Quanto costa quindi il Mes? Il debito meno caro che conviene all’Italia (ma non a Francia e Germania)

Quanto costa quindi il Mes? Il debito meno caro che conviene all’Italia (ma non a Francia e Germania)

7 Luglio 2020 0 Di Luna Rossa

di Giuditta Marvelli

Quanto costa quindi il Mes? Lo 0,13% a 10 anni, spese di gestione comprese. I Paesi dell’Ue pagherebbero 13 milioni di interessi l’anno per ogni 10 miliardi di finanziamenti avuti. Ma mentre per l’Italia accedere al fondo avrebbe una convenienza, per i Paesi virtuosi non vi è utilità. Quelli con un merito di credito più elevato (Germania, Olanda, Austria, Belgio e Francia) sono addirittura «pagati» per piazzare i loro bond. Berlino incassa ben 43 milioni ogni 10 miliardi. Al Tesoro, invece, gli stessi 10 miliardi oggi costano sul mercato 122 milioni. Accedere al Mes ne farebbe risparmiare 109: la differenza tra 122 e 13.

I costi del Mes

Quanto costa quindi il Mes, il fondo Salva Stati che divide la politica italiana e non solo? Lo 0,13% a dieci anni, spese di gestione comprese. In soldoni, per ogni dieci miliardi di finanziamenti ottenuti con questo strumento, tutti i Paesi dell’Unione europea eventualmente interessati pagherebbero 13 milioni di interessi l’anno. E quanto costa invece, sempre ai tassi di oggi, fare da soli finanziandosi sul mercato con i rispettivi titoli di Stato? Dipende. I Paesi virtuosi, quelli con un merito di credito più elevato addirittura incasserebbero invece di pagare. Nella stagione dei tassi negativi — che non accenna a finire e a cui la pandemia potrebbe aver allungato la vita — i più affidabili sono pagati dal mercato per piazzare i loro bond. Germania, Olanda, Austria, Belgio e Francia (vedi tabella) non avrebbero alcuna convenienza a ipotizzare un prestito Mes, perché dovrebbero chiedere soldi ai contribuenti (13 milioni ogni 10 miliardi), mentre per loro è sufficiente collocare i titoli di Stato per guadagnare. La Germania incassa ben 43 milioni ogni 10 miliardi raccolti, l’Olanda 29, il Belgio quasi 14, la Francia 12. Ben diverso il conto per i Paesi periferici, Italia e Grecia in testa, ma anche Spagna e Portogallo. Un Btp decennale rende l’1,2% l’anno. Significa che, da qui al 2030, il Tesoro pagherà questo interesse ai creditori di medio lungo periodo.

109 milioni di euro di risparmi

Oggi 10 miliardi di finanziamento sul mercato costano al Tesoro italiano 122 milioni, con il Mes se ne risparmierebbero 109. Ad Atene — che in questo momento paga addirittura un po’ meno di noi — tocca pagarne 113. Spagna e Portogallo ne dovrebbero sborsare più di 40. Ma attenzione, spiega Luca Tobagi, investment strategist di Invesco che ha elaborato la tabella su dati Bloomberg e Bce: se ragionassimo su un prestito a sette anni, e non più a dieci, anche Spagna e Portogallo entrerebbero (di poco) nel club dei paesi per cui il Mes sarebbe una spesa inutile. Perché, sottolinea Tobagi, sotto i sette anni anche la penisola iberica viaggia a tassi negativi.

La sicurezza si paga

I tassi negativi, lo ricordiamo, vengono da lontano e sono l’effetto della cura anti crisi della Bce. I potenti e reiterati acquisti di bond hanno spinto a zero i tassi di interesse creando un effetto scarsità per le obbligazioni di qualità più elevata (i tedeschi bund in testa) con il paradosso del segno meno davanti al rendimento. Vuoi titoli affidabili? La sicurezza si paga. Grecia e Italia, quindi, resterebbero le uniche col dilemma Mes. Nel nostro caso, per esempio, i tassi sono negativi solo sulle scadenze brevi. Fin qui la matematica (ai tassi di oggi) e i meccanismi (la lunga storia dei tassi negativi). Non saranno nè l’una nè l’altra, però a decidere se il fondo Mes è una partita da giocare. Tocca alla politica. Che dovrà decidere se tutto quello che definisce il prezzo (del Mes e delle sue alternative) è giusto. O no.

Sorgente: Quanto costa quindi il Mes? Il debito meno caro che conviene all’Italia (ma non a Francia e Germania)

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •