Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Razzismo, poliziotto calpesta il collo della donna di colore: le immagini infiammano il Brasile

 

Un video choc mostra un ufficiale di polizia brasiliano che calpesta il collo di una donna di colore ammanettata e distesa a terra mentre urla tutto il suo dolore. Proprio come il caso negli Usa di George Floyd, 46 anni, morto a causa di un intervento brutale di un agente di polizia. Da quel momento la storia, americana e non solo, è cambiata.

Il filmato ripreso da alcuni cittadini a San Paolo è uscito in televisione solo in questi giorni e ha sollevato molte polemiche. Intanto due poliziotti sono sotto accusa. In questo caso la donna, 51 anni, proprietaria di un bar e
madre di cinque figli, era stata trascinata a terra dopo essere stata ammanettata.

George Floyd, per venti volte la vittima ha urlato: «Non riesco a respirare»

Razzismo, i piloti si spaccano: Hamilton s’inginocchia Leclerc e Vertappen no

Dopo che il filmato è stato trasmesso da Globo TV, i due poliziotti hanno raccontato che erano stati attaccati con una verga di ferro e si stavano difendendo, dal canto suo la vittima nega tassativamente. Nella video poi, uno degli ufficiali viene visto puntare la pistola contro due uomini che sembrano provare a mostrargli che non sono armati. Uno degli uomini si toglie persino la maglietta e si gira per dimostrare che non ha un’arma.
Il filmato subito dopo immortala la scena terribile dell’agente che schiaccia il collo della donna con un piede per bloccarla, eppure è ammanettata ed è distesa a terra.

Il governatore dello stato João Doria ha chiesto che entrambi i funzionari vengano licenziati e afferma che tali abusi sui cittadini non sono tollerati. Ha anche aggiunto che tutti i 2.000 poliziotti in città ora dovranno avere delle telecamere mentre pattugliano le strade.

Sorgente: Razzismo, poliziotto calpesta il collo della donna di colore: le immagini infiammano il Brasile

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.