La Gran Bretagna legalizza stupro, tortura e crimini di guerra – OP-ED – L’Antidiplomatico

La Gran Bretagna legalizza stupro, tortura e crimini di guerra – OP-ED – L’Antidiplomatico

9 Giugno 2021 0 Di marco zinno

di Richard Medhurst*

In tutta la Gran Bretagna le persone stanno protestando contro una proposta di legge che limita proprio questo diritto, ma sono già state approvate altre due leggi, che consentono ad agenti sotto copertura di commettere crimini e danno alle truppe britanniche l’immunità dai crimini di guerra.

 

Al centro delle attuali proteste in Gran Bretagna c’è il Police, Crime, Sentencing and Courts Bill.

Questa controversa nuova legge, soprannominata “legge anti-protesta” , imporrebbe severe restrizioni alle proteste e colpirebbe coloro che non rispettano le dure condanne.

Il movimento “Kill the Bill”, una coalizione di gruppi di attivisti, cerca di fermare questa legislazione mentre è ancora in fase di approvazione in Parlamento. Crea un precedente incredibilmente pericoloso per le libertà civili, minando qualsiasi presunta democrazia che il Regno Unito possa avere.

Inoltre, negli ultimi mesi il Regno Unito ha approvato altre due leggi, una che consente agli agenti sotto copertura di commettere qualsiasi crimine, e un’altra che conferisce alle truppe britanniche l’immunità dai procedimenti giudiziari per crimini di guerra. Questi sono passati in gran parte inosservati all’opinione pubblica britannica.

Nel marzo 2021, il governo conservatore britannico di Boris Johnson ha introdotto una nuova legge in parlamento dal titolo Police, Crime, Sentencing and Courts Bill.

Questo gigantesco atto legislativo mira a scuotere il sistema di giustizia penale in Inghilterra e Galles. Fornisce alla polizia ampi poteri nuovi, consentendo loro di decidere se una protesta è giustificata o meno, imporre un orario di inizio e di fine e chiudere una protesta sul posto. I criteri proposti per chiudere una protesta includono un linguaggio vago e arbitrario come essere “troppo rumoroso” o “fastidioso” – neutralizzando efficacemente qualsiasi protesta pubblica significativa. Alla richiesta di spiegare il significato di una “protesta rumorosa”,  risposte altrettanto vaghe e poco chiare sono state fornite dal ministro degli Interni Priti Patel.

Secondo la proposta di legge, il mancato rispetto degli ordini della polizia potrebbe comportare una multa fino a £ 2.500. La pena per il deturpamento o il danneggiamento di memoriali è stata aumentata da tre mesi a 10 anni; questo arriva sulla scia delle proteste di Black Lives Matter nel 2020 che hanno visto una statua del commerciante di schiavi Edward Colston gettata nel molo di Bristol.

Gli attivisti nel Regno Unito hanno definito il disegno di legge un “palese tentativo di creare uno stato di polizia autoritario”,minare il diritto alla libertà di parola e di riunione pacifica – i pilastri di una presunta democrazia liberale. Dal marzo 2021, sono scoppiate proteste in tutta la Gran Bretagna, anche a Londra, Bristol, Birmingham, Liverpool e in altre grandi città, con centinaia di arresti da parte della polizia.

Il Regno Unito gira il mondo tenendo conferenze in altri paesi sulla libertà e sulle violazioni dei diritti umani. Ha bombardato e distrutto l’Iraq e l’Afghanistan in nome della ‘democrazia’ – e nella sua assoluta ipocrisia perseguita Julian Assange per aver denunciato i crimini di quelle guerre. Ora cerca di calpestare gli stessi valori democratici e le libertà che afferma di difendere.

Il Police and Sentencing Bill è già stato approvato in prima e seconda lettura e ora è in commissione, e le proteste contro di esso continuano. Eppure altre due leggi sono già state approvate sotto il governo di Boris Johnson: The Covert Human Intelligence Sources (CHIS) Act e Overseas Operations Bill. Nonostante la loro natura autoritaria, oltre alla loro minaccia alle libertà civili e al diritto internazionale, il loro passaggio in Parlamento è passato in gran parte inosservato.

Omicidio autorizzato dallo Stato

Il disegno di legge sulle fonti segrete dell’intelligence umana (CHIS) (soprannominato il disegno di legge “SpyCops”) dà agli agenti sotto copertura il permesso di commettere crimini attraverso una “autorizzazione per condotta criminale”. Ciò include stupro, tortura, omicidio e altri crimini violenti. Il disegno di legge si applica all’MI5, il servizio di sicurezza britannico, ma si estende anche a qualsiasi forza di polizia in Gran Bretagna e ad altre agenzie come la Gambling Commission, la Food Standards Agency, il Ministero degli Interni e il Ministero della Giustizia.

In nome della prevenzione della criminalità, o nell’interesse della sicurezza nazionale o degli “interessi economici” del Regno Unito – il che potrebbe significare qualsiasi cosa – gli agenti sarebbero autorizzati a commettere impunemente alcuni dei crimini più atroci. Lo SpyCops Bill è già diventato legge.

Molti temono che i sindacati dei lavoratori, gli attivisti e le organizzazioni contrarie al governo e ad altri centri di potere nel Regno Unito vengano presi di mira. In precedenza, la polizia si era infiltrata in tali gruppi, prendendo di mira in modo sproporzionato organizzazioni , attivisti e manifestanti di sinistra . Il Guardian ha anche rivelato nel 2018 che il London Met aveva utilizzato oltre due dozzine di agenti per infiltrarsi in gruppi di sinistra come parte di una campagna di spionaggio sotto copertura durata 37 anni.

Con la garanzia che i conservatori voteranno in modo schiacciante a favore della loro legge, il leader laburista Keir Starmer ha naturalmente fatto ciò che ci si aspetta dall’opposizione: niente. I parlamentari laburisti sono stati costretti ad astenersi – solo 34 di loro hanno scelto di ribellarsi – regalando ai conservatori un passaggio incontrastato del disegno di legge.

Nei Lords, un tentativo di rimuovere dal disegno di legge i crimini più efferati , come lo stupro, l’omicidio e la tortura, è stato successivamente abbattuto alla Camera dei Comuni. Il disegno di legge ha ricevuto l’assenso reale il 1 marzo 2021.

Questa carta bianca per commettere crimini – essenzialmente una licenza di uccidere – può essere devastante nelle mani sbagliate. Dare allo stato poteri così straordinari sulla vita dei cittadini ordinari è autoritario nel migliore dei casi e follia nel peggiore dei casi – e il governo non si ferma qui.

Accuse di crimini di guerra? Sono solo fastidiose

Un altro preoccupante atto legislativo che è già diventato legge è quello sulle operazioni all’estero (personale di servizio e veterani). Propone una cosiddetta “presunzione contro l’accusa” per i membri del servizio all’estero, essenzialmente dando alle truppe britanniche l’immunità dai procedimenti giudiziari per crimini di guerra. Introduce un termine di prescrizione di cinque anni, il che significa che se un presunto reato è avvenuto più di cinque anni fa, non sarà preso in considerazione dai tribunali e dal Ministero della Difesa.

Il governo sostiene che questa legge protegge le truppe britanniche da quelle che il segretario alla Difesa Ben Wallace ha definito affermazioni “vessatorie” e “indagini infinite” su crimini di guerra e altre atrocità, smantellando ogni speranza di giustizia per le numerose vittime dei crimini di guerra britannici.

Il governo sta essenzialmente liquidando le accuse di crimini di guerra come fastidiose.

… continua dalla sorgente […]

Sorgente: La Gran Bretagna legalizza stupro, tortura e crimini di guerra – OP-ED – L’Antidiplomatico

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •