Il detenuto palestinese in sciopero della fame nelle carceri israeliane entra nel suo 63° giorno, nonostante il peggioramento della salute – Quds News Network

Il detenuto palestinese in sciopero della fame nelle carceri israeliane entra nel suo 63° giorno, nonostante il peggioramento della salute – Quds News Network

17 Settembre 2021 0 Di ken sharo

Palestina occupata (QNN)- La Palestine Prisoner’s Society (PPS) ha affermato che il detenuto palestinese nelle carceri israeliane Kayed Fasfous ha iniziato il suo 36° giorno di sciopero della fame contro la sua detenzione amministrativa senza accusa né processo.Il PPS ha affermato che Fasfous è stato trasferito la scorsa settimana in un ospedale israeliano dalla prigione della clinica Al-Ramla, poiché la sua salute si è deteriorata. Ha perso oltre 35 chilogrammi del suo peso e soffre di dolori su tutto il corpo, ha detto la sua famiglia mentre esprimeva seria preoccupazione per la salute del figlio.L’ultima visita degli avvocati a Kayed nella prigione della clinica Al-Ramla è stata due giorni fa, e l’avvocato ha detto alla famiglia di Kayed che il loro figlio è stato portato a vederli mentre era su una sedia a rotelle, ha detto Khaled Fasfous, fratello di Kayed, aggiungendo che Kayed ha scarsa visibilità e incapacità di camminare o stare in piedi.L’avvocato ha anche detto alla famiglia di Kayed che il figlio ha detto che non porrà fine al suo sciopero della fame fino a quando non sarà rilasciato dalle carceri israeliane.Khaled ha aggiunto che l’amministrazione carceraria dell’occupazione israeliana pratica un lento assassinio nei confronti di suo fratello, Kayed, soprattutto perché non è stato trasferito in un ospedale civile o diagnosticato da un medico specialista. Fasfous, che ha un figlio, è stato arrestato diverse volte prima, l’ultima nel luglio 2020. Nel 2017 ha anche iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la sua detenzione amministrativa nelle carceri israeliane senza accusa né processo.Fasfous, 32 anni, della città di Dura a Hebron, è il prigioniero in sciopero della fame più lungo tra gli altri 5, poiché circa 40 detenuti palestinesi hanno iniziato lo sciopero della fame dall’inizio del 2021, per protestare contro la detenzione di Israele senza un’accusa o un processo.I 5 prigionieri in sciopero della fame sono:•Alaa Al-A’raj•Miqdad al-Kawasma•Hisham abu Hawash•Rayek Bisharat•Shadi abu AkaerLa detenzione amministrativa è illegale secondo il diritto internazionale, tuttavia, lo stato di occupazione la usa per reprimere il popolo palestinese.”Israele” usa sistematicamente la detenzione amministrativa e, nel corso degli anni, ha messo migliaia di palestinesi dietro le sbarre per periodi che vanno da diversi mesi a diversi anni, senza accusarli, senza dire loro di cosa sono accusati e senza rivelare le presunte prove a loro o ai loro avvocati.Quindi, lo sciopero della fame è un metodo di resistenza non violenta che i prigionieri usano per proteggere le loro vite ei loro diritti fondamentali e una risposta alle politiche razziste dell’occupazione che devono affrontare nelle carceri.La Società dei prigionieri palestinesi (PPS) ha dichiarato martedì che ci sono 4650 prigionieri palestinesi detenuti in 23 carceri israeliane e centri di detenzione e interrogatorio, tra cui 200 minori e 40 donne.

Sorgente: Il detenuto palestinese in sciopero della fame nelle carceri israeliane entra nel suo 63° giorno, nonostante il peggioramento della salute – Quds News Network

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •