Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Caso Open Arms, nuova richiesta di autorizzazione a procedere contro Salvini per sequestro di persona. “Il soccorso in mare è obbligatorio” – la Repubblica

Il tribunale dei ministri di Palermo chiede di processare l’ex ministro dell’Interno. “Le provano tutte per fermare me e impaurire voi”. E la Ong spagnola proprio in queste ore attende dal Viminale una risposta sul porto dove poter sbarcare 363 persone

ROMA –  Il decreto sicurezza bis non può essere applicato a navi che soccorrono naufraghi perchè “il socorso in mare è obbligatorio”. E’ la motivazione principale con cui il tribunale dei ministri di Palermo chiede al Senato una nuova autorizzazione a procedere per Matteo Salvini per il caso Open Arms. Una richiesta corposa, 110 pagine, la vera inchiesta per sequestro di persona, condotta per tutta l’estate dalla Procura di Agrigento guidata da Luigi Patronaggio e passata per competenza a Palermo a novembre quando i pm agrigentini hanno deciso di iscrivere nel registro degli indagati il nome dell’ex ministro dell’Interno per aver trattenuto a bordo della Open Arms davanti Lampedusa per venti giorni 164 migranti poi fatti scendere su ordine del procuratore di Agrigento.

Con un mese di anticipo rispetto ai tempi a disposizione, il tribunale dei ministri di Palermo ha chiuso la sua indagine chiedendo alla Procura di Palermo di avanzare una nuova richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini. La comunicazione è arrivata in Senato ed è stata trasmessa all’ex ministro. I reati contestati sono sequestro di persona e omissione di atti d’ufficio: la richiesta è relativa a un soccorso della Open Arms che Salvini ha bloccato a cavallo di Ferragosto. Indagato, insieme a Salvini, anche il capo di gabinetto del Viminale Matteo Piantedosi.

“Ormai le provano tutte per fermare me e impaurire voi: vi prometto che non mollo e non mollerò, mai” ha commentato il leader della Lega che attende per il 12 febbraio il voto dell’aula del Senato sull’altra richiesta di autorizzazione che pende sulla sua testa, quella per il caso Gregoretti su cui la giunta ha già dato l’ok al processo.

La disperazione: migranti si gettano in mare per raggiungere la costa

Il caso Open Arms fu uno dei più drammatici dell’era Salvini al Viminale, con i migranti salvati in zona Sar libica costretti a rimanere a bordo del vecchio rimorchiatore spagnolo in condizioni di assoluta emergenza come verificarono anche le ispezioni condotte dai medici della Sanità marittima. Dopo diversi giorni alcuni migranti tentarono anche la fuga verso Lampedusa gettandosi a nuovo verso le coste dell’isola ma furono ripresi dai volontari della Ong.

A bordo della nave, per sollecitarne l’approdo, salì anche l’attore Richard Gere arrivato dalla Toscana, dove era in vacanza, per venire a portare la sua solidarietà ai migranti.

Richard Gere: “Sulla Open Arms ci sono angeli che hanno bisogno del nostro aiuto”

E ancora la Open Arms, proprio in queste ore è al largo della Sicilia con 363 persone a bordo in attesa della concessione di un porto sicuro. Dopo aver ricevuto per tre volte il no di Malta, la Ong spagnola ha chiesto il porto al Viminale ma non ha ancora ricevuto risposta e, nel frattempo, si è avvicinata a Pozzallo per portare a terra un componente dell’equipaggio che necessita di sbarcare.

Sorgente: Caso Open Arms, nuova richiesta di autorizzazione a procedere contro Salvini per sequestro di persona. “Il soccorso in mare è obbligatorio” – la Repubblica

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing