Il manifesto del 09.06.2022

Il manifesto del 09.06.2022

9 Giugno 2022 0 Di Luna Rossa

Maggioranza Ursula spaccata al parlamento Ue sul piano per la neutralità climatica. Salta la riforma del mercato delle emissioni di Co2, Verdi e sinistra contro, accusano destra e lobby: «Testo stravolto». Ma passa lo stop alle auto a benzina e diesel dal 2035

Europa

Euro 0

Anna Maria Merlo

Maggioranza Ursula spaccata al parlamento Ue sul piano per la neutralità climatica. Salta la riforma del mercato delle emissioni di Co2, Verdi e sinistra contro, accusano destra e lobby: «Testo stravolto». Ma passa lo stop alle auto a benzina e diesel dal 2035

SUMMIT SULLA CRISI DEL GRANO

Lavrov a Ankara, Kiev non è invitata

Sabato Angieri

Il summit per sbloccare le esportazioni sortisce l’effetto opposto. L’Ucraina chiede che sia la Nato a garantire la sicurezza dei porti

Palermo, arrestato candidato di Forza Italia
Politica

Palermo, arrestato candidato di Forza Italia

Mario Di Vito

A finire in manette sono stati il candidato consigliere di Forza Italia Pietro Polizzi, il costruttore Agostino Sansone e il suo factotum Gaetano Porretto. Il reato contestato a tutti è il 416-ter, lo scambio elettorale politico mafioso

Catalfo: «Salario minimo, una soglia dignitosa  valga per tutti»
Economia

Catalfo: «Salario minimo, una soglia dignitosa valga per tutti»

Massimo Franchi

L’ex ministra, prima firmataria del ddl che fissa a 9 euro il valore senza distinzione di settori. La proposta di Orlando riprende in gran parte la mia su erga omnes e Tec: rafforza la contrattazione. Un accordo si può trovare, ma è dirimente fissare una paga sotto cui non andare

Laura Boldrini: «L’Italia non è più equidistante, Draghi parli delle colonie»»
Internazionale

Laura Boldrini: «L’Italia non è più equidistante, Draghi parli delle colonie»»

Chiara Cruciati

Intervista alla presidente del Comitato permanente per i diritti umani della Camera, di ritorno da una visita tra Sheikh Jarrah e Masafer Yatta: «C’è un doppio canale oggi per chi è cittadino israeliano e chi non lo è. Diamo concretezza alla formula “due popoli due Stati”: porre fine all’occupazione e riconoscere lo Stato di Palestina. Il presidente del Consiglio andrà in visita tra pochi giorni e spero che ponga all’attenzione la condizione congelata di Gerusalemme e la continua colonizzazione»

Kiese Laymon, quesiti all’ombra di una bandiera
Cultura

Kiese Laymon, quesiti all’ombra di una bandiera

Guido Caldiron

Parla l’autore di «Come uccidersi e uccidere in America», per Black Coffee. Come descrivere il lento oscillare tra la vita e la morte di un adolescente nero sotto il cielo del Mississippi? « Qualcosa lega il “prima” e il “dopo” dell’America nel segno di Trump. Mentre scrivevo ero però preda di un’ossessione che mi ha portato a considerare il trumpismo come un dato di fatto». «A trent’anni dalla rivolta di Los Angeles, noi lottiamo e loro si oppongono. Stiamo soffrendo ma combattiamo ancora. Tra le nostre richieste: la libertà, l’amore e bisogni dei piccoli»

Riecco la «guerra giusta» di Michael Walzer
Commenti

Riecco la «guerra giusta» di Michael Walzer

Luca Baccelli *

I «buoni argomenti etici», secondo un’infelice espressione di Jürgen Habermas, sono stati utilizzati in favore dell’intervento della Nato contro la Jugoslavia nel 1999, privo di una qualsiasi giustificazione giuridica: una guerra di aggressione, ma definita addirittura «umanitaria»

Il cuore vulnerabile dell’Impero statunitense
Commenti

Il cuore vulnerabile dell’Impero statunitense

Fabrizio Tonello

Nella società americana la guerra civile strisciante non è iniziata nel 2021: da almeno 14 anni, dalla vittoria di Obama nel 2008, i repubblicani hanno deciso di fare terra bruciata, di rinunciare a vincere proponendo idee o soluzioni conservatrici e di puntare tutto sulle guerre culturali

hacker
Rubriche

Chi paga il riscatto paga due volte

Arturo Di Corinto

Una ricerca di Cybereason denuncia: oltre la metà delle aziende italiane attaccate col ransomware è stata attaccata una seconda volta e nel 36% dei casi ha pagato un nuovo riscatto. Ma il 42% è stato costretto a chiudere la propria attività e nel 38% dei casi ha dovuto licenziare il personale

«Obiettivo sovranità alimentare»
ExtraTerrestre

«Obiettivo sovranità alimentare»

Giorgio Vincenzi

Il fondatore di Slow Food Carlo Petrini parla della delicata questione delle derrate ferme sul suolo ucraino, del necessario potenziamento delle produzioni locali e della follia di una politica del cibo che distrugge il Pianeta

Sorgente: ilmanifesto.it