il manifesto del 08.03.2020 – il manifesto

il manifesto del 08.03.2020 – il manifesto

8 Marzo 2020 0 Di Luna Rossa

Cordone sanitario intorno alla Lombardia. Non si può entrare e uscire dalla regione se non per «motivi gravi». Chiuse anche 11 province tra Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna. È la decisione del governo dopo la nuova impennata di contagi e il grido d’allarme dei medici delle terapie intensive al collasso nelle «zone rosse». Malati trasferiti in altre regioni. In arrivo nuove pesanti restrizioni in tutta Italia

ITALIA

Coronavirus, chiusa la Lombardia

Andrea Colombo

Vietato entrare o uscire dalla regione. Dichiarate zona rossa anche altre 11 province. Nuovo decreto per lo stop ai locali in tutta Italia

Lombardia, paziente trasferiti fuori regione

Andrea Capocci

Per i medici rianimatori è uno scenario da catastrofe che «può rendere necessario mettere un limite di età per l’accesso alla terapia intensiva». Ieri 362 nuovi ricoveri, +10% quelli non gravi, +22% le terapie intensive. Aumenti più lenti di quelli delle ultime due settimane

Mille casi in 24 ore. Teheran si svuota, il nord è isolato

Farian Sabahi

Tra i 145 morti, anche una parlamentare. A due settimane dal Capodanno persiano, l’Iran chiude le vie di comunicazioni tra la capitale e il Mar Caspio. «Peggio delle sanzioni, peggio di una guerra», racconta lo scrittore Mohammad Tolouei

Trump lascia soli gli Stati, a Ny è stato d’emergenza

Marina Catucci

Negli Usa manca la guida federale, mentre il presidente minimizza e la sua amministrazione rifiuta i tamponi dell’Oms. A New York il sindaco fa appello a migranti senza documenti e cittadini senza assicurazione: «Se non sei in grado di pagare verrai comunque curato»

LAVORO

Radio Popolare, corrispondenti in sciopero per tre giorni

redazione economica

La protesta da venerdì 6 marzo alla mezzanotte di lunedì 9 marzo per adeguare gli attuali compensi da dieci euro lordi a pezzo. Previsto un pacchetto complessivo di sette giorni di astensione dal lavoro. La richiesta di un incontro urgente è stata fissata al due aprile, ma per i lavoratori è troppo tardi. Il Cdr: “E’ possibile trovare la soluzione”. L’Associazione Lombarda dei Giornalisti: “I lavoratori chiedono di aprire un tavolo con il sindacato per il riconoscimento del loro ruolo”. L’amministratrice delegata della radio Catia Giarlanzani conferma l’incontro il due aprile. “Questo è un momento difficile, con tre persone in quarantena e il telelavoro, ma affronteremo il problema”

ITALIA

Violenza sulle donne, tutte le carenze italiane

Shendi Veli

La Rete DiRe lancia una campagna lunga un anno per arrivare alla concreta applicazione della Convenzione di Istanbul. Un rapporto del Consiglio d’Europa elenca le questioni urgenti: mancanza di fondi, finanziamenti indirizzati male e un concetto falsato di parità

INTERNAZIONALE

Guatemala, l’adolescenza bruciata viva

Simone Scaffidi

Oggi una intera giornata, con manifestazioni e un festival, dedicata al ricordo delle ragazze morte nel fuoco della casa protetta statale Virgen de la Asunciòn. Avevano tentato la fuga dopo abusi sessuali, ma una volta riprese vennero rinchiuse in un padiglione per punizione e poi divorate da un incendio

Dal Cile al Messico, due giorni di mobilitazione femminista

Claudia Fanti

Oggi e domani l’America latina attraversata dalle manifestazioni delle donne e le loro rivendicazioni, dall’aborto legale e sicuro alla parità salariale fino alla tutela delle risorse naturali e a scuola e sanità gratuite

CULTURA

Vita nascosta di una tata inglese

Alessandra Pigliaru

Parla Jill Dawson, autrice del romanzo «Un inutile delitto» (Carbonio editore) in cui riconsegna voce e corpo a Sandra Rivett, bambinaia 29enne uccisa nel 1974 «per sbaglio» dal rampante lord presso cui lavorava. «La differenza di classe permea ogni aspetto della società britannica e non credo che molto sia mutato oggi, soprattutto in relazione alla violenza contro le donne»

La rivoluzione quieta di McCoy Tyner

Luigi Onori

Sulla scena e negli album lo stile del grande pianista, scomparso a 81 anni, è stato fisico e trascinante. Una presenza fondamentale al fianco di Coltrane, geniale nei lavori solisti

Le Satire di ariosto tra abbozzi e dubbi editoriali

Paolo Pellegrini

Le Satire inscenano una serie di quadretti domestici pieni di autobiografia e autoironia, nel segno di Orazio: la nuova edizione per Storia e Letteratura, a cura di Emilio Russo, è frutto di un lavoro collettivo sugli autografi

Brokken, un visto per la vita

Valentina Parisi

Lo scrittore olandese ha rincorso fino in Cina l’inventore di un geniale escamotage grazie al quale, nel 1940, riuscirono a sfuggire alla persecuzione circa 5000 ebrei: «i Giusti», da Iperborea

Jim Dine: spossessamento con le mie facce

Andrea Cortellessa

La magnifica mostra, curata da Daniela Lancioni, indica nell’”attorialità” la cifra dell’artista dell’Ohio: i suoi molteplici «avatar», un’autobiografia di tutti

Trisorio, l’opera d’arte è corpo sociale

Giuseppe Frangi

Una Napoli elettrizzante anni settanta nel segno del trasversalismo, da Joseph Beuys alla videoarte. Il gallerista Pasquale Trisorio raccontato dalla moglie Lucia e dalla figlia Laura

Malevich, azzeramento e possibilità

Paolo Martore

Il libro ragiona su come il fondatore del Suprematismo riviva il problema della tradizione dell’Oriente cristiano. Nella sua ricerca la tensione verso un’«apertura» è costante, e promuove i vari transiti dalla stagione cubo-futurista a quella alogica, e poi suprematista, astratta e non-oggettiva

Iside arriva a Roma, lezione di metodo (contro il ribassismo)

Giuseppe Pucci

Initia Isidis di Filippo Coarelli, per Agorà & Co., affronta magistralmente un tema tanto cruciale quanto dibattuto: a quando risale l’ingresso dei culti egiziani nel mondo romano? Al terzo secolo a.C. (nonostante gli scettici…)

Marcello Rumma, resuscitato in luce attenuata

Stefano Chiodi

Suicida a 28 anni nel 1970, è stato una delle personalità più originali e meno note della scena artistica degli anni sessanta, nel passaggio all’Arte Povera (Rassegne di Amalfi). La sua azione «comunitaria» viene rievocata in una mostra asciutta e drammatica

Godart, l’onda lunga dei valori della classicità

Valentina Porcheddu

La «Parigina» e le «Dame in blu» della reggia di Cnosso, il «Pescatore» di Thera-Santorini, Evans, Schliemann, Ventris, Demodoco e Femio: Louis Godart sulla genesi della civiltà europea in Da Minosse a Omero, Einaudi

Sorgente: il manifesto del 08.03.2020 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •