0 1 minuto 4 anni

16 gennaio 2020

LINK EMBED

L’uccisione di Soleimani, le proteste contro il regime degli ayatollah, lo scontro sul nucleare. Nella partita Stati Uniti-Iran la contrapposizione si radicalizza – di Maria Serena Natale /CorriereTV

L’uccisione del generale Qassem Soleimani, il contrattacco iraniano, l’abbattimento del volo ucraino. Donald Trump porta a casa una parziale vittoria d’immagine ma anche una maggiore diffidenza da parte degli alleati. Nell’immediato la partita è interna al regime degli ayatollah: l’insabbiamento sull’aereo precipitato subito dopo il decollo da Teheran ha risollevato la protesta. Gli iraniani chiedono la svolta.

se non riesci a vedere il video clicca il seguente link:

https://video.corriere.it/cronaca/approfondimenti/usa-iran-relazioni-pericolose-crisi-davvero-finita/28f2d70a-36e5-11ea-8c20-22605fcc4a4b


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.