Quando Wikileaks svelò i legami del Vaticano con gli USA nel sostenere il golpe di Pinochet 

Quando Wikileaks svelò i legami del Vaticano con gli USA nel sostenere il golpe di Pinochet 

13 Settembre 2021 0 Di Luna Rossa

I documenti di Wikileaks sull’ 11 settembre del 1973, ci ricordano di quali appoggi godesse il golpe di Pinochet oltre a quello degli Stati Uniti e della CIA.

Il Vaticano e i legami con gli USA nel sostenere il golpe di Pinochet

WikiLeaks pochi anni fa infatti ha rivelato i legami tra il Vaticano e la dittatura che rovesciò il presidente socialista Salvador Allende ed il suo governo popolare eletto democraticamente.

Secondo il quotidiano spagnolo Publico.es, si tratta di un documento segreto datato 18 ottobre 1973, in cui il sostituto del segretario di Stato vaticano, Giovanni Benelli, manifestava ai diplomatici statunitensi “la sua grave preoccupazione e quella di Papa Paolo VI, riguardo la vincente campagna internazionale della sinistra per distorcere la realtà della situazione cilena”.

Il giornale spagnolo scriveva che in quella data: “Benelli era di fatto il numero due del Papa, poiché il Segretario di Stato, il Cardinale Amleto Giovanni Cicognani, era troppo vecchio per adempiere alla maggior parte delle sue funzioni e quindi aveva consegnato l’incarico al suo sostituto. In tal modo questo fiorentino lavorò a stretto contatto per un decennio con papa Paolo VI fino a guadagnarsi il soprannome del “Kissinger del Vaticano” per la sua gestione aggressiva, quasi autoritaria, a capo della diplomazia della Santa Sede”.

Benelli era così importante in Vaticano, che fu lui in persona a ricevere Richard Nixon ai piedi dell’elicottero con cui il presidente degli Stati Uniti atterrò in Piazza San Pietro nel 1969 per sigillare l’alleanza anticomunista tra la Casa Bianca e la Santa Sede la quale diede origine ai più crudeli colpi di stato militari in America Latina.”

“Dopo il colpo di stato di Pinochet, Benelli considerava esagerata la copertura degli eventi in Cile definendola forse il più grande successo della propaganda comunista ed era preoccupato del fatto che anche i circoli moderati e conservatori sembravano disposti a credere alle bugie più gravi sui crimini del governo cileno di Pinochet”, scrisse l’Ambasciata degli Stati Uniti a Roma nel suo rapporto classificato come SEGRETO e con il codice EXDIS “di massima riservatezza”.

Benelli aggiungeva che “Le forze di sinistra, resesi conto che la caduta di Allende era stata una delle più grandi battute d’arresto per la causa comunista, hanno cercato di convincere il mondo che la caduta di Allende era dovuta esclusivamente alle forze fasciste ed esterne, piuttosto che ai fallimenti della sua stessa gestione politica”

Benelli esprimeva anche il timore che “il successo di questa campagna di propaganda comunista avrebbe potuto influenzare i media del mondo libero in futuro” continua il documento statunitense. “I racconti dei media internazionali che parlano di una brutale repressione in Cile non hanno fondamento”, affermava il numero due del papa.

Quando Wikileaks svelò i legami del Vaticano con gli USA nel sostenere il golpe di Pinochet

Per quanto riguarda la repressione del regime militare di Pinochet, dichiarava:

Naturalmente, purtroppo, dopo un colpo di Stato, dobbiamo ammettere che c’è stato qualche spargimento di sangue nelle operazioni di pulizia in Cile, ma la Nunziatura a Santiago, il cardinale Silva e l’episcopato cileno in generale hanno assicurato a papa Paolo VI che la Giunta militare sta facendo tutto il possibile per riportare la situazione alla normalità e che le storie dei media internazionali che parlano di brutale repressione sono infondate”.

Secondo la pubblicazione, Benelli (che era candidato ad essere papa dopo la morte di Paolo VI e Giovanni Paolo I) sosteneva che “non si poteva mettere in dubbio la validità o la sincerità del Cardinale Silva”.

Quando Wikileaks svelò i legami del Vaticano con gli USA nel sostenere il golpe di Pinochet
Salvador Allende

Sempre secondo Benelli il papa fu sottoposto a forti pressioni interne nella Chiesa, specialmente dalla Francia, per esprimersi contro gli eccessi della Giunta militare di Pinochet e nonostante gli sforzi del Vaticano, la propaganda di sinistra aveva avuto un notevole successo anche con alcuni dei cardinali più conservatori e con molti prelati che sembrano incapaci di considerare la situazione in modo obiettivo.

Il risultato era che la sinistra (sempre secondo Benelli) era riuscita a creare una situazione in cui il Papa sarebbe stato attaccato dai moderati se avesse difeso la verità in Cile.

Il Vaticano è convinto, e la Nunziatura ha confermato, che durante gli ultimi mesi del governo di Allende, l’Ambasciata cubana stava fungendo da arsenale per distribuire armi fabbricate in Europa orientale ai lavoratori cileni”, afferma Benelli.

Il rapporto segreto dell’ambasciata degli Stati Uniti in Vaticano si conclude con una breve frase:
La scorsa settimana il Vaticano ha informato un intermediario di sinistra che il Papa non poteva ricevere Isabel Allende, e Benelli ha paura che questo possa provocare ulteriori critiche contro il Vaticano”.

Fonte: Publico.es  – Traduzione, Rete solidarietà rivoluzione bolivariana

 

Sorgente: Quando Wikileaks svelò i legami del Vaticano con gli USA nel sostenere il golpe di Pinochet • Kulturjam

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •