da più di $ 100 a meno di $ 50 al barile – e Putin ha accettato gli accordi di Minsk , che hanno fermato l’avanzata russa.

Sebbene i prezzi internazionali siano ora molto al di sopra di questo livello, la buona notizia è che, dati gli sconti che la Russia è costretta a offrire, i prezzi globali devono scendere a soli 80 dollari al barile per causare un notevole dolore economico. Un aumento sostanziale della produzione di petrolio da parte di altri paesi aiuterebbe a raggiungere questo obiettivo; un embargo sul petrolio russo non lo farà. I leader politici occidentali dovrebbero riconoscere questa realtà e ammettere che paralizzare l’economia russa non è in loro potere.

Sorgente: L’embargo europeo sul petrolio russo avrà successo? di Daniel Gros – Project Syndicate