Edizione il manifesto del 15.05.2022

Edizione il manifesto del 15.05.2022

15 Maggio 2022 0 Di Luna Rossa

Il ministro degli esteri russo Lavrov ammette di non sapere quanto durerà la guerra; Kiev ha le idee più chiare: «A fine anno avremo recuperato tutti i territori». Gli eserciti si contendono il Donbass villaggio per villaggio. Si tratta per l’evacuazione dei feriti dall’Azovstal

Fino a quando
Internazionale

Fino a quando

Marco Boccitto

Il ministro degli esteri russo Lavrov ammette di non sapere quanto durerà la guerra; Kiev ha le idee più chiare: «A fine anno avremo recuperato tutti i territori». Gli eserciti si contendono il Donbass villaggio per villaggio. Si tratta per l’evacuazione dei feriti dall’Azovstal

Commenti

La lingua biforcuta della guerra

Marco Revelli

Siamo all’ambiguità delle proposte. A chi è rivolto il “cessate il fuoco” di Austin: a Putin o anche a Zelensky? Intanto il conflitto cambia natura, ma anche l’Italia invia armi pesanti

GERUSALEMME

Abu Akleh, Israele inizia ad ammettere: «probabile»

Michele Giorgio

Di fronte all’indignazione le autorità israeliane hanno annunciato che avvieranno indagini sull’accaduto. L’Anp di Abu Mazen pronta a collaborare con organismi internazionali sull’uccisione della giornalista

Sabir, il Mediterraneo tra i Sassi
Italia

Sabir, il Mediterraneo tra i Sassi

Giansandro Merli

Si è conclusa ieri a Matera l’ottava edizione del festival. Filippo Miraglia, responsabile immigrazione Arci: «Con questa iniziativa facciamo dialogare le due sponde del mare»

Nel Donbass e a Mariupol, i giorni della morte in faccia
Internazionale

Nel Donbass e a Mariupol, i giorni della morte in faccia

Alberto Negri

Incontro con il fotoreporter Gabriele Micalizzi. Ha cominciato con l’amico per la pelle Andy Rocchelli, ucciso a 30 anni mentre documentava il conflitto. Le centinaia di vittime per le strade, lo scempio del teatro bombardato dai russi. La testimonianza di tre mesi vissuti a raccontare solo con la telecamera e la macchina fotografica

Per il Libano voto spartiacque tra fame e allerta massima
OGGI ELEZIONI IN LIBANO

Per il Libano voto spartiacque tra fame e allerta massima

Pasquale Porciello

Hezbollah conta su una base sicura, la partita vera si gioca sui fronti cristiano e sunnita. Attesa una bassa affluenza. I partiti nati dalla rivolta si dividono: difficile un buon risultato

Kenya, se il buongiorno si vede  dalla campagna elettorale
Internazionale

Kenya, se il buongiorno si vede dalla campagna elettorale

Fabrizio Floris

Crescono le preoccupazioni per un voto che nel 2007 ha causato scontri con oltre mille morti. Vocabolario dell’odio etnico all’indice per scongiurare violenze. Raila Odinga corre per la quinta volta, forse quella buona: sarebbe la prima volta di un primo presidente Luo

Perché gli individui aderiscono ai regimi
Cultura

Perché gli individui aderiscono ai regimi

Stefano Petrucciani

Un’anticipazione dal convegno che si terrà a Venezia dal 19 al 21 maggio «Critica e prassi. Gramscismo e Scuola di Francoforte a confronto». L’estratto analizza l’interpretazione del fascismo – e le divaricazioni del pensiero fra i vari studiosi – in Friedrich Pollock, Max Horkheimer, Franz Neumann

«Sunshine State», nei sogni traditi d’America
Visioni

«Sunshine State», nei sogni traditi d’America

Simona Spaventa

Il regista Steve McQueen ha presentato a Milano in prima assoluta la sua esposizione, un percorso di videoinstallazioni e sculture sonore, visitabile all’HangarBicocca fino a fine luglio. Il razzismo vissuto dal padre e il sudore dei minatori sudafricani, esperienze che hanno ispirato la creazione

Uno scrittore per Aymo  e anche un sindaco per Moser
Rubriche

Uno scrittore per Aymo e anche un sindaco per Moser

Tommaso Nencioni

Si può perdere anche se si è più forti. E succede a volte, nel ciclismo, di perdere proprio perché si è più forti. La vittima di questa legge sul traguardo di Napoli è stata Van der Poel, e se n’è avvantaggiato il vecchio De Gendt

Alias Domenica

Carotaggi naturalistici con artificio chimico

Ilaria Bernardi

Per gli 80 anni dell’artista torinese, al centro di ricerca sull’arte italiana contemporanea, una mostra sugli «oggetti artistici nello spazio del vissuto», in poliuretano espanso, presentati per la prima volta alla Galleria Sperone nel 1966. Manufatti acquistabili a metro, calpestabili, toccabili e perfino indossabili. Coscienza ambientale che ibrida l’io con la natura

Lo Zoo e la Gentry, il piccolo francese che volle farsi inglese
Alias Domenica

Lo Zoo e la Gentry, il piccolo francese che volle farsi inglese

Federico De Melis

Affascinante figura di raccordo fra tre situazioni eminenti della cultura novecentesca: l’atelier Moreau (e Matisse), il circolo di Bloomsbury, gli scrittori della «Nouvelle Revue Française». Con i suoi pastelli insieme affilati e vellutati ha ritratto uomini e bestie alla pari, teneramente: Gide e il mandrillo, Lady Morrell e la vipera di Russell…

Tiffany McDaniel, notizie dal buio
Alias Domenica

Tiffany McDaniel, notizie dal buio

Luca Briasco

Un congedo dalle tradizionali categorie narrative attraverso l’alternarsi di realismo brutale, vena fantastica, deformazioni spazio-temporali: «L’eclisse di Laken Cottle», da Atlantide

Sorgente: Edizione il manifesto del 15.05.2022