Elezioni comunali 2021: a Roma e Torino i ballottaggi saranno un test nazionale – la Repubblica

Elezioni comunali 2021: a Roma e Torino i ballottaggi saranno un test nazionale – la Repubblica

4 Ottobre 2021 0 Di Luna Rossa

 

Il M5S spaccato sulla scelta per il secondo turno. Ma nel Pd si guarda con sospetto agli apparentamenti

ROMA – Cominceranno a pensarci davvero da stanotte. Perché finora, nelle segreterie di partito, è stato difficile anche solo immaginare cosa rimarrà di sogni, ambizioni e speranze al secondo turno di queste amministrative. C’è però quasi una certezza. Nelle grandi città, a meno che non ci siano vantaggi davvero risicati dei candidati favoriti per la vittoria, è difficile che si facciano apparentamenti formali al secondo turno. Ci sarà, molto più probabilmente, un appello agli elettori dei rivali in nome di intese future. Anche se, nel Movimento 5 Stelle, c’è tutta un’area – che va da Laura Castelli a Torino fino a Roberta Lombardi a Roma – che spingerà perché, in caso di sconfitta, M5S e Pd siglino un’intesa. Questo significherebbe entrare in giunta, avere più posti in consiglio comunale. In definitiva, contare di più. Oltre che saldare l’alleanza con i dem, obiettivo che dovrebbe interessare più Giuseppe Conte di altri, ma che l’ex premier non pensa possa passare dai ballottaggi.

LEGGI Lo speciale Amministrative 2021

 

 

Per capire cosa si sta muovendo in queste ore, bisogna ricordare cosa successe più di 5 anni fa, quando Chiara Appendino ribaltò il risultato del primo turno contro Piero Fassino: al ballottaggio partiva svantaggiata, al 30,92 per cento contro il 41,83 dell’avversario. Ma il centrodestra sconfitto fece convergere i suoi voti su di lei. Fu lo stesso Matteo Salvini a dirlo chiaramente: “Laddove non ci sia la Lega e non ci sia il centrodestra al ballottaggio, io voterei il Movimento 5 Stelle. I sindaci uscenti del Pd vanno puniti”. E così fu. Appendino vince con il 54,56 % contro il 45,44 di Fassino.

 

 

Qualcosa di analogo successe a Roma. Virginia Raggi era già in vantaggio sul rivale Roberto Giachetti, 35,26 contro il 24,91. Giorgia Meloni si era fermata al 20,62% e anche qui, Salvini disse: “Io un uomo del Pd non lo voto nemmeno sotto tortura”. Dando modo all’attuale sindaca di Roma di strafare con il 67,15%. Erano i tempi in cui il leader leghista corteggiava i 5 stelle e in cui la cosa – per dirla con Carlo Verdone – era reciproca. Tanto da portare due anni dopo al primo governo Conte. Adesso però, almeno da questo punto di vista, è tutto diverso.

Al Nazareno ripetono che il Pd è fermo a quanto l’ex premier ha detto in campagna elettorale: “Dove i dem e i 5 stelle corrono divisi sono “concorrenti”, l’avversario però, il nemico, resta la destra”. E quindi, quel che ci si aspetta dall’avvocato è almeno un discorso di incoraggiamento per Roberto Gualtieri, nel caso arrivi al ballottaggio. È stato il suo ministro dell’Economia, ha fatto una campagna elettorale senza torcere un capello alla sindaca, anche incassando colpi bassi. L’incubo 2016 potrebbe ripetersi però, per i dem, se al ballottaggio con Gualtieri andasse Carlo Calenda, sorpassando Enrico Michetti all’ultimo miglio. Non è un’ipotesi probabile, è però considerata un’ipotesi possibile. E in questo caso, i voti di destra – e non solo della destra tendenza Giorgetti – potrebbero portarlo alla vittoria.

 

 

A Torino il favorito in caso di ballottagio è invece Paolo Damilano – il candidato di centrodestra – per via del suo profilo moderato, quasi civico, che potrebbe attirare tutti coloro arrabbiati per qualche motivo con il Pd. Perfino i 5 stelle, alleati sul piano nazionale, ma infuriati con il candidato Stefano Lo Russo: è colui che è andato in procura a denunciare Appendino, ha impostato tutta la sua campagna – dalle primarie in poi – sull’esclusione del M5S e sulla fine di quel percorso, cercando invece il centro di Matteo Renzi e Carlo Calenda. Se la candidata M5S dell’ultimo momento Valentina Sganga facesse un risultato migliore delle aspettative, e il Pd ne facesse uno appena sufficiente, la necessità di un apparentamento a Torino ci sarebbe eccome.

 

 

Ma non sarebbe affatto facile, perché bisognerebbe superare anni di rancori, attacchi personali, battaglie campali che in pochi – tra i 5 stelle torinesi – sono disposti a dimenticare. Anche lì, come a Roma, dovrebbe imporsi forse Giuseppe Conte. Ma se per Gualtieri la tentazione ci sarà, per Lo Russo è molto più complicato. Anche perché Chiara Appendino – per altro convinta più di altri della necessità di porre stabilmente il Movimento nel campo del centrosinistra – dovrebbe essere una delle vicepresidenti della squadra che l’ex premier è ormai pronto ad annunciare. Farle uno sgarbo del genere, non sarebbe un buon inizio.

Sorgente: Elezioni comunali 2021: a Roma e Torino i ballottaggi saranno un test nazionale – la Repubblica

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •